Mobilità

Lo smart working fa risparmiare energia e tagliare le emissioni. L’analisi Aie

di

Aie

L’analisi dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie) mostra come il lavoro da casa riduce le emissioni e produce risparmio energetico

Con la crisi determinata dal Covid-19, un gran numero di persone ha iniziato a lavorare da casa, con impatti immediati sul consumo di energia. La domanda di petrolio si è ridotta, ma è aumentato anche l’uso dell’elettricità residenziale. Aziende come Google e Facebook hanno annunciato che avrebbero consentito ai membri del personale di lavorare in remoto almeno fino all’inizio del prossimo anno, mentre Twitter ha dato ai suoi dipendenti la possibilità di lavorare da casa a tempo indefinito. Ciò, tuttavia, solleva la questione di quali potrebbero essere le implicazioni per l’uso di energia e le emissioni di gas serra nel caso in cui lo smart working venisse protratto nel tempo. Da qui l’analisi dell’Agenzia internazionale per l’energia che mostra come il lavoro da casa probabilmente ridurrà la impronta carbonica di chi usava l’auto per andare in ufficio lontano più di 6 km mentre per spostamenti più brevi o effettuati con i mezzi pubblici, lavorare da casa potrebbe aumentare le emissioni di Co2 a causa del consumo extra di energia residenziale.

IL TREND

“Analizzando le tendenze dei pendolari e i dati del mercato del lavoro, abbiamo scoperto che se tutti fossero in grado di lavorare da casa in tutto il mondo lo facessero per un solo giorno alla settimana, si risparmierebbe circa l’1% del consumo globale di petrolio per il trasporto di passeggeri su strada all’anno. Tenendo conto dell’aumento che ciò comporterebbe nel consumo di energia da parte delle famiglie, l’impatto complessivo sulle emissioni globali di Co2 sarebbe un declino annuale di 24 milioni di tonnellate (Mt), equivalente alla maggior parte delle emissioni annuali di Co2 della Greater London”, hanno commentato Daniel Crow e Ariane Millot di Aie.

CONSEGUENZE SORPRENDENTI PER IL SETTORE TRASPORTI

La crisi di Covid-19 ha avuto conseguenze sorprendenti per il settore dei trasporti, ammettono i due analisti Aie: “I blocchi del governo hanno provocato un calo dal 50% al 75% del traffico stradale in tutto il mondo. Ad aprile, con circa un terzo della popolazione mondiale completamente bloccata, il consumo di benzina è diminuito di oltre 9 milioni di barili al giorno – un calo senza precedenti – e la domanda di diesel è diminuita di 6 milioni di barili al giorno. Con fino al 59% dei dipendenti nei paesi interessati che lavorano da casa, l’effetto sul traffico stradale nelle ore di punta è stato ancora più sorprendente. Le principali città hanno visto un calo della congestione delle ore di punta dal 65% al ​​95%. Ci sono stati anche ampi cali dell’inquinamento atmosferico dovuto al traffico stradale. Uno dei più impressionanti è stato a Nuova Delhi, dove i livelli medi di biossido di azoto sono stati inferiori di circa due terzi durante il blocco rispetto alle settimane che lo hanno preceduto”.

LA DOMANDA RESIDENZIALE DI ENERGIA IN AUMENTO

I blocchi hanno anche influito però sulla domanda residenziale di energia. “Sebbene il consumo complessivo di elettricità sia crollato del 20% o più, i servizi energetici hanno riportato un aumento della domanda residenziale a causa delle persone che trascorrono più tempo a casa. I modelli di domanda oraria nei giorni feriali assomigliavano a quelli di una normale domenica. In alcune parti degli Stati Uniti, l’uso medio di elettricità residenziale nei giorni feriali è aumentato dal 20% al 30%. Nel Regno Unito, il consumo di elettricità residenziale è aumentato del 15% nei giorni successivi al blocco”, spiegano Crow e Millot di Aie.

IN AUMENTO ANCHE LA DOMANDA DI MOBILITA’ PRIVATA

Al contrario non vi è alcuna garanzia che l’uso dell’auto rimarrà basso nell’immediato post-lockdow. Spinto dai rischi per la salute percepiti, la domanda del “trasporto pubblico potrebbe continuare a rimanere bassa” mentre quella di mobilità privata “dovrebbe tornare alla normalità, portando a un rimbalzo del consumo di petrolio. Un sondaggio condotto in Cina dalla società di ricerche di mercato Ipsos ha registrato una riduzione del 57% della quota di viaggi effettuati in autobus e metropolitana, ma un raddoppio della quota effettuata in auto privata. A livello globale, se invece il 10% dei viaggi in autobus dovesse essere effettuato in auto, ciò aggiungerebbe circa 700.000 barili al giorno per alimentare la domanda di automobili, circa il 3% della quantità totale di petrolio utilizzato per il trasporto stradale di passeggeri nel 2019”.

CALO DOMANDA TRASPORTI SOPRATTUTTO DEI PENDOLARI

In sostanza, chiariscono i due ricercatori Aie “se il livello generale di lavoro da casa in un’economia rimanesse basso, quasi tutta la caduta della domanda di energia dei trasporti verrebbe dai viaggi pendolari in auto o in moto che sarebbero evitati, poiché autobus e treni continuerebbero a funzionare sebbene a capacità leggermente ridotta”. In effetti l’impatto del lavoro a domicilio sui trasporti varia ampiamente a seconda della regione e del periodo dell’anno. “Negli Stati Uniti, il pendolarismo di sola andata medio in auto è di circa 18 chilometri e oltre i tre quarti dei pendolari di auto viaggiano da soli, secondo l’Ufficio censimento degli Stati Uniti. In Europa, il tragitto medio in autoè di 15 chilometri e in Cina di 8 chilometri, con grandi variazioni tra i pendolari urbani e quelli rurali. Anche le differenze nell’efficienza del carburante sono importanti, poiché l’auto media negli Stati Uniti consuma circa il 45% in più di carburante rispetto alla media in Europa per un viaggio della stessa lunghezza”. A questi aspetti vanno aggiunti anche l’uso del climatizzatore in auto che può far variare i consumi.

CONSUMI RESIDENZIALI SU TRA IL 7 E IL 23% RISPETTO ALL’UFFICIO

Dal punto di vista residenziale, “una giornata di lavoro da casa potrebbe aumentare il consumo di energia domestica tra il 7% e il 23% rispetto a una giornata di lavoro in ufficio, a seconda delle differenze regionali in termini di dimensioni medie delle case, esigenze di riscaldamento o raffreddamento ed efficienza di elettrodomestici. Nella maggior parte del mondo, la domanda extra in inverno è maggiore che in estate, a causa del riscaldamento degli ambienti, e il mix energetico in inverno si sposta generalmente verso i combustibili fossili. Negli Stati Uniti, tuttavia, l’uso diffuso dell’aria condizionata comporta una maggiore domanda di elettricità in estate rispetto all’inverno. In Cina, la prevalenza del teleriscaldamento – che probabilmente rimarrà acceso indipendentemente dal fatto che una famiglia sia occupata o vuota durante il giorno – riduce l’impatto energetico del lavoro da casa in inverno”, sottolineano Crow e Millot.

IN EUROPA IL 45% DEI LAVORI POTREBBE ESSERE SVOLTO DA CASA

Ma quale sarebbe l’effetto globale se lavorare da casa diventasse una tendenza per le società in generale? “La risposta a questa domanda dipende in parte da quante persone possono lavorare da casa – ammettono i due analisti dell’Aie -. Prima della pandemia di Covid-19, si stima che l’8% della forza lavoro globale lavorava esclusivamente o principalmente da casa, con grandi differenze tra i paesi, secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro. Ad esempio, circa il 5% dei lavoratori in Cina lavorava da casa, rispetto al 14% nei Paesi Bassi. Sulla base di un’analisi condotta da Jonathan Dingel e Brent Neiman presso l’Università di Chicago, nonché del lavoro dell’Organizzazione internazionale del lavoro e di altri, stimiamo che circa il 20% dei lavori a livello globale potrebbe potenzialmente essere svolti da casa. Ciò varia da circa il 10% nell’Africa sub-sahariana a oltre il 45% nei paesi europei più ricchi. Nel complesso, esiste una correlazione positiva tra il potenziale di lavoro da casa e il Pil pro capite. Ciò riflette le differenze nelle strutture economiche e occupazionali dei paesi, nonché la prontezza digitale (ad es. Accesso a Internet a banda larga, proprietà dei computer) e altri fattori strutturali (ad es. Situazione abitativa, altri tipi di lavoro a domicilio)”.

A BREVE TERMINE IN CALO CONSUMI ED EMISSIONI DI ENERGIA

A livello globale, il risparmio di petrolio di un maggiore ricorso allo smart working potrebbe aggiararsi secondo gli analisi Aie “a circa 11,9 milioni di tonnellate di petrolio equivalente (Mtep) all’anno – ovvero circa 250.000 barili al giorno, corrispondenti a circa l’1% del consumo del trasporto passeggeri su strada. Dopo aver incluso la domanda extra residenziale, il consumo complessivo di energia diminuisce di circa 8,5 Mtep, con un calo di 24 Mt delle emissioni annuali di Co2”.

A LUNGO TERMINE IMPATTI INCERTI

“Gli impatti a più lungo termine sull’energia e le emissioni di una tendenza a un maggiore lavoro da casa sono incerti. Nel tempo, un passaggio più significativo al lavoro domestico potrebbe anche comportare una riduzione della domanda di spazi per uffici ed energia per edifici commerciali e quindi una maggiore riduzione complessiva del consumo di energia e delle emissioni di Co2. Tuttavia, il lavoro domestico abituale potrebbe portare le persone a vivere più lontano dal loro posto di lavoro, compensando potenzialmente le riduzioni della domanda di energia per il pendolarismo”, hanno concluso Crow e Millot di Aie.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati