Mobilità

Il governo della Germania deluderà il settore auto?

di

Spd

Il ministro delle Finanze Scholz in Germania pianifica il  nuovo pacchetto di stimoli economici, ma senza bonus per l’auto come quelli previsti in Francia. Che cosa ha scritto Der Spiegel

Anticipazione di Der Spiegel sui prossimi interventi economici tedeschi. In Germania, nel Ministero federale delle finanze (BMF), le metafore a tema musicale sono molto popolari in questi giorni. I dipendenti del ministero guidato da Olaf Scholz (SPD) si confrontano per creare un elenco di misure per un pacchetto di stimolo. Hanno già pubblicato singoli, scherzano.

Questi includono il programma di soccorso per i comuni o il conferimento di capitale per Deutsche Bahn. Su otto pagine A4, i funzionari della BMF elencano come vogliono rilanciare la crescita. La presentazione, che sta circolando nel  palazzo della Cancelleria e nei ministeri del lavoro e dell’economia è prevista per la riunione del comitato di coalizione martedì. Per impedire che i documenti vengano trasmessi, il nome del destinatario è stampato in grandi lettere su ogni pagina. La strategia di Scholz si basa su tre pilastri. Con il primo, vuole supportare dipendenti e aziende anche più di quanto precedentemente deciso. Si basa principalmente sul supporto di liquidità.

L’elemento più importante è l’estensione dei benefici di lavoro a breve termine dall’attuale massimo di un anno a due anni. L’elenco non mostra quanto costano le singole misure per le autorità fiscali. Una cosa è chiara: l’estensione delle prestazioni lavorative a breve termine costerà miliardi. I funzionari di Scholz vogliono mobilitare altri miliardi per lanciare un programma successivo per il pacchetto di salvataggio per le piccole imprese e i lavoratori autonomi. Finora, Scholz aveva fornito 50 miliardi di euro per questo, ma c’è  necessità ulteriore.

Scholz ora vuole colmare le lacune. L’industria alberghiera, le agenzie di viaggio, la logistica degli eventi e il settore fieristico dovrebbero beneficiare in particolare del nuovo aiuto. Inoltre, Scholz sta pianificando un salvataggio culturale e un pacchetto futuro con cui intende promuovere forme alternative di diffusione per l’arte di ogni tipo, ad esempio la trasmissione di eventi. Il secondo pilastro del programma di stimolo economico è inteso a rafforzare la domanda, ovvero a stimolare i consumi e gli investimenti. Come primo punto, il documento elenca un bonus a figlio una tantum di 300 euro .I funzionari di Scholz propongono inoltre di reintrodurre l’ammortamento degressivo per questo e il prossimo anno.

Le società possono riconoscere una determinata percentuale come perdita di valore ogni anno. L’ammortamento è attualmente distribuito uniformemente sull’intera vita utile dell’investimento. Le nuove normative comportano maggiori risparmi fiscali nei primi anni di un’acquisizione: ciò darebbe alla società un incentivo a investire rapidamente. Scholz vuole anche dare alle compagnie private il diritto di scegliere se preferiscono essere tassati come una società. Le aliquote fiscali per gli utili che rimangono nella società sono generalmente inferiori a quelle relative all’imposta sul reddito cui sono attualmente soggette le società di persone. Nel caso della legge sull’insolvenza, il BMF auspica una maggiore flessibilità e in futuro i contratti governativi dovrebbero essere aggiudicati in modo più rapido e meno burocratico. Scholz vuole alleggerire le famiglie dal supplemento EEG.

Infine, il terzo pilastro è quello di guidare la modernizzazione dell’economia. In questo modo, Scholz vuole promuovere la mobilità sostenibile mettendo a disposizione più denaro per treni e stazioni di ricarica per auto elettriche. Vuole dare una spinta alla digitalizzazione e alla transizione energetica rendendo più generosi i finanziamenti per la ricerca. Scholz vuole fornire denaro aggiuntivo per l’espansione delle reti di telefonia mobile lungo le linee ferroviarie. Il ministro propone inoltre un pacchetto di investimenti per l’idrogeno, con denaro per gli impianti per l’elettrolisi, ma anche in una rete di stazioni di rifornimento per auto a idrogeno. Poi, ha in programma di lanciare una campagna di sviluppo di vaccini per affrontare le cause profonde della crisi del coronavirus. Gli esperti governativi prevedono che l’intero pacchetto costerà alle autorità fiscali un totale di ben oltre 100 miliardi di euro. Altrettanto interessanti come i progetti elencati sono quelli che mancano ancora.

Finora, non vi è alcun riferimento a un bonus di rottamazione per le auto nel documento: l’argomento sarà in discussione al comitato di coalizione martedì. L’elenco rivela quanto sia grande l’avversione di Scholz alla riduzione delle tasse su tutta la linea. Nelle sue proposte non si trovano né l’abolizione –nemmeno parziale – della sovrattassa di solidarietà, né il sostegno alla classe media nell’aliquota dell’imposta sul reddito, né una riduzione dell’imposta sul reddito delle società.  L’approccio largamente inattivo dell’uomo della SPD alle tasse non metterà a tacere la richiesta di sgravi fiscali della CDU/CSU al vertice della coalizione, al contrario. La CDU/CSU chiede da tempo l’abolizione della tassa di solidarietà.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati