skip to Main Content

Tutti i piani di General Motors, Tesla e non solo per il futuro delle auto

Ecobonus

Secondo la società di ricerche di mercato CB Insights, di recente sono state lanciate oltre 70 startup nel settore delle auto elettriche. L’approfondimento del Financial Times

Ricca di successi epici e fallimenti spettacolari, la storia iniziale dell’industria automobilistica offre indizi anche sul suo futuro. Come spesso accade durante le rivoluzioni tecnologiche, le esplosioni iniziali di sperimentazione veloce e frenetica da parte di pionieri dagli occhi selvaggi sono seguite da ondate di consolidamento dell’industria da parte di tipologie aziendali più sobrie.

Così è stato negli Stati Uniti a partire dal 1890, quando decine di imprenditori visionari hanno lanciato la moderna industria automobilistica. Nei decenni successivi fondarono centinaia di aziende che producevano migliaia di modelli diversi. Nelle parole di uno storico, questi appassionati dedicati competevano in un mondo “drasticamente darwiniano” e sembravano preferire “andare in rovina facendo automobili che arricchirsi facendo qualcos’altro”, una melodia che risuona ancora oggi.

Ma lo sviluppo di metodi di produzione di massa ad alta intensità di capitale, la Grande Depressione e la seconda guerra mondiale ridussero la concorrenza. Nel 1950, l’industria era dominata solo da tre giganti: General Motors, Ford e Chrysler, che tra loro rappresentavano circa tre quarti della produzione globale.

Oggi, l’industria automobilistica si sta aprendo ancora una volta a nuovi entranti in mezzo a un’altra convulsione tecnologica mentre i veicoli elettrici e connessi – e forse alla fine le auto autonome – sostituiscono i motori a combustione guidati da esseri umani. Mentre questa rivoluzione si sviluppa, stiamo assistendo a un’altra esplosione di concorrenza creativa con l’ingresso nel mercato di start-up imprenditoriali e aziende tecnologiche – scrive il FT.

Secondo la società di ricerche di mercato CB Insights, più di 70 start-up sono state lanciate di recente nel settore EV, dai produttori di automobili e società di batterie ai fornitori di infrastrutture di ricarica. Gli investimenti nel mercato EV start-up sono sulla buona strada per raggiungere 16,3 miliardi di dollari quest’anno, un aumento del 28 per cento rispetto all’anno precedente.

Di gran lunga il maggior successo dei nuovi entranti è stato Tesla, fondata dal mercuriale Elon Musk. Tesla ha ridefinito l’intero settore EV e vanta un valore di mercato di circa 632 miliardi di dollari, più grande di GM, Ford, Toyota e Volkswagen messi insieme. Ma se il passato è davvero il prologo, allora alcune delle start-up più recenti sono destinate a spegnersi tra rivendicazioni tecnologiche surriscaldate e disastri di produzione. “C’è uno spreco scellerato di denaro”, dice Peter Rawlinson, amministratore delegato della società di auto EV Lucid, prevedendo che l’80 per cento delle start-up EV e il 20 per cento dei produttori di auto tradizionali sono destinati a fallire.

Tuttavia, l’ex ingegnere di Tesla rimane convinto che la transizione verso un mondo EV avverrà più velocemente di quanto ci si aspetti, spinto dall’imperativo ambientale. Lucid sta lanciando la sua berlina di lusso EV nel corso di quest’anno con una gamma di oltre 500 miglia, abbastanza per guidare da San Francisco a Los Angeles con una carica. “Siamo all’apice di una rivoluzione dei trasporti. L’ambiente è in crisi. Il mondo ha bisogno di milioni di auto elettriche domani”, mi ha detto Rawlinson all’evento tecnologico Founders Forum la scorsa settimana.

Per il momento, il settore EV è un piccolo mercato, anche se in rapida espansione, incoraggiato – e spesso pesantemente sovvenzionato – dai governi attenti all’ambiente. Secondo il fornitore di dati EV-volumes.com, le vendite globali di EV sono salite a 3,24 milioni nel 2020, rispetto ai 2,3 milioni dell’anno precedente, con l’Europa che supera la Cina come mercato in più rapida crescita del mondo.

È una questione aperta e affascinante, chi alla fine consoliderà il mercato EV. Molti scommettono sulle aziende cinesi che dominano il mercato di massa dei veicoli elettrici. I giganti tecnologici statunitensi, come Google e Apple, vedono le auto come “computer su ruote” e stanno aumentando le loro ambizioni nel settore. Anche se molti sono arrivati tardi, le case automobilistiche tradizionali stanno investendo pesantemente nei veicoli elettrici.

La visione di GM è quella di creare un mercato di auto “zero incidenti, zero emissioni, zero congestione”. Mary Barra, presidente e CEO di GM, ha annunciato questo mese che la società avrebbe speso 35 miliardi di dollari in investimenti EV entro il 2025, in un processo guidato dalla domanda dei clienti. “Su tutta la linea stiamo vedendo reazioni eccezionalmente forti e una risposta positiva a tutti i nostri veicoli elettrici”, ha detto alla CNBC.

Il sogno dell’industria è quello di creare un’auto elettrica attraente e affidabile da 25.000 dollari che superi l’ansia da autonomia. Come dice Alain Kornhauser, professore all’Università di Princeton, i vincitori saranno coloro che riusciranno a costruire auto che piacciano ai guidatori di tutti i giorni così come ai “greasers e ai camionisti”. “È tutta una questione di sociologia, non di tecnologia”, aggiunge.

In altre parole, sarà, come è sempre stato nel corso della storia, il cliente a decidere.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore