Mobilità, Mobilità elettrica

Come sarà il futuro dell’automotive in Italia? Il ruolo delle auto elettriche

di

automotive

A Ecomondo 2019, Motus-E ha delineato gli scenari di mercato nel settore dell’automotive. Tutti i dettagli

Più interesse a muoversi e viaggiare e non solo per lavoro e tanto traffico per le strade, maggiore attenzione verso la mobilità, elettrica ibrida e a idrogeno, con un nuovo trend in ascesa: più mobilità condivisa (car pooling e car sharing) e meno desiderio di possedere un’automobile o una moto.

Eccolo, in estrema sintesi, il quadro delineato da uno studio di Motus-E sul settore dell’automotive presentato giovedì 7 novembre a Ecomondo, nei padiglioni del quartiere fieristico di Rimini.

Lo studio indaga le potenzialità offerte dalla mobilità elettrica per rilanciare l’industria italiana. Con una premessa: “La domanda generale di mobilità continuerà a crescere con alcuni cambiamenti radicali rispetto al passato”.

AUTO SEMPRE PIÙ CONNESSE E IPERCONNESSE

Ma di quali cambiamenti parliamo? “I veicoli del futuro si caratterizzeranno per una maggiore complessità a livello costruttivo e i consumatori saranno più attenti anche all’infotainment. Auto connesse in grado di concedere spazio ad alleanze con Google o Apple”, ha spiegato a Rimini Pasquale Salvatore del Center for Automotive and Mobility Innovation dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Secondo gli studi commissionati da Motus-E il mercato prediligerà sempre più un’offerta basata sul fattore “tempo e chilometri” piuttosto che sulla potenza dei motori. E se i processi industriali saranno più complessi a fare la differenza per i grandi player internazionali la chiave per vincere sulla concorrenza sarà necessariamente da rintracciare nell’ambito del post-vendita. Più attenzione alla rete di assistenza diretta al consumatore e di vendita.

QUALI SCENARI NEL BELPAESE?

In un mercato dominato dai costruttori asiatici e – in Europa – da quelli tedeschi, quali strategie possono essere messe in campo per incentivare il mercato dell’automotive nel Belpaese spingendo i costruttori italiani a innovare? Da Motus-E arrivano tre suggerimenti chiave. “Lo Stato deve tornare a investire in forma diretta nell’innovazione e nella ricerca seguendo l’esempio di altri paese industrializzati”, spiega sempre Salvatore. “Ci deve essere più attenzione da parte di tutta la filiera produttiva nell’ambito della ricerca e dello sviluppo in maniera integrata” e in ultimo “la stessa filiera dovrebbe acquisire una dimensione internazionale”. Fondamentale – è emerso sempre nel corso del convegno organizzato a Ecomondo – “intraprendere un percorso che agganci i trend di crescita del mercato, in particolare quello dell’elettrificazione, in primo luogo tramite la costruzione di veicoli a batteria e in un secondo momento a idrogeno”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati