Mobilità

Fca-Renault? Sì alleanze, no sovrapposizioni pericolose. Il commento di Bentivogli (Fim-Cisl)

di

Bentivogli

E’ opportuno chiarire ed escludere eventuali sovrapposizioni con gli stabilimenti e l’occupazione nel nostro Paese. E’ il commento di Marco Bentivogli, segretario generale Fim-Cisl, alle indiscrezioni giornalistiche su un accordi fra Fca e Renault

 

A quanto ci risulta, sono in corso colloqui tra Fca e Renault per eventuali accordi commerciali o di condivisione di piattaforme.

(COME SAREBBE IL GRUPPO FCA-RENAULT. LE INDISCREZIONI, I NUMERI E GLI SCENARI)

OK ALLEANZE STRATEGICHE

Abbiamo sempre sostenuto di proseguire nell’azione verso alleanze strategiche, da un lato per restare nel gorgo dell’operazione di consolidamento che è da tempo in corso a livello globale, dall’altro per avere risorse e competenze per affrontare la transizione tecnologica verso la nuova mobilità elettrica e a guida autonoma e per rafforzarsi in Asia.

LE OCCASIONI PER FUSIONI

Questi sono i punti su cui costruire alleanze per dare più forza a Fca. Al momento non abbiamo notizie se queste possano rappresentare occasioni per vere e proprie fusioni.

(COME SAREBBE IL GRUPPO FCA-RENAULT. LE INDISCREZIONI, I NUMERI E GLI SCENARI)

NO A SOVRAPPOSIZIONI

E’ evidente che abbiamo al più presto bisogno di aprire un confronto perché è opportuno chiarire ed escludere eventuali sovrapposizioni con gli stabilimenti e l’occupazione nel nostro Paese.

LE PARTITE DECISIVE

Queste sono partite decisive per il futuro dell’industria italiana e che avvengono con un Governo impegnato in una perenne campagna elettorale, lasciando soli lavoratori e imprese. Se un politico non sa quanto pesa l’automotive sul Pil meglio che cambi mestiere.

(COME SAREBBE IL GRUPPO FCA-RENAULT. LE INDISCREZIONI, I NUMERI E GLI SCENARI)

Articoli correlati