Mobilità

Entro il 2024 produrre le auto elettriche costerà come i modelli normali. Report Ubs

di

auto elettriche

Che cosa ha scritto il Guardian sulla base di uno studio della banca d’affati Ubs sulle auto elettriche

Le auto elettriche avranno lo stesso costo di produzione delle auto convenzionali, con motori a combustione interna, entro il 2024 e, secondo nuove ricerche, potrebbe essere imminente un’accelerazione del passaggio dai veicoli a combustibile fossile.

Il costo aggiuntivo della produzione di auto elettriche a batteria rispetto ai loro equivalenti a combustibile fossile diminuirà a soli 1.900 dollari per auto entro il 2022, e scomparirà completamente entro il 2024, secondo una ricerca della banca d’investimento UBS. La ricerca si basa su un’analisi dettagliata delle batterie dei sette maggiori produttori – riporta The Guardian.

Il raggiungimento della parità di costo con il motore a combustione interna (ICE) è visto come una pietra miliare fondamentale nella transizione del mondo dalla combustione di combustibili fossili.

Le grandi case automobilistiche sono state riluttanti a spostare la produzione dai loro redditizi modelli con motore a combustione interna verso le auto elettriche a causa delle costose batterie, prodotte quasi esclusivamente da aziende dell’Asia orientale come la coreana LG Chem, la giapponese Panasonic e la rivale cinese CATL. Le batterie rappresentano tra un quarto e due quinti del costo dell’intero veicolo.

UBS ha dichiarato di prevedere che i costi delle batterie scenderanno al di sotto dei 100 dollari per chilowattora (kWh), un fattore fondamentale, entro il 2022.
La banca ha affermato che le case automobilistiche che cercano di aggrapparsi alle vendite dell’ICE rischiano di essere lasciate indietro da rivali come Tesla e Volkswagen, la più grande casa automobilistica al mondo per volume, che si è impegnata a investire 33 miliardi di euro nella vendita di auto elettriche.

“Non sono rimaste molte ragioni per acquistare un’auto ICE dopo il 2025”, ha detto Tim Bush, un analista di UBS.
Ha aggiunto che la riduzione dei costi delle batterie eliminerebbe in gran parte anche il caso finanziario dei veicoli ibridi elettrici, che combinano una batteria con un motore convenzionale.

Le auto elettriche a batteria continuano ad avere premi significativi rispetto a quelle convenzionali, un fattore chiave che limita l’adozione delle auto elettriche. Una nuova Volkswagen Golf costa circa 20.280 sterline, mentre l’ID-3, il suo primo veicolo elettrico di massa, costerà da 29.990 sterline.

La più grande casa automobilistica del Regno Unito, Jaguar Land Rover, vende la sua Jaguar I-Pace, il suo unico veicolo completamente elettrico, a 64.495 sterline, anche dopo l’applicazione delle sovvenzioni governative del Regno Unito. Questo a confronto con una controparte di un Suv a combustibile fossile, la Jaguar F-Pace, che vende a 44.845 sterline.

La rapida riduzione dei costi delle batterie dovrebbe innescare un passaggio più rapido ai veicoli elettrici rispetto a quanto previsto in precedenza. Le vendite di veicoli elettrici sono già in pieno boom nell’UE e in Cina, nonostante l’impatto sul mercato automobilistico causato dalla pandemia del coronavirus.

Matthias Schmidt, un analista indipendente di auto, ha previsto che nel 2020 nell’Ue saranno vendute un milione di auto elettriche e ibride su un mercato totale di 11 milioni di veicoli.
A livello globale UBS ha affermato che la quota di mercato delle auto elettriche raggiungerà il 17% entro il 2025. Entro il 2030 le auto elettriche dovrebbero rappresentare il 40% delle vendite globali.

La dipendenza dai produttori di batterie dell’Asia orientale e l’aumento della domanda hanno spinto tardivamente l’Europa ad agire, con piani di sovvenzionamento di più mega fabbriche.
Una società, una startup chiamata Britishvolt, ha annunciato il progetto di costruire una mega fabbrica nel Regno Unito. Tuttavia, una ricerca sostenuta dal governo suggerisce che potrebbero essere necessarie ben otto strutture se il Regno Unito deve sostituire le decine di migliaia di posti di lavoro nell’industria automobilistica locale che dipendono dai motori a combustione interna.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati