Mobilità

Delta, Ryanair, Alitalia e non solo: ecco i voli cancellati per il Coronavirus

di

Delta voli cancellati

Voli cancellati per l’emergenza Coronavirus da e per l’Italia. Ecco le decisioni di Alitalia, Ryanair, Delta, American Airlines, Lufthansa e non solo


Da Ryanair alla stessa Alitalia, da Delta ad American Airlines e ad Uzbekistan Airways: causa coronavirus sono diverse le compagnie che hanno bloccato o rimodulato in voli per l’Italia. La diffusione del virus cinese, infatti, ha fatto crollare le prenotazioni e ha aumentato le defezioni dei passeggeri, costringendo le società a rimodulare le propria offerta.

Ecco tutte le informazioni necessarie, compagnia per compagnia.

ALITALIA

Partiamo dall’ex compagnia di bandiera. “Dal 24 febbraio è aumentato in maniera anomala il tasso di non presentazione in aeroporto di passeggeri prenotati e si è fortemente rallentato il ritmo di nuove prenotazioni. Diverse linee guida disincentivanti i viaggi verso l’Italia stanno avendo particolare effetto sulla domanda dai mercati esteri”, spiega Alitalia, che ha dunque “proceduto a cancellare i collegamenti con un grande numero di posti non occupati per l’effetto che il Coronavirus ha determinato nei comportamenti di viaggio dei volatori”.

L’azienda ha effettuato degli “interventi di riduzione della capacità” su 38 rotte nazionali e internazionali, riconducibili alla minore domanda, “dovuta anche all’accresciuto numero di restrizioni ai voli e ai passeggeri provenienti dall’Italia”.

RYANAIR

Anche Ryanair ha rimodulato i voli da e per l’Italia, riducendoli del 25% per tre settimane. Si tratta, spiega la compagnia irlandese, di una decisione necessaria “presa dopo il calo significativo delle prenotazioni tra marzo e inizio aprile”. Nonostante questo, la compagnia ha spiegato che “è troppo presto” ipotizzare quali effetti il coronavirus potrà avere sugli utili dell’esercizio 2021.

LUFTHANSA

Anche la tedesca Lufthansa, che ha esteso la sospensione dei voli verso la Cina continentale (Pechino, Shanghai, Nanchino, Shenyang e Qingdao) fino al 24 aprile e verso Teheran fino al 30 aprile, risente dell’effetto coronavirus in Europa. L’azienda, in una nota, fa sapere che il numero dei “voli a corto e medio raggio può essere ridotto fino al 25% nelle prossime settimane”.

BRITISH AIRWAYS E IBERIA

Decisione simile per British Airways e Iberia, che hanno ridotto la capacità dei voli per l’Italia. British Airways riconosce “la crescente incertezza che il coronavirus (COVID- 19) sta causando” e continuerà “a monitorare questa situazione e a fornire regolari aggiornamenti”.

Per “l’accresciuta incertezza in alcune aree del nord Italia”, aggiunge l’azienda, introduce “opzioni di riprenotazione flessibili per i clienti che hanno prenotato voli da/verso alcuni aeroporti del nord Italia.I clienti che hanno prenotato un volo tra Londra e le destinazioni del nord Italia tra cui Milano (Linate e Malpensa), Torino, Bologna, Venezia, Bergamo e Verona fino al 15 marzo 2020, possono prenotare un nuovo volo fino al 3 aprile 2020”.

“La capacità sulle rotte italiane per marzo è stata significativamente ridotta attraverso un mix di cancellazioni e il cambiamento della dimensione degli aerei”, si legge poi sul sito di International Airlines Group, il gruppo che controlla British Airways e Iberia.

DELTA

Anche l’America fa scudo. La compagnia Delta, che solo pochi mesi fa avrebbe dovuto far parte della cordata per salvare Alitaliam, ha sospeso temporaneamente i voli New York-Milano fino al primo maggio. Nessuna variazione, invece, è prevista per i voli verso Roma.

AMERICAN AIRLINES

Si allinea alla concorrente americana, anche American Airlines che ha deciso di sospendere i voli per Milano, che partono dall’areoporto Jfk di New York e quello di Miami, fino al 24 aprile.

UZBEKISTAN AIRWAYS

La compagnia aerea Uzbekistan Airways ha sospeso i voli Roma dal 1° marzo a causa, spiega l’azienda “dello scoppio del coronavirus in Giappone e in Italia”.

“Tutti coloro che arrivano da paesi che hanno registrato casi di coronavirus saranno messi in quarantena per 14 giorni”, aggiunge.

WIZZ AIR

La compagnia low cost ungherese Wizz Air riduce del 60% i voli verso il Nord Italia.

LIBANO, TURCHIA E REPUBBLICA DOMINICANA: CHI CHIUDE ALL’ITALIA

Compagnie aeree a parte, chiudono le frontiere agli italiani Libano, Turchia e Repubblica Dominicana. Il Libano ha vietato l’ingresso nel Paese a tutti i passeggeri di voli provenienti dall’Italia, mentre Turchia ha optato per la sospensione a tempo indeterminato di tutti i collegamenti aerei con l’Italia.

La Repubblica Dominicana, invece, per i prossimi 30 giorni ha sospeso i quattro voli settimanali provenienti da Milano.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati