skip to Main Content

Cosa prevede l’accordo tra Fs e Adr

Ferrovie Dello Stato

Tutti i dettagli sull’intesa tra Ferrovie dello Stato Italiane e Adr (Aeroporti di Roma).

 

Più facili e integrati gli spostamenti con treni e aerei. È questo lo scopo dell’accordo siglato da Ferrovie dello Stato Italiane e Aeroporti di Roma per sviluppare l’intermodalità sostenibile e l’integrazione fra treno e aereo. Alla presentazione dell’intesa, firmata dall’ad di Fs, Luigi Ferraris e l’ad di Adr Marco Troncone all’aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino, sono intervenuti il Sindaco di Fiumicino Esterino Montino, il Sindaco di Roma Roberto Gualtieri, il Presidente dell’Enac Pierluigi Di Palma e il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Ferraris: “Avvicineremo l’alta velocità a 13 aeroporti nel nostro sistema paese”

L’accordo vuole favorire la transizione a smart hub degli aeroporti gestiti da ADR, potenziando i servizi di connessione diretta Alta Velocità tra lo scalo di Fiumicino e il Sud Italia, oltre che all’accelerazione degli attuali servizi con il Nord del Paese (Firenze/Bologna/Pisa). “Il piano decennale del gruppo che presenteremo a breve ha tra i suoi obiettivi anche quello di favorire soluzioni di integrazioni di soluzioni modali, attraverso una piattaforma tecnologica digitale avanzata, e di sviluppare sinergie in ambito commerciale attraverso integrazione di prodotti treno-aereo-autobus – ha detto l’amministratore delegato di Fs Luigi Ferraris presentando, l’accordo Adr- Ferrovie sull’intermodalità treno-aereo -. Oggi portiamo o avviciniamo l’alta velocità a circa 13 aeroporti nel nostro sistema paese”.

Al via l’integrazione tra treno e aereo

L’intermodalità riguarda i servizi, come, ad esempio la collaborazione tra Ferrovie dello Stato e i principali operatori del settore per realizzare un biglietto unico treno-aereo. Come si traduce questa integrazione per i viaggiatori? In viaggi più semplici nei quali le operazioni di check-in di passeggeri e bagagli si potranno fare direttamente nelle principali stazioni ferroviarie collegate con l’aeroporto di Fiumicino. In questo modo Ferrovie dello Stato e Aeroporti di Roma puntano a rendere le stazioni più importanti dei veri e propri prolungamenti del terminal aeroportuale. Le due aziende metteranno in campo anche una massiccia campagna di informazione pensata per rendere ancora più semplici gli spostamenti dei passeggeri. “Il trasporto ferroviario e quello aereo – ha dichiarato infine l’AD di FS Luigi Ferraris – devono collaborare in un contesto di mobilità integrata e sostenibile, tramite collaborazioni strategiche a creare una convergenza di obiettivi, generando benefici per entrambi i settori e per il sistema della mobilità in generale. Stiamo lavorando per realizzare nuove infrastrutture ferroviarie, potenziare le esistenti e con esse anche i servizi offerti. È necessario agire con rapidità per rendere l’intero Paese più competitivo e attrattivo poichè dotato di un sistema di trasporto sostenibile, multimodale, efficiente e interconnesso, sia per le persone che per le merci”.

Più treni e binari per la stazione di Fiumicino Aeroporto

A Ferrovie dello Stato sono stati assegnati oltre 24 miliardi di euro dal PNRR nell’ambito della Missione 3 al fine, insieme agli investimenti privati, di ridisegnare e modernizzare il sistema infrastrutturale e di mobilità italiano. In questa ottica, oltre all’ampliamento dei collegamenti, il progetto prevede lo sviluppo della stazione Fiumicino Aeroporto nella quale si prevede di passare dagli attuali tre binari a un totale di cinque. Inoltre sono in cantiere miglioramenti e sviluppi dei collegamenti FL1 e FL5 per i collegamenti via San Pietro e con Civitavecchia, oltre ad un quadruplicamento della tratta Ponte Galeria-Fiumicino Aeroporto. Per la connessione diretta dell’Alta Velocità il progetto prevede la chiusura dell’anello ferroviario di Roma e bypass infrastrutturali per l’inserimento di treni diretti a Fiumicino senza stop a Roma Termini. Un occhio anche al trasporto su gomma che riceverà investimenti e saranno messi a punto nuovi progetti per la viabilità.

Obiettivo Giubileo 2025

L’ampliamento delle opportunità offerte ai viaggiatori che si spostano tra le grandi stazioni italiane e l’aeroporto di Roma Fiumicino guarda anche al flusso di pellegrini che arriverà a Roma nel prossimo Giubileo del 2025. “Quello con FS Italiane è un obiettivo – ha dichiarato Marco Trone, amministratore delegato di Aeroporti di Roma – non solo per ADR, ma per il settore della mobilità integrata del Paese, pienamente in linea con le policies indicate dal nostro Governo. L’avvio di una vera offerta intermodale treno-aereo, che valorizza il ruolo di smart hub di Fiumicino, traccia e anticipa una nuova mobilità, nel nome della sostenibilità e della moltiplicazione delle opportunità di connessione per i viaggiatori. Ed attraverso il potenziamento dell’accessibilità allo scalo, rende Fiumicino più pronto per la ripresa del turismo e più in generale per un futuro di crescita, sin dai prossimi appuntamenti fino al Giubileo 2025.”

A Roma Termini il futuristico vertiporto

L’accordo guarda anche alla mobilità urbana. Entro il 2024 sulla piastra parcheggi della stazione di Roma Termini potrebbe nascere un vertiporto, ovvero una specie di aeroporto per droni e aerotaxi elettrici a decollo verticale. ADR sta lavorando per lanciare le prime operazioni commerciali tra l’aeroporto di Fiumicino e la città metropolitana e Ferrovie dello Stato sta cercando di individuare ulteriori spazi idonei per il futuro ampliamento di questa nuova modalità di trasporto. “L’accordo ADR – FS è indispensabile per potenziare l’integrazione tra treno e aereo, ma l’intermodalità sostenibile è altrettanto determinante per favorire la mobilità aerea avanzata, che permetterà, tra l’altro, a partire dal 2024, i voli di air taxi tra l’aeroporto di Fiumicino e il centro città. L’ENAC, insieme a tutto il tessuto sociale e industriale del nostro Paese, è pronto per la nuova mobilità integrata: il futuro è arrivato”, ha dichiarato soddisfatto il presidente dell’ENAC, Pierluigi Di Palma.

Gualteri e Zingaretti: si guarda al futuro

“Una scelta strategica e lungimirante”, così il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha definito il l protocollo siglato tra FS e ADR. L’accordo “ci offre una chiara visione del volto che assumeranno la logistica e i trasporti nei prossimi anni – dice ancora il primo cittadino della Capitale -. Come Amministrazione Capitolina siamo impegnati nella promozione dell’interconnessione e della mobilità sostenibile in tutte le sue forme, sfruttando il grande potenziale che arriva dal PNRR, nel segno dell’innovazione e del digitale. L’accordo di oggi ci consente di agire in sinergia, per cogliere al meglio opportunità di straordinaria rilevanza come il Giubileo 2025 e la sfida di Expo 2030”. Guarda alle prospettive future anche il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: “Sono ormai 9 anni che lavoriamo con grande armonia con Ferrovie dello Stato e Aeroporti di Roma a questi obiettivi – sottolinea Zingaretti -. Il progetto che lanciamo oggi rappresenta una nuova importantissima sfida, cruciale in una fase come quella che stiamo vivendo. Connettere meglio il Paese è oggi fondamentale per creare nuovo sviluppo e nuovo lavoro e per aumentare il benessere delle persone. Il PNRR darà una grande spinta a questi obiettivi, e la Regione Lazio continuerà, come ha fatto in questi anni, a investire su questa missione prioritaria”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore