Mobilità

Come la Cina (con il plauso del Fmi) tira un po’ il freno alla Bri per evitare troppi debiti

di

Cina - Xi Jinping

Che cosa hanno detto Xi Jinping e Christine Lagarde alla cerimonia di apertura del secondo Forum a Pechino sulla Bri-Nuova Via della Seta

 

L’ambiziosa Belt and Road Initiative (Bri), la nuova Via della Seta alla quale ha aderito anche l’Italia, deve essere trasparente ed economicamente sostenibile.

Così il presidente cinese Xi Jinping ha cercato, durante il suo discorso alla cerimonia di apertura del secondo Forum sul piano infrastrutturale a Pechino, di dissipare i dubbi dei leader mondiali sul progetto.

“Tutto dovrà essere fatto in modo trasparente e combatteremo la corruzione con tolleranza zero”, ha detto Xi ad un pubblico che includeva rappresentanti di oltre 100 paesi, tra cui quasi 40 capi di Stato e di governo e la leadership cinese.

Xi ha detto che la Cina ha incoraggiato le società partecipanti a essere trasparenti nelle fasi di appalto per i contratti per il progetto, che è stato presentato da Pechino cinque anni fa, e ha sottolineato che la Bri deve adottare un “approccio orientato allo sviluppo”.

“Dobbiamo aderire ai concetti di apertura, sostenibilità ambientale e pulizia. Costruire infrastrutture di alta qualità, sostenibili, resistenti ai rischi e a un prezzo ragionevole aiuterà i Paesi a utilizzare a pieno le loro risorse”, ha affermato Xi.

Nel suo discorso di apertura, Xi ha insistito molto anche sull’aspetto ambientale della Via della Seta. Vogliamo promuovere, ha detto, “una coalizione di città sostenibili e una coalizione per uno sviluppo ‘green'”.

Il leader cinese ha parlato anche di rafforzamento della tutela della proprietà intellettuale e di limiti ai trasferimenti non necessari di tecnologia, rispondendo così ai dubbi della società internazionali che in Cina sono costrette a lavorare con partner locali. Xi ha infine sottolineato il ruolo della Bri nella promozione di scambi culturali e scientifici, con laboratori congiunti, ma anche parchi scientifici e tecnologici.

Sfide, potenzialità e possibili problemi della Bri sono stati sottolineati da Christine Lagarde, numero uno del Fondo monetario internazionale: “Dallo stimolo degli investimenti infrastrutturali allo sviluppo di nuove catene di fornitura globali, alcune delle promesse del Bri si stanno realizzando. Allo stesso tempo, la storia ci ha insegnato che, se non gestiti con attenzione, gli investimenti infrastrutturali possono portare ad un problematico aumento dell’indebitamento. Ho detto prima che, per avere pieno successo, il Belt and Road dovrebbe andare solo dove è necessario. Aggiungerei oggi che dovrebbe andare solo dove è sostenibile, sotto tutti gli aspetti”, ha detto Lagarde.

”Fortunatamente – ha aggiunto il direttore generale del Fmi – il governo cinese sta già adottando alcune misure per garantire che ciò avvenga. Il nuovo quadro di sostenibilità del debito che sarà utilizzato per valutare i progetti Bri è un passo significativo nella giusta direzione Bri 2.0 può anche beneficiare di una maggiore trasparenza, di appalti aperti con gare d’appalto competitive e di una migliore valutazione del rischio nella selezione dei progetti”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati