Mobilità

Cina, come il mercato auto cerca di rimettersi in carreggiata

di

rottamazione

I numeri aggiornati del mercato auto in Cina nell’articolo del Financial Times

 

Le vendite di auto in Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo, sono aumentate per la prima volta in quasi due anni in aprile, poiché la domanda repressa scatenata dall’abolizione del blocco del coronavirus ha dato una spinta al settore in difficoltà- scrive il Financial Times. L’aumento del 4,4 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, secondo l’Associazione cinese dei costruttori di automobili, segna il primo aumento da quando un rollback delle agevolazioni fiscali nel luglio 2018 ha posto fine a decenni di crescita ininterrotta.

Il guadagno è stato trainato in gran parte da un aumento del 30 per cento delle vendite di veicoli commerciali, in particolare camion, mentre le vendite di veicoli passeggeri sono ancora inferiori del 2,6 per cento rispetto all’anno precedente, ha detto la CAAM. LA CAAM ha detto che il rimbalzo non è stato inaspettato dopo che la pandemia di coronavirus ha fatto crollare le vendite di auto in Cina del 79 per cento a febbraio e del 43 per cento a marzo.

Tuttavia, il Paese è rimasto in rotta per il terzo calo annuale consecutivo delle vendite, ha detto CAAM, dando una proiezione “ottimistica” di un calo del 15 per cento e uno scenario peggiore di una contrazione del 25 per cento. La CAAM ha anche evidenziato il rischio di interruzione delle catene di fornitura di ricambi auto importati, a causa dell’impatto globale della pandemia di Covid-19, che potrebbe portare ad un arresto della produzione.

Yale Zhang, fondatore di Automotive Foresight, una società di consulenza con sede a Shanghai, ha affermato che i numeri di aprile sono stati un “ottimo segno”, in particolare l’aumento delle vendite di veicoli utilitari sportivi, in precedenza un fattore di crescita per il settore.

La leadership cinese ha risposto alla crisi estendendo agevolazioni fiscali e sussidi a sostegno del settore e incoraggiando le grandi città ad allentare le restrizioni sul numero di targhe disponibili ogni anno.

Tuttavia, le auto elettriche hanno continuato a rimanere indietro. Le vendite di veicoli elettrici nuovi – una categoria che comprende veicoli elettrici a batteria e ibridi – sono diminuite del 26,5 per cento in aprile rispetto allo stesso mese del 2019, prolungando la flessione iniziata lo scorso luglio.

Ciononostante, le case automobilistiche mondiali hanno evidenziato la Cina come un punto luminoso in un mercato altrimenti abissale. Volkswagen, la più grande casa automobilistica del mondo, la scorsa settimana ha dichiarato che la domanda nel Paese – il suo mercato più redditizio – si stava avvicinando agli stessi livelli dell’anno scorso.

La Nissan ha registrato un aumento dell’1,1 per cento delle vendite nel paese ad aprile rispetto all’anno precedente, a riprova del fatto che “la pandemia generale in Cina è stata messa sotto controllo”. Le case automobilistiche mondiali se la sono cavata complessivamente meglio delle loro controparti cinesi.

Secondo CAAM, la quota di mercato interno dei marchi cinesi si è ridotta del 9 per cento in aprile, da un anno prima al 35 per cento.

 

(Tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati