Mobilità

Cieli vietati al Boeing 737-Max8 in Germania, Francia, Italia e Regno Uniti. Tutti i dettagli

di

Ecco gli effetti anche borsistici per Boeing dopo il disastro aereo avvenuto in Etiopia

Tre Stati ieri hanno ordinato alle loro compagnie aeree di bloccare a terra il Boeing 737-Max per scongiurare rischi, un provvedimento inedito, per immediatezza, nell’aviazione internazionale: la Cina, uno dei principali clienti con in servizio un centinaio di velivoli e uno stabilimento locale per le finiture, l’Indonesia e l’Etiopia.

Non solo: dopo il disastro avvenuto in Etiopia, che è costata la vita a 157 persone, tra cui 8 italiani, gli Stati Uniti d’America hanno chiesto alla Boeing di apportare modifiche al velivolo 737 Max, lo stesso precipitato pochi minuti dopo il decollo.

E oggi anche Regno Unito, Germania, Francia e Italia hanno chiuso lo spazio aereo ai Boeing in questione.

I DETTAGLI SUL 737-MAX

Con 350 velivoli operativi dall’Asia all’Europa, dal Medio Oriente agli Stati Uniti, e altri cinquemila già ordinati, il nuovo aereo è il best seller della flotta Boeing, tra le aziende-regina dell’export statunitense. In Italia i modelli sono stati adottati da Air Italy, che ne ha tre nella flotta, e da Neos, che ne ha comprati quattro con il primo in arrivo ad aprile.

I PRECEDENTI PER BOEING

Il Boeing 737 Max 8, modello nato pochi mesi fa dal restyling di uno dei mezzi più richiesti dell’azienda americana, conta già due disastri e questo fa temere che un difetto tecnico, o di altro genere, sia stato all’origine delle due tragedie

I RIFLESSI IN BORSA PER BOEING

Le incognite hanno pesato sui mercati finanziari. Il titolo Boeing, che dal 2016 era triplicato in valore e aveva contribuito il 30% al rialzo del Dow Jones, ha ceduto in apertura fino al 13% e durante la giornata il 7%, sottraendo oltre 200 punti al Dow Jones che ha trovato sostegno in altri segmenti quali l’hi-tech. «È presto per trarre conclusioni – ha avvertito l’analista di Morgan Stanley Rajeev Lalwani -. Ma possono esserci preoccupazioni per problemi di sicurezza, produzione, blocco a terra e costi, anche se nel lungo periodo dovrebbero essere gestibili».

I NUMERI DI BOEING

Boeing, che ha 150.000 dipendenti, l’anno scorso ha riportato un fatturato di cento miliardi di dollari e profitti per dieci miliardi. L’azienda americana è però impegnata in un duello con l’europea Airbus per il dominio dei cieli, sfida che ora si concentra sui velivoli di minori dimensioni e più efficienti nei consumi. “Airbus ha ormai abbandonato il gigantesco A380 e aggiornato modelli rivali dei 737, la famiglia degli A320. In servizio al mondo ci sono al momento diecimila Boeing 737 e ottomila A320”, ha scritto oggi Il Sole 24 Ore.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati