skip to Main Content

Auto elettriche, Biden accelera sull’auto elettrica col freno a mano tirato

Biden Finanza Verde Politica Fiscale

Il presidente Biden punta a cambiare il parco auto federale con vetture elettriche, ma prevede requisiti (industriali e sindacali) che nessun modello Usa soddisfa al momento. L’approfondimento di Axios

 

Il presidente Joe Biden accelera sull’auto elettrica, con il freno a mano tirato. Il nuovo inquilino della Casa Bianca è pronto a sostituire l’intero parco auto federale con vetture a batteria, ma impone termini e misure che fanno pensare che la sostituzione non avverrà presto.

Tutti i dettagli.

LE INTENZIONI DI BIDEN

Partiamo dalle intenzioni. Joe Biden vuole sostituire la flotta governativa di 650.000 auto e camion con veicoli elettrici. Una decisione che sottolinea come il neo-presidente eletto ha intenzione di fare sul serio nella lotta ai cambiamenti climatici.

I TERMINI

O forse no. Perché Biden per la sostituzione, scrive Axios, vuole delle vetture alimentate a batteria, prodotte in America, da lavoratori sindacalizzati.

TEMPI PIU’ LUNGHI DEL PREVISTO

Termini che rendono i nuovi acquisti decisamente difficili da effettuare nel breve termine. “Sicuramente non entro i quattro anni di mandato di Biden”, dice Axios. Nessun modello attualmente in commercio soddisfa i criteri del presidente, secondo gli esperti sentiti da Axios.

TESLA ESCLUSA

Anche Tesla, casa auto che vende esclusivamente vetture a batteria, in questo momento, non soddisfa le richieste del nuovo inquilino della Casa Bianca. Tesla produce la stragrande maggioranza dei veicoli elettrici che circolano negli Stati Uniti e tutti i suoi modelli contengono almeno il 55% di parti di fabbricazione americana, secondo i dati federali. Ma in Tesla non c’è sindacato.

E non solo. Il ceo Elon Musk è entrato in conflitto con le leggi federali sul lavoro .

ANCHE GENERAL MOTORS E NISSA ESCLUSE DAL BANDO

Anche Chevrolet Bolt di General Motors, costruito negli Stati Uniti e realizzato dal lavoro sindacale, non è il candidato ideale per la sostituzione del parco auto federale: è realizzato principalmente con parti importate dalla Corea. Solo il 24% del contenuto è domestico.

Anche la Nissan Leaf è esclusa dal bando: è prodotta in Tennessee, ma la fabbrica non è sindacalizzata e solo il 35% delle parti sono americane.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore