Mobilità

Accordo Aria, cosa cambia per le auto diesel in Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna

di

Tutte le misure permanenti e temporanee previste nell’Accordo Aria sulla circolazione dei veicoli diesel e benzina. Articolo di Giusy Caretto


1 ottobre-31 marzo: nei 6 mesi che dovrebbero essere i più freddi dell’anno, le Regioni Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna hanno deciso di impegnarsi per tenere a freno le emissioni veicolari e civili, con particolare attenzione alla mobilità e al particolato, che spesso ha procurato richiami e sanzioni all’Italia.

Il bacino padano, bisogna ammetterlo, non brilla certo per la qualità dell’aria, ma le regioni provano a fare la loro parte con misure che entrano in vigore a partire da oggi, 1 ottobre 2018. Tali misure rientrano nell’Accordo Aria.

Ad essere maggiormente penalizzati e a doversi fermate, ovviamente, i veicoli maggiormente inquinanti, come i diesel. Ma andiamo per gradi.

LE MISURE PERMANENTI

Sono costrette al fermo, dal lunedì al venerdì (esclusi festivi), dalle ore 7,30 alle ore 19,30, tutti gli Euro 0 benzina e diesel e Euro 1 e 2, per tutto l’anno. Gli autoveicoli Euro 3 diesel, invece, non potranno circolare dal lunedì al venerdì (esclusi festivi), dalle ore 7,30 alle ore 19,30 dal 1 ottobre 2018 al 31 marzo 2019.

Per i motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 0 vige il divieto di circolazione permanente su tutto il territorio regionale (tutto l’anno, 24 ore su 24), mentre dal 1 ottobre fino al 31 marzo di ogni anno sono costretti al fermo i  motocicli e ciclomotori a due tempi Euro 1, dal lunedì al venerdì (esclusi festivi), dalle ore 7,30 alle ore 19,30.

Fanno eccezione, veicoli, motoveicoli e ciclomotori della Polizia di Stato, della Polizia penitenziaria, della Guardia di Finanza, delle Forze Armate, del corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, della Croce rossa italiana, dei corpi e servizi di Polizia municipale e provinciale, della Protezione Civile e del Corpo Forestale; veicoli di pronto soccorso sanitario; scuola bus e mezzi di trasporto pubblico locale (TPL); auto con contrassegno per il trasporto di portatori di handicap ed esclusivamente utilizzati negli spostamenti del portatore di handicap stesso; e le autovetture targate CD e CC.


MISURE TEMPORANEE

Le misure temporanee, invece, entrano in vigore in base al superamento continuativo del limite giornaliero per il PM10 (50 μg/m3) registrato dalle stazioni di riferimento.

Un superamento per più di 4 giorni comporta il blocco della circolazione anche delle auto private Diesel Euro 4, dalle 8.30 alle 18.30. Le auto private diesel Euro 3 non potranno circolare nel week end, dalle 8.30 alle 18.30. I veicoli commerciali il sabato e la domenica dalle 8.30 alle 12.30.


Al superamento dei limiti consentiti per 10 giorni, è previsto il fermo anche dei veicoli commerciali Diesel Euro 4. I diesel Euro 3 saranno costretti al fermo anche nel week end, dalle 8.30 alle 18.30.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati