Mobilità

Alitalia, serve un altro prestito statale?

di

alitalia

Tutte le ultime turbolenze su Alitalia, i rumors sulla necessità di un altro prestito e gli scenari sulla nuova compagine azionaria in fieri tra Tesoro, Ferrovie, Atlantia e Delta

 

Su Alitalia continuano le turbolenze. Con lo Stato sempre pronto a intervenire con un altro prestito? Nel frattempo è stata pure prorogata la cassa integrazione straordinaria. Partiamo proprio da qui.

COME SFRECCIA LA CASSA INTEGRAZIONE IN ALITALIA

Alitalia e sindacati hanno raggiunto il 23 settembre l’accordo sulla proroga della cassa integrazione straordinaria che scade oggi. La richiesta iniziale dell’azienda di nuova cassa per 1.180 lavoratori è stata ridotta di 105 unità a 1.075 (75 comandanti, 320 assistenti, 680 personale di terra).

I NUMERI DELLA CASSA IN ALITALIA

La nuova cassa è prorogata fino al 31 dicembre perché alimentata dal fondo straordinario del trasporto aereo che scade a fine anno. I sindacati, chiedono al governo che si faccia da garante per rifinanziarlo. Nello stesso periodo dello scorso anno i lavoratori in cigs furono 1.360.

CHE COSA SUCCEDE AD ALITALIA?

Ma sono i conti a preoccupare ancora gli addetti ai lavori. Come mostrato dall’analista Gaetano Intrieri su Start, la situazione finanziaria della compagnia traballa. Intrieri ha sottolineato alcune discrepanze fra numeri e realtà delineata dai commissari. E ieri il Corriere della Sera ha aggiunto altre informazioni sulla cassa del vettore, prefigurando la necessità di un’altra iniezione ad opera o con la garanzia dello Stato.

I NODI IRRISOLTI SUL FUTURO DI ALITALIA

Due nodi più rilevanti: la quota di Delta e le rotte Italia-Usa, il principale bacino dei ricavi della compagnia tricolore in amministrazione straordinaria dal 2 maggio 2017. Due questioni – ha aggiunto il Corriere della Sera – che dovranno essere risolte in pochi giorni, «al massimo entro la prima settimana di ottobre altrimenti si fa troppo tardi e potrebbe diventare necessario chiedere un ulteriore prestito di 200 milioni di euro per affrontare l’inverno», hanno sostenuto due fonti al Corriere che chiedono l’anonimato perché non autorizzate a discuterne con la stampa.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati