Mobilità

Alitalia, che cosa si stanno dicendo Fs, governo e fondazioni bancarie

di

alitalia

Fatti, nomi e indiscrezioni sul dossier Alitalia che in queste ore vede coinvolte anche le fondazioni azioniste della Cassa depositi e prestiti

Incontri, riunioni e pour parler ad ampio spettro per il salvataggio di Alitalia.

Nel definire l’assetto azionario della nuova Alitalia cui mira il governo, non ci sono soltanto i dossier sul partner industriale (Delta?, Lufthansa?) e sul coinvolgimento o meno di Atlantia, il gruppo dei Benetton che controlla anche Autostrade per l’Italia, a preoccupare ministeri e addetti ai lavori.

Al centro dei contatti in questi giorni ci sono anche i vertici delle fondazioni azioniste della Cassa depositi e prestiti, controllata dal ministero dell’Economia.

Secondo le indiscrezioni raccolte in ambienti milanesi da Start Magazine, le fondazioni sono state sondate da Ferrovie e da settori del governo per trovare un’intesa sul coinvolgimento indiretto di Cdp.

Più volte e con toni netti Giuseppe Guzzetti, dominus delle fondazioni anche come presidente dell’Acri, l’associazione degli enti creditizi, si è detto contrario a un intervento della Cassa in Alitalia.

Ma quello che allo stesso Guzzetti e ad altri esponenti dell’Acri è stato sottoposto da emissari delle Ferrovie e del governo è l’ingresso eventuale di un fondo specializzato nel rilancio di aziende in cui Cdp è socio di minoranza.

Il fondo in questione – come rivelato da Start – è QuattroR, controllato al 60% da Quattro Partner srl (società costituita da un team di manager e consulenti) e partecipato dalla Cassa depositi e prestiti (Cdp, controllata dal ministero dell’Economia) oltre che da Inail, Poste Vita e Cassa Forense.

C’è un problema: per statuto il fondo non può investire in aziende che abbiano un ebitda negativo (come è invece il caso di Alitalia).

“Ma se fai comparto ad hoc e separi gli asset, il fondo potrebbe intervenire”, secondo un addetto ai lavori al corrente del dossier.

Guzzetti e il presidente di Cdp espressione delle fondazioni, Massimo Tononi, daranno l’assenso a questo schema?

Vedremo. Alla prossima puntata.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati