Mobilità

Ecco come (forse) Cdp con Poste Vita e Inail metterà un piedino in Alitalia con le Ferrovie

di

Fatti e indiscrezioni su QuattroR, il fondo italiano partecipato da Cassa depositi e prestiti, Inail, Poste Vita e Cassa Forense che le Ferrovie contano di coinvolgere nell’operazione Alitalia. Tutti i dettagli

 

Ricapitalizzare, Ristrutturare, Riorganizzare e Rilanciare. Quattro R, proprio il nome del fondo partecipato dalla Cassa depositi e prestiti che – secondo le indiscrezioni di Start Magazine – entrerà nel capitale di Alitalia affiancando le Ferrovie italiane e, forse, una compagnia estera (Delta, come si dice da tempo, o Lufthansa?).

Il fondo QuattroR è controllato al 60% da Quattro Partner srl (società costituita da un team di manager e consulenti) e partecipato dalla Cassa depositi e prestiti (Cdp, controllata dal ministero dell’Economia) oltre che da Inail, Poste Vita e Cassa Forense.

“QuattroR SGR SpA – si legge sul sito – è una società di gestione del risparmio, controllata dal management, che inizia ad operare a fine 2016. La Sgr gestisce un fondo di oltre €700 mln specializzato in investimenti in aziende italiane in temporaneo squilibrio finanziario”.

La sgr QuattroR è presieduta da Andrea Morante e guidata dall’amministratore delegato Francesco Conte. Morante è ceo di Sergio Rossi, ex ceo di Pomellato ed ex banker di Credit Suisse e Morgan Stanley, mentre Conte ha lavorato in Bain & Co, BC Partners e LBO Italia.

Finora il fondo ha investito in società come Fagioli (trasporti), Ceramiche Ricchetti e Trussardi.

Il 5 aprile 2017 la sgr annunciò il primo fondo da 711 milioni di euro dedicato al rilancio delle aziende italiane di medie e medio-grandi dimensioni caratterizzate da solidi fondamentali ma in
una situazione di temporanea crisi. “Tra gli investitori del Fondo vi sono: Cassa depositi e prestiti, Inail, Inarcassa, Cassa Forense”, si legge nel comunicato dell’epoca.

Il modus operandi del Fondo QuattroR – riportavano le cronache di due anni fa – “sarà quello di ricercare società italiane (nomi noti, si assicura) di taglia tra 50 milioni e miliardo. Le aziende oggetto d’investimento dovranno avere un conto economico sostenibile (ebitda positivo), ma difficoltà dal punto di vista finanziario o patrimoniale. Non è prevista una specializzazione settoriale (gli unici mondi off-limit sono immobiliare e finanziario): i requisiti richiesti per l’investimento sono che le aziende-oggetto abbiano un marchio riconoscibile, o tecnologie che le rendono leader nel loro campo d’azione”.

Ma Alitalia non ha un Ebitda positivo, fanno notare ambienti delle fondazioni bancarie azioniste di Cdp.

Quindi vedremo che cosa succederà.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati