.Smart City / Mobilità, Mobilità

Tesla motors apre i suoi brevetti alla concorrenza. Nasce la prima auto open source?

di

 

 

“Noi crediamo che Tesla, altre aziende che fanno auto elettriche, e il mondo intero, trarrebbero più vantaggi da una piattaforma tecnologica in rapida evoluzione comune.” scrive il CEO di Tesla, Elon Musk sul blog della società.

In un sistema che per decenni ha portato, ad esempio, Apple e Samsung a darsi battaglia nei tribunali per tutelare ciascuna le proprie proprietà intellettuali, la scelta di Tesla Motors è decisamente rivoluzionaria.

“Ieri, c’era un muro di fronte i brevetti di Tesla nella hall del nostro quartier generale di Palo Alto” scrive Elon Musk sul blog di Tesla. “Questo non è più il caso. Essi sono stati rimossi, nello spirito del movimento open source, per il progresso della tecnologia dei veicoli elettrici.”

“Tesla Motors è stata creata per accelerare l’avvento del trasporto sostenibile. Se abbiamo chiaro un percorso per la creazione di veicoli elettrici interessanti, ma poi ci lasciamo mine di proprietà intellettuale dietro di noi per inibire gli altri, stiamo agendo in modo contrario a tale obiettivo. Tesla non avvierà cause brevettuali contro chiunque, in buona fede, vuole usare la nostra tecnologia.”

“Quando ho iniziato con la mia prima società, zip2, ho pensato che i brevetti erano una buona cosa e ho lavorato sodo per ottenerli. E forse erano utili al tempo, ma troppo spesso in questi giorni servono solo a soffocare il progresso, consolidare le posizioni di corporazioni giganti e arricchire quelli della professione legale, piuttosto che gli inventori reali. Dopo zip2, quando ho capito che la proprietà di un brevetto davvero serve solo a dire che hai comprato un biglietto della lotteria per una causa, li ho evitati per quanto possibile.”

“A Tesla, però, ci siamo sentiti in dovere di creare brevetti per la preoccupazione che le grandi case automobilistiche avrebbero potuto copiare la nostra tecnologia e quindi utilizzarla per la loro produzione di massa, le vendite e il potere di marketing per sopraffare la leadership a Tesla. Non avremmo potuto pensare in modo più sbagliato. La triste realtà è il contrario: i programmi elettrici per auto (o programmi per qualsiasi veicolo che non brucia gli idrocarburi) presso i principali produttori sono piccoli o inesistenti, costituendo una media di gran lunga inferiore all’1% delle vendite di veicoli totali. “

“Dato che la produzione annua di veicoli si avvicina a 100 milioni all’anno e la flotta mondiale è di circa 2 miliardi di auto, è impossibile per Tesla costruire auto elettriche in modo abbastanza veloce per affrontare la crisi di carbonio. Allo stesso modo, significa che il mercato è enorme. La nostra vera concorrenza non è il piccolo rivolo di auto elettriche Tesla non in produzione, ma piuttosto l’enorme flusso di auto a benzina che escono dalle fabbriche di tutto il mondo ogni giorno.”

“Noi crediamo che Tesla, altre aziende che fanno auto elettriche, e il mondo intero, trarrebbero più vantaggi da una piattaforma tecnologica in rapida evoluzione comune.”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati