Senza categoria

La Rai lancia il progetto ‘Alfabetizzazione digitale: Manzi 2.0′”

di

“Torniamo alle origini con il maestro Manzi. I big data e la digitalizzazione stanno cambiando il mondo e, per prima cosa, stiamo applicando questo cambiamento a noi stessi”. il direttore generale Rai, Luigi Gubitosi, non ha dubbi sulla necessità di lanciare il progetto ‘Alfabetizzazione digitale: Manzi 2.0′”.

Il processo di digitalizzazione in Rai è cominciato due anni e mezzo fa all’interno delle redazioni  giornalistiche e “come previsto e a fine 2016 sarà un fatto compiuto per la tv pubblica”, ha assicurato Gubitosi. La Rai intende ispirarsi al noto programma ‘Non è mai troppo tardi’, andato in onda tra il 1960 e il 1968 e condotto dal maestro Alberto Manzi, che con i suoi metodi educativi contribuì all’alfabetizzazione di milioni di italiani che così poterono prendere la licenza elementare.  Secondo Gubitosi oggi l’Italia si trova nella medesima situazione di cinquant’anni fa: “Il 32% dei cittadini italiani è analfabeta digitale, negli anni 60 il 34% non aveva un titolo di studio”.

Il progetto prevede di sviluppare un piano di comunicazione che sarà articolato sulle 24 ore di trasmissione per ogni giorno dell’anno e quindi non “una trasmissione specifica di alfabetizzazione, ma una contaminazione dell’intera programmazione del servizio pubblico”, ha spiegato il direttore generale.

Per Marianna Madia, ministro della Pubblica amministrazione, è importante ridurre il digital divide dato che attualmente l’Italia si trova al penultimo posto in Europa per la digitalizzazione, ed è per questo motivo che “Stiamo rivoluzionando i servizi pubblici, la previdenza, la sanità , la scuola, perché la digitalizzazione vuole dire più diritti per i cittadini”. In una parola, “democrazia”. Il ministro ha poi ricordato come il governo il 9 dicembre, sempre per rimanere nel solco della digitalizzazione a tutti i livelli, abbia approvato il decreto attutivo che istituisce il Sistema Pubblico dell’Identità Digitale (lo Spid) per arrivare anche all’anagrafe unica che “consentirà con un unico Pin a tutti i cittadini di accedere ai servizi della P.A.”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati