Salute e ricerca

Tutti gli errori nelle vaccinazioni in Italia. Report Wsj

di

lezioni Covid

Come è andata finora la campagna di vaccinazione in Italia. L’approfondimento del Wall Street Journal


Migliaia di persone sono morte ogni settimana a causa del Covid-19 in Italia, uno dei più alti numeri e tassi di morte pro-capite in Occidente.

Un fattore, secondo lo stesso governo italiano: per molte settimane, l’Italia è stata lenta nel vaccinare gli anziani. Mentre le autorità nazionali hanno dato la priorità alle persone anziane e a quelle nelle case di cura insieme agli operatori sanitari di prima linea, le autorità regionali hanno dato numerosi vaccini ai lavoratori più giovani.

Questo contrasta con il Regno Unito, dove vaccinare prima le fasce d’età più anziane ha contribuito a un forte calo delle morti per Covid-19.

Nelle ultime due settimane di marzo, l’Italia ha riportato 102 morti per Covid-19 per ogni milione di abitanti, rispetto alle 47 della Spagna, 28 della Germania e 11 del Regno Unito. Alla fine di marzo, le persone di 70 anni o più rappresentavano l’86% delle 107.000 morti confermate per Covid-19 in Italia – scrive il WSJ.

“Se avessimo vaccinato fin dall’inizio le persone di età superiore ai 70 o 75 anni, avremmo evitato  tante morti”, ha detto Antonella Viola, virologa dell’Università di Padova.

Il governo nazionale ha cambiato le sue linee guida di vaccinazione a marzo, posticipando l’ammissibilità per i lavoratori essenziali per concentrarsi sugli anziani. Ma molte regioni sono state lente ad adattarsi. Il primo ministro Mario Draghi ha criticato le regioni per il fatto di “trascurare gli anziani” a favore dei gruppi professionali, che secondo lui hanno potere contrattuale. Le regioni hanno reagito sulla difensiva, incolpando le linee guida del governo centrale e la carenza di dosi di vaccino.

Venerdì, il governo Draghi ha ordinato alle regioni di vaccinare rigorosamente per fasce d’età, iniziando dagli italiani più anziani.

Le vaccinazioni in Italia hanno finora impedito la morte di più di 4.000 persone, secondo uno studio di Matteo Villa, un analista dell’Istituto Italiano per gli Studi di Politica Internazionale, un think tank di Milano. Ma l’Italia avrebbe potuto prevenire altri 6.000 decessi se avesse reso prioritaria la vaccinazione delle persone dai 70 anni in su, stima Villa.

Le morti legate al Covid-19 potrebbero diminuire del 70% rispetto ai livelli di inizio gennaio una volta che l’Italia avrà vaccinato il 90% dei suoi ultrasettantenni, supponendo che il virus continui a circolare al livello attuale, ha detto Villa.

Le linee guida iniziali del governo per le autorità regionali, che stanno implementando il piano di vaccinazione, dicono che la priorità dovrebbe andare agli operatori sanitari di prima linea, ai residenti e al personale delle case di cura e alle persone con più di 80 anni. Le linee guida hanno anche detto che i lavoratori nei servizi essenziali dovrebbero ricevere un vaccino anticipato, senza specificare chiaramente questi servizi. Il governo non ha specificato quali gruppi ad alta priorità dovrebbero essere vaccinati per primi.

Le 20 regioni italiane hanno tutte iniziato presto con le vaccinazioni per gli operatori sanitari, ma molte non hanno iniziato in parallelo con gli ultraottantenni. A metà febbraio, l’Italia aveva vaccinato solo il 4% degli ultraottantenni, rispetto a una media UE del 19%.

L’Italia sta recuperando il ritardo con gli altri paesi dell’UE nel vaccinare gli ultraottantenni, ma è ancora indietro nel dare i vaccini agli over 70. Solo il 17% dei residenti italiani tra i 70 e i 79 anni ha ricevuto una o più dosi di un vaccino Covid-19, il livello più basso dell’UE a parte la Bulgaria.

Alcune regioni italiane hanno interpretato liberamente la categoria sanitaria. Ricercatori medici, studenti di dottorato nelle scuole di medicina e amministratori che lavorano nel settore sanitario hanno avuto le loro vaccinazioni prima di molti ultraottantenni, nonostante abbiano raramente contatti con i pazienti.

Nella categoria dei lavoratori essenziali, alcune regioni hanno iniziato a vaccinare insegnanti, avvocati, magistrati, funzionari delle forze dell’ordine e, in una regione, giornalisti. Alcuni guardaparchi, inclusi nella categoria delle forze dell’ordine, si sono vaccinati in anticipo.

I procuratori in alcune parti d’Italia hanno aperto indagini su possibili abusi della lista di priorità dei vaccini.

Teresa Angela Camelio, un procuratore di Biella nel nord Italia, sta indagando se le autorità sanitarie locali non hanno controllato che le persone avessero diritto ad essere vaccinate, e se alcuni professionisti, come contabili o avvocati, hanno usato i loro legami con le case di cura per ottenere le vaccinazioni. Ha interrogato 120 persone fino ad ora e ha messo 23 di loro sotto indagine formale, ha detto.
Camelio ha detto che ci sono stati casi in cui individui o gruppi professionali hanno saltato la linea approfittando dell’allentamento delle regole iniziali, ma non hanno commesso alcun crimine. Altri, tuttavia, potrebbero aver infranto la legge, ha detto.

Lei e suo marito, un avvocato, avrebbero potuto ricevere i vaccini in anticipo perché la loro regione, la Toscana, ha dato alta priorità ai professionisti legali e giudiziari, ma non l’hanno fatto. “Aspetteremo il nostro turno”, ha detto, in base alla fascia d’età.

La spinta tardiva dell’Italia a vaccinare gli ultraottantenni, insieme alla priorità data alle varie professioni, ha lasciato indietro le persone di 70 anni. Una quota maggiore di italiani tra i 50 e i 69 anni è stata vaccinata, anche se hanno meno probabilità di morire di Covid-19.

La regione Lazio, che comprende Roma, si è concentrata sulla vaccinazione delle fasce d’età più anziane piuttosto che dei gruppi professionali. L’impatto sta cominciando a mostrarsi: Il Lazio ha registrato 766 decessi legati al Covid-19 a marzo, rispetto agli 889 di febbraio e ai 1.230 di gennaio, il mese di inizio delle vaccinazioni.

 

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati