skip to Main Content

Sars-Cov-2 fra 10 anni provocherà solo un raffreddore

Inter-homines

Evoluzioni e scenari di Sars-Cov-2 secondo gli esperti sentiti da El Pais

Gli esperti di evoluzione virale sostengono che è molto probabile che SARS-Cov-2 smetta di uccidere e produca solo sintomi lievi nei bambini  – leggiamo su El Pais.

Il mondo è appena entrato in una nuova fase della pandemia con l’inizio delle vaccinazioni di massa, da cui dipende molto di quello che succederà nei prossimi anni con il nuovo coronavirus. La maggior parte degli esperti ritiene che la SARS-CoV-2 non scomparirà mai, ma non deve essere per forza una cosa negativa. Quando la maggior parte della popolazione viene vaccinata, l’agente patogeno inizierà a svanire, producendo un’infezione asintomatica negli adulti e solo un leggero raffreddore nei bambini, secondo uno studio recentemente pubblicato su Science.

Gli autori basano questa affermazione su un modello matematico che riproduce la diffusione del virus. Altri esperti indipendenti in evoluzione virale e immunologia sostengono le loro conclusioni.

“Il nostro modello suggerisce che questa trasformazione richiederà da uno a dieci anni”, ha detto a questo giornale Jennie Lavine, ricercatrice della Emory University (Stati Uniti) e prima autrice dello studio.

L’arco di tempo esatto dipenderà dalla velocità con cui il virus si diffonde e dalla velocità della vaccinazione, spiega. Un fattore più complesso gioca anche un ruolo: per quanto tempo una persona è immune al Covid grave dopo essere stata infettata o aver ricevuto il vaccino. “Idealmente, la capacità di bloccare la malattia dovrebbe essere duratura, ma la capacità di trasmetterla dovrebbe essere più breve”, dice Lavine. C’è un ultimo fattore: quante infezioni o dosi di vaccino saranno necessarie per costruire una forte immunità?

Questa transizione segnerà il passaggio da un virus pandemico a uno endemico, il che significa che sarà sempre presente e può causare occasionali epidemie senza molta virulenza.

Gli scienziati ritengono che la Sars-CoV-2 sia più simile ai quattro già noti coronavirus del raffreddore che ai due più virulenti, la SARS 2001 e il Mers 2012. In questo caso, quando la maggior parte della popolazione viene vaccinata, il virus non sarà più in grado di causare malattie gravi, in quanto i vaccini lo impediscono. Resta da vedere se le iniezioni impediscono anche la trasmissione del virus, che è meno probabile. In questo modo, gli unici che rimarranno vergini del virus saranno i bambini che nasceranno, ma avranno solo sintomi lievi e raffreddore. Questo è già il caso dei quattro coronavirus stagionali conosciuti.

Sulla base di ciò che si sa sul resto dei coronavirus del raffreddore, i ricercatori stimano che la prima infezione nei bambini si verificherà tra i tre e i cinque anni di età. I bambini possono essere reinfettati negli anni successivi, ma i sintomi sarebbero sempre più lievi o assenti. “Questi risultati rafforzano l’importanza di continuare le misure di isolamento fino al completamento delle campagne di vaccinazione durante questa fase pandemica. Potrebbe essere necessario continuare la vaccinazione nella fase endemica”, spiegano gli autori.

Una delle chiavi di questo possibile futuro è la durata dell’immunità dopo l’infezione o la vaccinazione. Gli autori ritengono che entrambi proteggono da malattie gravi, ma forse non da una lieve reinfezione – la presenza del virus nell’organismo e la sua possibile trasmissione. La presenza del virus rafforzerebbe le difese dell’organismo, rendendolo più immune alle successive infestazioni dell’agente patogeno.

L’emergere di varianti più contagiose, come quella del Regno Unito, potrebbe migliorare le cose, ha detto Lavine. Una variante che si diffonde più velocemente ma non è più letale abbasserà la mortalità. Inoltre, aumenterebbe l’immunità delle persone, poiché un’infezione asintomatica rafforzerebbe le difese. E infine manterrebbe il nostro sistema immunitario “aggiornato” con le ultime varianti del virus. Tutto questo potrebbe crollare se emerge una variante che causa una malattia più grave, mettendo tutte le persone non vaccinate a maggior rischio. Lavine spiega che, sulla base dei quattro coronavirus del raffreddore, non ci sono prove che questo possa accadere. “Non è impossibile, ma non abbiamo alcuna prova per ritenere che sia probabile”, dice.

“La cosa più ragionevole è che in questo decennio questo virus diventerà endemico e produrrà solo picchi stagionali in inverno”, ha detto a questo giornale Mark Lipsitch, un epidemiologo dell’Università di Harvard. Nel maggio 2020, il suo team ha calcolato che continueranno ad esserci picchi di infezione da questo coronavirus almeno fino al 2024. Il ricercatore motiva la sua opinione. “L’impatto di questo virus sulla salute pubblica diminuirà drasticamente quando una delle due condizioni sarà soddisfatta. Il primo è che, come dice questo studio, l’immunità alla covata grave sarà di lunga durata e sarà anche rafforzata attraverso lievi reinfezioni, perché non c’è immunità totale. Il secondo è che c’è copertura del vaccino nelle persone più a rischio, in modo da ridurre notevolmente la mortalità. Credo che la prima cosa che succederà in tutto il mondo. I paesi sviluppati avranno coperto la vaccinazione in sei mesi o un anno e gli altri paesi qualche tempo dopo”, spiega.

In ogni caso, il lavoro si basa su un’altra ipotesi ragionevole ma non provata. La SARS-CoV-2 non è la stessa dei suoi quattro parenti del raffreddore e non si sa quanto dura l’immunità alla grave malattia che produce. “Anche se è pura speculazione, è possibile che le persone anziane non mantengano l’immunità alla SARS-CoV-2 così efficacemente come ai virus del raffreddore”, ha detto Lipsitch.

L’équipe di Cristina Calvo, primario di pediatria dell’ospedale La Paz di Madrid, studia da 14 anni le infezioni da coronavirus del catarro nei bambini. “I virus si adattano e diventano blandi oppure scompaiono perché non hanno più ospiti”, spiega. “La cosa logica è che perdono la loro patogenicità e la loro letalità”, aggiunge.

“Questo virus è praticamente impossibile da debellare”, spiega Toni Trilla, epidemiologo dell’Ospedale Clínic di Barcellona. “Sono d’accordo che in futuro questo virus assomiglierà più al coronavirus del raffreddore che alla SARS e al MERS”, aggiunge.

Il virus non scomparirà perché può sempre trovare rifugio in alcune persone o animali. Questo è simile a quello che sta già accadendo con l’influenza, il cui serbatoio è costituito da uccelli acquatici selvatici e che ritorna ogni inverno abbastanza cambiato da richiedere un nuovo vaccino. A volte l’influenza è stagionale e non molto grave e a volte può essere una variante pandemica, come quella che ha ucciso 50 milioni di persone nel 1918 e nel 1919.

Questo coronavirus ha già dimostrato di passare dall’uomo agli animali domestici e agli animali da fattoria, come i visoni, e due gorilla dello zoo di San Diego sono stati recentemente individuati infettati da un visitatore, ricorda María Montoya, responsabile dell’immunologia virale del Margarita Salas Biological Research Center. Inoltre, il vaccino non protegge al 100%, quindi il coronavirus sarà sempre in grado di trovare delle crepe per passare. “Se la vaccinazione fallisce o se la seconda dose viene ritardata troppo a lungo, o se la seconda dose non viene somministrata, la protezione non è ottimale, quindi la persona infetta non può soffrire di malattia, ma può ospitare il virus”, spiega.

Un altro possibile serbatoio è costituito da persone immunodepresse, con difese indebolite, dove, come suggeriscono studi recenti, il virus può mutare e acquisire una certa resistenza ad alcuni anticorpi, le proteine del sistema immunitario che teoricamente gli impediscono di entrare nelle cellule per infettare. “È come quando le persone non prendono antibiotici per i giorni prescritti e si fermano a metà strada; stanno selezionando gli agenti patogeni che sopravvivono e possono diventare più resistenti ai trattamenti o ai vaccini”, ha detto Montoya.

Un altro aspetto molto difficile da prevedere è l’evoluzione di questo virus. La Sars-CoV-2 muta meno dell’influenza. Ciò significa che accumula meno cambiamenti nel suo genoma ogni volta che si copia in una cellula. Ma tenete presente che un singolo virus può produrre decine di migliaia di copie di se stesso utilizzando una singola cellula umana. E gli esseri umani hanno miliardi di cellule.

A ciò si aggiunge il numero di persone infettate in tutto il mondo, oltre 90 milioni di persone confermate, ma probabilmente di più. Quindi, anche se muta poco, ha milioni di opportunità di farlo in ogni persona infetta.

Finora il virus si è evoluto in modo naturale: ci sono stati pochi trattamenti efficaci o vaccini contro di esso. Sta ora iniziando una seconda fase della sua evoluzione caratterizzata dalla pressione che i vaccini eserciteranno su di essa. “Le varianti con mutazioni potenzialmente pericolose come quelle che si trovano nel Regno Unito o in Sudafrica diventeranno molto più numerose man mano che la vaccinazione prenderà piede e raggiungerà sempre più persone. Il virus muterà nel tentativo di sfuggire al sistema immunitario di coloro che sono stati vaccinati e appariranno molte varianti più complesse. Se il virus cambia troppo, allora i vaccini attuali potrebbero dover essere modificati”, avverte Montoya.

Ciò che abbiamo osservato finora ci permette di essere moderatamente ottimisti. Un recente studio ha dimostrato che il vaccino BioNTech può neutralizzare la variante britannica. La chiave è che il vaccino genera anticorpi e cellule della memoria per molte parti diverse della proteina delle spicule, che sporgono sulla superficie del coronavirus che serve per legarsi alle cellule umane, entrarvi e dirottarne i macchinari biologici per riprodursi. Anche se cambiano – mutano – uno o più pezzi di quella proteina, il sistema immunitario riconoscerà comunque il resto e sarà in grado di neutralizzare il virus.

Un altro punto di incertezza è che questo coronavirus è geneticamente più simile ai virus virulenti della SARS e del MERS che a quelli del raffreddore. “I coronavirus altamente patogeni si differenziano da quelli lievi per il maggior numero di geni accessori”, spiega Isabel Sola, virologa del Centro Nazionale di Biotecnologia (CSIC). “Questi geni spesso contribuiscono ad aumentare la virulenza, perché inibiscono la risposta immunitaria innata, la prima linea di difesa che prepara e promuove la risposta immunitaria adattiva, con anticorpi, e i linfociti T. È possibile che mentre questi geni rimangono nel virus, è più complicato che diventi un virus che causa lievi infezioni”, avverte.

È probabile che stiamo già assistendo alla nascita di un nuovo virus che non andrà mai via, ma che sarà infinitamente più gestibile. “È ancora impossibile conoscere il destino finale di questo coronavirus, ma è ragionevole suggerire che si unirà ai quattro coronavirus endemici che ci causano il raffreddore ogni anno”, dice Miguel Hernán, epidemiologo di Harvard (USA) e consulente scientifico del governo. “È possibile, infatti, che questi coronavirus endemici fossero anche responsabili di piaghe o parassiti dell’antichità. Epidemie mortali allora e raffreddori scomodi adesso. Se l’endemicità è il risultato finale per le generazioni successive, prima vaccineremo tutti gli adulti, più vite salveremo in questa generazione”, aggiunge.

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore