skip to Main Content

Pfizergate? Fatti, numeri, polemiche e analisi (geopolitiche)

Pfizergate

Le dichiarazioni della whistleblower Brook Jackson al British Medical Journal sulle “irregolarità” commesse da Pfizer durante la sperimentazione del suo vaccino e i numeri che sgonfiano il Pfizergate

 

Il gruppo di studi clinici texano Ventavia, incaricato da Pfizer di valutare l’efficacia del suo vaccino, avrebbe “falsificato dati” e commesso “diverse irregolarità”, secondo quanto rivelato da una ricercatrice e pubblicato in un articolo del British Medical Journal (Bmj). E’ quello che ha dichiarato la whistleblower Brook Jackson.

L’ANNUNCIO DI BOURLA

Nell’autunno 2020, ricorda il Bmj, il presidente e amministratore delegato di Pfizer Albert Bourla aveva pubblicato una lettera aperta in cui rassicurava sui tempi che si sarebbero voluti per avere un vaccino: “Stiamo operando alla velocità della scienza”, dichiarò all’epoca.

Proprio quella velocità, secondo alcuni ricercatori – tra cui Jackson – che stavano testando il vaccino in diversi siti in Texas in quel periodo, sarebbe andata a scapito dell’integrità dei dati e della sicurezza dei pazienti.

LE ACCUSE DI JACKSON

La ricercatrice, che ha lavorato due settimane per Ventavia (prima di essere licenziata perché “non adatta”), ha detto di aver assistito a molte irregolarità tra cui falsificazione di dati, vaccinatori non adeguatamente preparati, ritardi nel seguire gli eventi avversi segnalati nello studio di fase III e confusione nella fase di etichettatura che avrebbe compromesso l’assegnazione in doppio cieco del vaccino – ovvero la procedura necessaria per valutare l’efficacia di un trattamento rispetto a un placebo.

Jackson, ha denunciato l’accaduto alla Food and Drug Administration (Fda) ma la segnalazione non ha avuto seguito e, tra i laboratori coinvolti nella sperimentazione, Ventavia non è stato soggetto a ispezione da parte dell’Agenzia.

Contattata da AFP, la Fda si è astenuta dal commentare il caso ma ha assicurato “la sua piena fiducia nei dati che hanno portato all’approvazione del vaccino Pfizer/BioNTech”.

COSA TENERE A MENTE

Mentre su Twitter già impazza l’hashtag #Pfizergate, va ricordato che Ventavia ha giocato solo un piccolo ruolo nei trial del vaccino di Pfizer. L’azienda texana, infatti, ha condotto test su circa 1.000 persone, mentre il vaccino è stato valutato su un totale di circa 44.000 persone in tutto il mondo.

Queste prove, dimostrando un’efficacia particolarmente elevata, hanno infine portato all’approvazione del vaccino in molti Paesi.

COSA DICONO I DATI

Circa le sospette reazioni avverse a seguito della somministrazione dei quattro vaccini autorizzati dall’Ema, e quindi anche relative a Pfizer, l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha pubblicato il nono Rapporto di farmacovigilanza sui vaccini anti Covid che mostra i dati raccolti e registrati dalla Rete Nazionale di Farmacovigilanza tra il 27 dicembre 2020 e il 26 settembre 2021.

In Italia, si legge nel rapporto, il vaccino di Pfizer è finora il più utilizzato nella campagna vaccinale (71,2%). A seguito dell’iniezione sono circa 4 le segnalazioni ogni 100.000 dosi somministrate a essere state classificate come gravi e ogni milione di dosi somministrate si sono registrati 6 casi di miocardite/pericardite, 3 casi di reazioni anafilattiche e 2 casi di paralisi del facciale.

IL TWEET DELL’ANALISTA GEOPOLITICO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore