skip to Main Content

Perché si sono verificati rari casi di miocardite nei ragazzi dopo i vaccini anti Covid

Miocardite Vaccini Covid

Uno studio potrebbe aver scoperto la causa all’origine dei rari casi di miocardite in bambini e ragazzi a seguito dei vaccini anti Covid ma, per gli esperti, i benefici superano comunque i rischi. Tutti i dettagli

 

I rari casi di miocardite che si sono verificati in bambini e ragazzi dopo aver ricevuto uno dei vaccini anti Covid a mRNA dipenderebbero da una elevata presenza della proteina Spike nel sangue. La scoperta arriva da uno studio pubblicato sulla rivista Circulation ed è stato condotto da un team del Brigham and Women’s Hospital e del Massachusetts General Hospital, entrambi di Boston.

I CASI DI MIOCARDITE TRA I GIOVANI

La miocardite, o infiammazione del muscolo cardiaco, è una complicazione rara che può verificarsi in caso di infezioni virali e malattie infiammatorie. Alcuni casi, tra bambini e ragazzi, si sono registrati anche in seguito alla vaccinazione anti Covid a mRNA. In particolare, secondo Inside Precision Medicine, si tratta di circa 1 o 2 persone su 100mila e per The Science Advisory Board la stima è di 18 casi su un milione.

Cifre che rendono difficile indagare il fenomeno e capirne le cause, infatti, anche la ricerca pubblicata su Circulation si è basata su un piccolo gruppo.

LO STUDIO

Da gennaio 2021 a febbraio 2022, gli autori dello studio hanno raccolto i campioni di sangue di 16 pazienti ricoverati per miocardite post-vaccino al Massachusetts General Hospital for Children o al Boston Children’s Hospital.

I risultati emersi dalle analisi sono stati poi confrontati con quelli di altri 45 soggetti sani, asintomatici e di età corrispondente, che avevano ugualmente ricevuto uno dei vaccini a mRNA.

I RISULTATI

La risposta immunitaria nei soggetti che hanno sviluppato una miocardite post-vaccino, spiega lo studio, era sostanzialmente indistinguibile da quella dei soggetti di controllo vaccinati, nonostante un modesto aumento della produzione di citochine.

Un dato degno di nota, invece, è che nel plasma dei soggetti con miocardite sono stati rilevati livelli “marcatamente elevati” di proteina Spike libera, mentre nei soggetti sani non era presente. Questo, per i ricercatori, potrebbe spiegare l’origine dell’infiammazione.

COSA SIGNIFICA L’IDENTIFICAZIONE DELLA PROTEINA SPIKE LIBERA

“Questo significa che la proteina non è legata agli anticorpi neutralizzanti che circolano nel sangue, che nei bambini e nei giovani adulti non si sono formati dopo la prima dose”, ha spiegato il virologo Francesco Broccolo dell’Università del Salento.

“Negli adulti che hanno fatto la seconda dose del vaccino – ha continuato l’esperto – la risposta immunitaria è più forte e gli anticorpi riescono a legare la proteina S mentre, nei bambini che sviluppano la miocardite, la proteina Spike resta libera senza legarsi agli anticorpi neurealizzanti. Da studi in vitro precedentemente pubblicati sembrerebbe che sia proprio la proteina S libera a danneggiare i periciti cardiaci e l’endotelio attivando l’infiammazione che sta alla base della miocardite”.

“Grazie a questa ricerca – ha concluso Broccolo -, adesso è possibile avere una comprensione, almeno parziale, delle miocarditi post-vaccino nei bambini”.

I BENEFICI SUPERANO I RISCHI

Tuttavia, secondo gli esperti, il rapporto rischi-benefici resta “decisamente a favore dell’efficacia della vaccinazione nel prevenire le forme gravi di Covid-19” e, ricorda The Science Advisory Board, nella maggior parte dei casi, la miocardite post-vaccinazione è lieve e si risolve da sola.

“Il rischio di sviluppare una malattia grave a causa di un’infezione acuta è nettamente superiore [al rischio di miocardite]”, ha dichiarato Lael Yonker, specialista in medicina polmonare pediatrica presso il Massachusetts General Hospital for Children e prima autrice dello studio.

“Sebbene tale scoperta ci aiuti a comprendere meglio questa potenziale complicazione – ha aggiunto -, non altera il rapporto rischio-beneficio della somministrazione dei vaccini anti Covid. L’incidenza della miocardite e di altre complicazioni cardiache tra i bambini infettati dal SARS-CoV-2 è molto più alta del rischio di miocardite post-vaccinazione”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore