Salute e ricerca

Italia agli ultimi posti nella vaccinazione degli over 80. Report Ispi

di

astrazeneca pfizer novartis

Numeri e confronti fra Stati europei alle prese con la vaccinazione degli ultra ottantenni nel report dell’analista Villa dell’Ispi con i dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

 

Entro la fine di marzo dovrebbe essere vaccinato l’80% della popolazione over 80 e del personale sociosanitario. A chiederlo è una comunicazione della Commissione Europea del 19 gennaio 2021 scorso.

L’Italia come sta rispetto a questo obiettivo? Molto male è la risposta di uno studio dell’Ispi curato dall’analista Matteo Villa, secondo il quale riusciremo a raggiungere il target europeo non prima del 5 luglio prossimo.

L’Italia ha adottato una strategia vaccinale quasi unica in Europa che prevede di vaccinare in prima battuta gli operatori sanitari, alcuni anche abbastanza giovani, e solo dopo gli ultraottantenni, più esposti a conseguenze molto negative della malattia.

Tra l’altro la campagna vaccinale degli over 80 è partita da un paio di settimane ma non segue lo stesso ritmo su tutto il territorio nazionale. In Puglia, per esempio, le vaccinazioni sono iniziate solo oggi.

La strategia italiana: prima i baby boomers e poi gli anziani

Il punto, sostiene la ricerca dell’Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale), è che, proprio in ragione della scarsità di dosi, sarebbe necessario vaccinare prima chi più rischia dall’eventuale infezione da Covid-19. Al momento, stando ai dati forniti dal report del Governo, sui 3.537.975 di dosi somministrate solo 547.62 sono state iniettate a over 80.

Il maggior numero di vaccinati si trovano tra i nati negli anni ’60, 830.243 persone tra i 50 e i 50 anni, seguono gli over 40 con 646.935, poco dietro i trentenni con 514.827 persone vaccinate.

La letalità del virus, cioè la possibilità che un’infezione da Covid-19 porti alla morte, cresce esponenzialmente con l’aumentare dell’età dell’ospite del Sars-Cov2. Per questo la strategia migliore è quella di vaccinare le classi d’età più avanzate, per poi scendere.

La scarsità di dosi non può essere un alibi

La scarsità di dosi a disposizione del nostro Paese non può essere un alibi – si legge nel report curato di Villa, che segue per Ispi l’andamento della pandemia non solo in Italia – perché “le dosi destinate a ciascun Paese membro dell’Unione europea vengono distribuite dalla Commissione europea sulla base della popolazione nazionale”. I Paesi più piccoli hanno qualche piccolo vantaggio, tuttavia il numero delle dosi resta scarso per tutti.

Cosa succede in Europa

I ricercatori dell’Ispi hanno elaborato i dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) sulle dosi di vaccino somministrate alle persone ultra-ottantenni fino allo scorso 14 febbraio in 16 paesi dell’Unione Europea. I risultati non sono confortanti per il nostro Paese. “Quattro Paesi europei (Polonia, Repubblica Ceca, Finlandia e Svezia) hanno già somministrato almeno la prima dose di vaccino a un quarto o più dei loro ultra-ottantenni. Francia (23%) e Germania (22%) seguono a ruota”. Questi ultimi sono due Paesi con una popolazione comparabile alla nostra, anche nella quota di ultra-ottantenni. L’Italia chiude la classifica con un esiguo 6%, poco sopra la Lituania al 3% e appena sotto la Croazia al 7%.

Questi numeri riescono a far fare una previsione per nulla rassicurante: la letalità del coronavirus non riuscirà a scendere velocemente nei prossimi mesi perché la popolazione più a rischio non è stata protetta.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati