Salute e ricerca

Israele, il vaccino Pfizer ha impiegato tre settimane per iniziare a frenare la diffusione

di

passaporto vaccinale vaccini sanofi anticorpi eli lilly

Ci sono volute tre settimane per il vaccino di Pfizer Inc.-BioNTech per iniziare a frenare nuovi casi e ricoveri. Ecco l’approfondimento di Bloomberg

Israele, con la più alta percentuale di cittadini vaccinati contro il Covid-19 nel mondo, ha scoperto che ci sono volute tre settimane per il vaccino di Pfizer Inc.-BioNTech per iniziare a frenare nuovi casi e ricoveri.

I ricercatori del paese mediorientale hanno riferito osservazioni preliminari mercoledì da un programma di immunizzazione nazionale che è iniziato il 20 dicembre. Il miglioramento nel numero di nuovi casi e pazienti ospedalizzati si è verificato 21 giorni dopo la campagna di vaccinazione, hanno detto gli scienziati, notando che l’effetto reale dei vaccini può richiedere più tempo di quello che è stato dimostrato negli studi clinici – scrive Bloomberg.

“A nostra conoscenza, nessuno studio finora ha studiato l’impatto della campagna di vaccinazione a livello di popolazione e il suo effetto sui modelli di dinamica pandemica”, hanno detto gli scienziati del Weizmann Institute of Science di Rehovot. “Poiché Israele è uno dei primi paesi ad attuare una campagna di vaccinazione di questa portata, crediamo che questa quantificazione possa essere di grande interesse per molti paesi del mondo”.
La campagna di vaccinazione di Israele è iniziata poco prima che un ceppo più trasmissibile di SARS-CoV-2 emergesse, alimentando le infezioni e portando a una terza chiusura l’8 gennaio. A partire da martedì, il 28% degli israeliani – compresi i tre quarti di coloro che hanno 60 anni o più – hanno ricevuto due dosi di vaccino o sono guariti da un’infezione. Al picco, 229.508 dosi sono state somministrate in un giorno.
L’efficacia potrebbe differire leggermente dai dati dei test clinici nelle impostazioni della vita reale per diversi motivi, hanno detto i ricercatori. La logistica, compresa la refrigerazione, lo stoccaggio, il trasporto e la somministrazione dei vaccini durante un lancio rapido può essere imperfetta, abbassando l’efficacia, hanno detto.

I ricercatori hanno anche notato che le persone più anziane – che sono state privilegiate prima nella campagna di vaccinazione in Israele – hanno potenzialmente avuto una risposta ridotta o ritardata alla vaccinazione a causa del deterioramento legato all’età della loro funzione immunitaria.
È anche possibile che l’efficacia del vaccino sia ridotta di fronte ad alcuni dei ceppi virali emergenti, tra cui la variante B.1.1.7 scoperta nel Regno Unito che è ora prevalente in Israele, e la 501Y.V2 osservata per la prima volta in Sud Africa, hanno detto i ricercatori.

Hanno anche notato che gli individui vaccinati possono alterare il loro comportamento e diminuire l’aderenza alla guida di prevenzione della salute pubblica, come la distanza fisica e l’indossare mascherine, aumentando così la trasmissione virale.
“Inoltre, la trasmissione virale può avvenire anche nelle aree di vaccinazione stesse”, hanno detto i ricercatori. “I siti di vaccinazione dovrebbero essere grandi e ventilati per diminuire la probabilità di trasmissione in loco”.

I ricercatori hanno concluso che sono necessari più studi volti a valutare l’efficacia della vaccinazione sulla riduzione della trasmissione della SARS-CoV-2 sia a livello individuale che di popolazione con un follow-up più ampio e in ulteriori popolazioni.

(Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati