Salute e ricerca

Gsk e CureVac sviluppano vaccini per affrontare le varianti di Covid

di

vaccini curevac

Gsk e CureVac investono 150 milioni di euro per sviluppare congiuntamente un prodotto utilizzando la tecnologia mRNA che funzionerebbe su più varianti di Covid

La britannica GlaxoSmithKline e la tedesca CureVac lavoreranno insieme su una nuova generazione di vaccini Covid-19 per affrontare le varianti emergenti del virus che hanno mostrato una certa resistenza a quelli esistenti.

Le due aziende hanno concordato un accordo da 150 milioni di euro per sviluppare congiuntamente un prodotto utilizzando la tecnologia mRNA che funzionerebbe su più varianti del virus Sars-Cov-2 e potrebbe essere pronto per l’uso nel 2022, previa approvazione.

GSK aiuterà anche a produrre fino a 100 milioni di dosi del candidato vaccino mRNA di CureVac nel suo stabilimento in Belgio. Il vaccino CureVac, l’unico vaccino mRNA che è stabile alle temperature convenzionali del frigorifero, è nelle fasi finali dei test. CureVac ha anche un accordo di produzione con la tedesca Bayer – scrive il FT.

Emma Walmsley, amministratore delegato della GSK, ha detto che i vaccini di nuova generazione saranno “cruciali” nella lotta contro il Covid-19.

“Questa nuova collaborazione si basa sul nostro rapporto esistente con CureVac e significa che insieme, combineremo le nostre competenze scientifiche in mRNA e lo sviluppo di vaccini per far progredire . . . lo sviluppo di nuovi candidati vaccini Covid-19”, ha detto.

Il nuovo vaccino può essere usato per persone precedentemente non vaccinate o come richiamo.

Le aziende valuteranno anche lo sviluppo di vaccini mRNA per proteggere da altri virus respiratori. GSK avrà l’autorizzazione alla commercializzazione del nuovo vaccino in tutto il mondo, tranne che in Germania, Austria e Svizzera.

GSK ha comprato quasi il 10% di CureVac a luglio, anche se l’accordo non includeva l’attuale vaccino Covid-19 di CureVac. Il governo tedesco ha anche investito 300 milioni di euro nell’azienda, dopo i rapporti che l’amministrazione Trump aveva cercato di convincerla andare negli Stati Uniti.

CureVac ha detto che può produrre 300 milioni di dosi del suo vaccino quest’anno, e almeno 600 milioni il prossimo anno. Ha firmato un accordo per consegnare 400m dosi all’UE, e ha detto che non perseguirà più l’autorizzazione del vaccino negli Stati Uniti, citando la saturazione del mercato.

Adam Barker, un analista di Shore Capital, ha detto che GSK era concentrata su “un’assegnazione intelligente delle risorse”.

“Sospetto che GSK stia anche osservando attentamente la propria produzione di vaccini in modo da non causare alcun problema di approvvigionamento producendo grandi quantità di vaccini Covid”, ha detto.

I vaccini multivalenti mRNA – che mirano ad affrontare più varianti – sviluppati da GSK e CureVac “sono molto promettenti, ma anche molto difficili”, ha aggiunto. “Non siamo mai stati in grado di ottenerli per l’influenza. Quindi questo è un investimento più ad alto rischio per loro”.

(Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati