skip to Main Content

Una speranza made in Italy contro l’Alzheimer, ecco le novità

Alzheimer

La fondazione Ebri di Roma, istituita da Rita Levi-Montalcini, sta studiando una molecola che potrebbe diventare la chiave per curare la malattia di Alzheimer. Tutti i dettagli

 

L’Italia è l’ottavo Paese al mondo più colpito da demenza, sono un milione e 400 mila i casi diagnosticati, 600 mila dei quali solo di Alzheimer. Si tratta di una malattia che poco alla volta o talvolta improvvisamente toglie la capacità di relazionarsi alle persone, anche quelle più care che non vengono più riconosciute e ricordate.

In Italia, però, la fondazione European Brain Research Institute (Ebri) di Roma, fondata da Rita Levi-Montalcini, è all’avanguardia per gli studi sul cervello e alcune recenti scoperte danno un po’ di speranza.

IL RUOLO DELLA PROTEINA A13

Nella video-intervista realizzata da Ruggero Po, la neuropsicologa Elena Fiori ha spiegato a che punto è e quali risultati sono stati raggiunti attraverso l’utilizzo della proteina A13 che si spera possa essere la chiave che aprirà nuove strade per la cura dell’Alzheimer.

“La malattia di Alzheimer – ha ricordato Fiori – è causata dal danneggiamento di una proteina chiamata Beta42, che si accumula in strutture sempre più complesse fino a provocare la morte dei neuroni. La A13 è un frammento di anticorpo specifico per la Beta42 nella sua forma più tossica, quella di oligomero”.

In particolare, “la A13 essendo molto piccola riesce a penetrare all’interno delle cellule molto facilmente risultando un ottimo candidato per la terapia genica per la malattia di Alzheimer. La molecola – ha spiegato la neuropsicologa – è infatti in grado di modificare i danni cerebrali provocati dagli oligomeri”.

A CHE PUNTO SIAMO

Come sottolineato anche da Fiore, restano ancora molti altri esperimenti da fare perché per ora la molecola è stata testata solo su alcuni modelli animali ed è inoltre necessario testarla ad altre fasi della malattia perché al momento i dati sono relativi a una fase pre-sintomatica, quindi sono in grado di prevenire i sintomi, ma sono in corso i test per capire se è in grado di rinvertire un processo iniziato e di stopparlo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore