skip to Main Content

Ecco perché il sogno cinese di un vaccino a mRNA potrebbe sfumare

Cina Vaccino Mrna

Pechino ha sempre rifiutato i vaccini a mRNA stranieri, ma quello che sta sviluppando ora a casa sua rischia di essere un buco nell’acqua. Tutti i dettagli nell’articolo del Financial Times

 

La Cina sta facendo progressi nello sviluppo di un proprio vaccino anti Covid a mRNA, ma gli esperti avvertono che rischia di essere superata dalle rapide mutazioni della variante Omicron. Così scrive il Financial Times.

Il rifiuto di Pechino di approvare vaccini stranieri e l’efficacia limitata dei più tradizionali vaccini inattivati disponibili presso le aziende nazionali fanno sì che un vaccino a RNA messaggero sia considerato essenziale per allontanarsi dalla politica “zero Covid”, economicamente costosa, del presidente Xi Jinping.

L’ottimismo degli analisti sulle prospettive dei vaccini a mRNA cinesi è stato alimentato dai recenti risultati della sperimentazione di un vaccino sviluppato dalla start-up Suzhou Abogen Biosciences con l’azienda farmaceutica cinese Walvax Biotechnology e l’esercito del Paese.

Secondo i risultati pubblicati a maggio, il vaccino AWcorna di Abogen ha generato anticorpi contro Omicron a livelli 4,4 volte superiori a quelli indotti dal vaccino inattivato prodotto da Sinovac, uno dei due principali fornitori di vaccini della Cina. I primi dati di Abogen “sembrano molto positivi”, ha dichiarato Ben Cowling, epidemiologo dell’Università di Hong Kong.

La maggior parte della popolazione cinese è stata vaccinata con vaccini inattivati della Sinovac e della Sinopharm, azienda statale. I ricercatori hanno affermato che questa tecnologia produce una risposta immunitaria più debole rispetto ai vaccini a base di mRNA, che mirano alla proteina spike del virus.

Nel tentativo di aumentare il tasso di vaccinazione, mercoledì i funzionari sanitari di Pechino hanno annunciato che dalla prossima settimana, per la prima volta, i 21 milioni di persone della capitale dovranno mostrare la prova della vaccinazione Covid per accedere a spazi pubblici come cinema e palestre.

Helen Chen, responsabile della divisione China life sciences di LEK Consulting, ha dichiarato che Abogen è “il più vicino al completamento” dei nove candidati vaccini a base di mRNA sviluppati da o in collaborazione con aziende farmaceutiche cinesi e in fase di sperimentazione clinica.

Il successo di Abogen potrebbe avere implicazioni oltre i confini del Paese.

L’azienda spera di poter conservare il suo vaccino alle normali temperature dei frigoriferi, invece di richiedere le attrezzature specializzate a bassa temperatura necessarie per i vaccini a mRNA prodotti da Moderna o Pfizer/BioNTech. Ciò ne faciliterebbe la distribuzione nei Paesi in via di sviluppo.

Ma gli esperti hanno detto che Abogen e gli altri vaccini cinesi a base di mRNA sono stati progettati anche per le varianti precedenti di Covid e potrebbero avere difficoltà a far fronte all’emergere delle nuove sottovarianti BA.4 e BA.5 di Omicron. Questi ceppi hanno trovato il modo di eludere l’immunità naturale e quella generata dalla vaccinazione e stanno rapidamente diventando dominanti in gran parte del mondo. Gli studi hanno dimostrato che un numero maggiore di persone completamente vaccinate è stato infettato da BA.4 e BA.5 rispetto ai ceppi precedenti.

James Bellush, esperto di scienze mediche presso la RTW Investments di New York, ha affermato che l’emergere di nuove varianti significa che i farmaci cinesi a base di mRNA non avranno certamente l’efficacia “sconvolgente” contro l’infezione dei farmaci Moderna e Pfizer quando furono introdotti per la prima volta nel 2020. Inoltre, non era chiaro quanto i vaccini di Abogen potessero proteggere i riceventi dallo sviluppo di sintomi gravi di Covid.

“La domanda che rimane intorno ad Abogen è se riuscirà a prevenire la malattia grave. Non abbiamo ancora visto i dati”, ha detto Bellush.

Abogen, che l’anno scorso ha raccolto 1,1 miliardi di dollari da investitori tra cui il fondo d’investimento di Singapore Temasek e il gruppo cinese di private equity Hillhouse Capital, sta anche conducendo prove in fase iniziale di un candidato vaccino a base di mRNA che ha come bersaglio la sottovariante BA.4 sugli animali, secondo una persona che ha familiarità con il lavoro dell’azienda. Abogen ha rifiutato di commentare.

Le mutazioni del virus hanno afflitto anche le aziende farmaceutiche occidentali. Ma con i vaccini già in uso da un anno e mezzo, i gruppi biotech occidentali hanno un vantaggio nell’adattarsi alle nuove varianti. Pfizer e BioNTech hanno dichiarato che i loro vaccini mirati ad Omicron suscitano una forte risposta immunitaria contro la variante, superando la loro versione precedente.

La creazione di un vaccino a base di mRNA rimane molto impegnativa. Bruce Liu, responsabile della divisione life sciences per la Cina presso la società di consulenza Simon-Kucher & Partners, ha affermato che tra le maggiori difficoltà vi è lo sviluppo di nanoparticelle lipidiche, lo scudo grasso che protegge le fragili molecole di mRNA mentre entrano nelle cellule umane, e che sono difficili da produrre in modo sicuro in grandi quantità.

“Con l’mRNA il diavolo si nasconde nei dettagli”, ha detto Liu.

Anche i dati della sperimentazione di Abogen non sono stati tutti incoraggianti. Circa un terzo dei 300 partecipanti allo studio ha sviluppato febbre dopo aver ricevuto AWcorna, rispetto a solo il 4% di coloro che hanno ricevuto un richiamo di Sinovac. In confronto, il 18% dei pazienti che ha ricevuto il vaccino di Pfizer in uno studio separato ha sviluppato febbre.

Una maggiore incidenza di effetti collaterali potrebbe rendere più difficile per le autorità sanitarie convincere le persone esitanti al vaccino a sottoporsi all’iniezione – un problema particolare in Cina, dove la scarsa adesione da parte degli anziani ha rafforzato l’impegno delle autorità a ricorrere a blocchi e test di massa.

I problemi con i vaccini a base di mRNA prodotti in patria potrebbero alimentare le richieste di Pechino di ricorrere a vaccini stranieri. Prima ancora di annunciare la partnership con Pfizer, nel marzo 2020 BioNTech aveva concordato un’alleanza con la cinese Fosun Pharma per la fornitura di qualsiasi vaccino di successo a base di mRNA. Ma a distanza di più di due anni, Pechino non ha approvato alcun prodotto a base di mRNA per uso terapeutico nella Cina continentale.

Secondo gli analisti, questa riluttanza ha motivazioni politiche, in linea con l’obiettivo di Xi di ridurre la dipendenza dal know-how straniero in campo scientifico e tecnologico.

“La Cina sta permettendo agli operatori nazionali di recuperare terreno, ma questo potrebbe rivelarsi un grosso errore tattico”, ha dichiarato un esperto del settore in Cina che non ha voluto essere nominato.

Anche se la Cina riuscisse a lanciare un vaccino a base di mRNA di produzione nazionale più efficace nella prevenzione di malattie gravi, gli esperti hanno detto che la determinazione di Pechino a sconfiggere il virus potrebbe renderla riluttante a rinunciare alle restrizioni zero Covid che hanno causato un crollo della spesa dei consumatori e un aumento della disoccupazione.

“Non esiste una tecnologia vaccinale in grado di prevenire un’ondata di infezioni se la Cina allenta le misure di salute pubblica”, ha dichiarato Cowling. “Sarebbe difficile per la Cina cambiare rotta”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore