skip to Main Content

Cosa fare per contrastare la dispersione scolastica

Suor Maria De Coppi

Gli strumenti ci sono tutti, a livello giuridico e finanziario: basta avere il coraggio di usarli per dare una nuova e straordinaria opportunità ai giovani italiani. L’intervento di suor Anna Monia Alfieri, esperta di politiche scolastiche

 

Riparte la scuola e riparte la solita cantilena di titoli e slogan, ripetuti, ormai da anni, sempre gli stessi. Mancano i docenti, gli allievi disabili e più svantaggiati sono abbandonati…

Insomma, la scuola italiana rimane sempre la stessa: classista, regionalista e discriminatoria.

La politica, i sindacati, la burocrazia tengono la scuola italiana tra i loro tentacoli, impedendo la realizzazione di una scuola libera, autonoma, gratuita per tutti. Ma, lo sappiamo, emancipare i poveri è pericoloso. Chiedo dunque alla politica di risparmiare agli italiani la solita cantilena e di concentrarsi sulle soluzioni ben presenti nel Family Act, ancor più in sintesi nella agenda Ditelo sui tetti ben presente ai nostri politici.

L’educazione ha come primo soggetto la famiglia: lo Stato, perciò, in occasione della prossima legge finanziaria, eroghi alle famiglie che scelgono per i figli scuole paritarie un credito/contributo di istruzione pari ad almeno il 70% di quanto lo Stato stesso spende pro studente (8mila euro), in base al costo standard di sostenibilità (5.500 euro). Tale contributo dello Stato sia integrato con i finanziamenti di Regioni e Comuni fino a raggiungere l’intero costo standard a partire dalle famiglie meno abbienti.

Un contrasto efficace alla dispersione deve sostenere anzitutto le famiglie in condizione di svantaggio sociale e culturale, che non dispongono di risorse né per usufruire di interventi di recupero né per accedere alle scuole paritarie che rappresentano una preziosa opportunità di recupero degli studenti in difficoltà sociale e culturale. È urgente che Stato, Regioni e Comuni assicurino a queste famiglie contributi “destinati a coprire, fino all’intero ammontare, il costo delle rette delle scuole paritarie e dei servizi educativi accreditati”, attivando a tale scopo anche i nuovi fondi del PNRR per la lotta alla dispersione scolastica e i fondi europei.

Gli strumenti ci sono tutti, a livello giuridico e finanziario: basta avere il coraggio di usarli per dare una nuova e straordinaria opportunità ai giovani italiani.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore