skip to Main Content

Covid, cosa succederà in primavera. Parola di virologo tedesco

Inter-homines

“Sono piuttosto in apprensione su ciò che potrebbe accadere in primavera e in estate”, ha detto Christian Drosten, virologo tedesco, a Der Spiegel


In un’intervista con Christian Drosten, il virologo tedesco ripercorre gli errori commessi nella pandemia di coronavirus – e anticipa i pericoli che la pandemia ha ancora in serbo per noi.

DER SPIEGEL: Professor Drosten, la pandemia è entrata in una fase decisiva. L’inizio della campagna di vaccinazione ha significato la luce alla fine del tunnel, ma ora sono apparse altre varianti virali più contagiose. Quanto è pericolosa la situazione in Germania in questo momento?

Drosten: Naturalmente sto monitorando attentamente la situazione. Anche i politici sanno bene che dobbiamo stare attenti. All’inizio, ammetto di aver avuto i miei dubbi sul fatto che B.1.1.7, la nuova variante britannica, fosse tanto più contagiosa quanto la gente affermava. Ma ora, c’è un nuovo studio di Oxford, dati davvero solidi, che dimostrano che questa mutazione è fino al 35 per cento più contagiosa del virus wild-type. È piuttosto sorprendente che il virus abbia aumentato la sua infettività a quel livello. Questo è, purtroppo, più pericoloso che se fosse diventato più mortale – perché ogni nuovo caso infetterà più persone, e ognuno di loro infetterà più persone, tanto che il numero di casi crescerà in modo esponenziale.

DER SPIEGEL: Lunedì sera lei faceva parte del gruppo di esperti che consigliava la Cancelliera Angela Merkel e i governatori dei 16 Stati tedeschi. Quali raccomandazioni ha fatto?

Drosten: In questo momento sono molto preoccupato per la variante britannica, soprattutto per la nostra vicinanza geografica al Regno Unito. Secondo i fatti che abbiamo attualmente, B.1.1.7 ha appena iniziato a diffondersi in Germania. Penso che abbiamo la singolare opportunità di evitare, o almeno di rallentare notevolmente, l’avanzamento di questa variante. Con B.1.1.7, ci potrebbe essere una sorta di effetto soglia. Se riusciamo a mantenere la nuova variante al di sotto di un benchmark critico, avremmo almeno la speranza che qui non si diffonda così rapidamente.

DER SPIEGEL: Le misure decretate martedì sono sufficienti?

Drosten: Nelle trattative, credo che ci sia stato uno sforzo per trovare le lacune, i luoghi dove finora non è stato fatto abbastanza per fermare lo spread. È chiaro che è stata una lotta e che i risultati sono un compromesso. Alcune aree mi sembrano particolarmente importanti. Scuole e asili nido, in particolare le classi delle scuole secondarie. L’Inghilterra ha chiuso tali scuole, con l’eccezione dei figli dei lavoratori più critici, e credo che sia anche lì che si trovano i dati più affidabili. Per me, questo è inequivocabile, e la Germania dovrebbe usarlo come orientamento.

DER SPIEGEL: E le misure relative al lavoro da casa?

Drosten: Sicuramente si sarebbe potuto fare di più su questo tema. Sarebbe stato bene ispirarsi all’esperienza irlandese dell’autunno. L’Irlanda ha introdotto misure severe per quanto riguarda il lavoro da casa, e a quanto pare è stato abbastanza efficace. Così facendo si riduce automaticamente l’occupazione del trasporto pubblico. C’è anche un terzo aspetto in cui sono necessari dei miglioramenti, cosa che gli inglesi stanno facendo: contatti mirati e sostegno per le persone socialmente svantaggiate e per i gruppi difficili da raggiungere durante la pandemia. Qui il virus si diffonde spesso in modo esplosivo, perché molte persone vivono in ambienti chiusi e hanno un lavoro che non permette loro di lavorare da casa. Molti forse non comprendono appieno il problema rappresentato dagli spazi ristretti. Credo che ci sia ancora molto da fare qui.

DER SPIEGEL: Lei ha elaborato un’immagine per illustrare la nostra situazione attuale nella pandemia: Siamo su un camion sgangherato che sta scendendo da un ripido pendio…

Drosten: … e non sappiamo quali curve stanno arrivando e se la strada sta per diventare improvvisamente più ripida. Non sappiamo nemmeno fino a dove dobbiamo ancora arrivare, ma sappiamo che dobbiamo assolutamente evitare di perdere una curva. In una situazione come questa, chiudere gli occhi non aiuta. Dobbiamo continuare ad andare avanti e fare una cosa in particolare: usare i freni, anche se potrebbero essere arrugginiti.

DER SPIEGEL: Cosa intende dire?

Drosten: Significa che dobbiamo abbassare il numero di riproduzione R.

DER SPIEGEL: Il valore che ci dice il numero medio di persone a cui una persona infetta passa il virus.

Drosten: Esattamente. Attualmente, quel numero è a 0,9. È fantastico che siamo finalmente riusciti a spingerlo sotto 1, in modo che il numero di casi possa cominciare a scendere. Ma 0,9 non è sufficiente se vogliamo allentare rapidamente i freni. Con una R di 0,9, ci vuole circa un mese per dimezzare il numero di infezioni. È troppo tempo. Dovremmo provare, attraverso un’intensificazione dell’arresto, a ridurre il numero a 0,7. Poi, i numeri dei casi si dimezzeranno in una settimana, e potremo arrivare a un punto in cui potremo fermare la diffusione di B.1.1.7 o almeno darci un vantaggio.

DER SPIEGEL: Ritiene che la cosiddetta strategia Zero-COVID, l’obiettivo di azzerare il numero di nuove infezioni, sia la strada giusta da seguire?

Drosten: Penso che sarebbe possibile con uno sforzo significativo. Il virus, naturalmente, continuerebbe ad infiammarsi, proprio come abbiamo visto in Cina e in Australia. Ma varrebbe assolutamente la pena di identificare almeno zero nuove infezioni come obiettivo. Soprattutto perché sono piuttosto preoccupato per quello che potrebbe accadere in primavera e in estate.

DER SPIEGEL: Cosa intende dire?

Drosten: Una volta che gli anziani e forse parte dei gruppi a rischio saranno stati vaccinati, ci sarà un’immensa pressione economica, sociale, politica e forse anche legale per porre fine alle misure di anti coronovirus. E poi, in breve tempo, un numero enorme di persone si infetteranno, più di quanto si possa immaginare al momento. Non avremo 20.000 o 30.000 nuovi casi al giorno, ma fino a 100.000 nel peggiore dei casi. Naturalmente, saranno soprattutto i giovani ad avere meno probabilità degli anziani di avere sintomi gravi, ma quando un numero enorme di giovani si infetterà, i reparti di terapia intensiva si riempiranno comunque e molte persone moriranno. Solo che saranno persone più giovani. Possiamo attenuare in qualche modo questo terribile scenario spingendo i numeri verso il basso.

DER SPIEGEL: Possiamo essere sicuri che i numeri dei casi cominceranno a diminuire in primavera, con l’aumento delle temperature?

Drosten: Non credo. Il fatto che abbiamo avuto un’estate così rilassata nel 2020 ha probabilmente a che fare con il fatto che i nostri numeri di casi sono rimasti al di sotto di una soglia critica in primavera. Ma non è più così. Temo che sarà più come in Spagna, dove i numeri dei casi sono saliti di nuovo rapidamente dopo che il blocco è stato revocato, anche se faceva piuttosto caldo. Anche in Sudafrica, dove attualmente è estate, i numeri dei casi sono ad alto livello.

DER SPIEGEL: Quale delle nuove mutazioni ritiene sia la più pericolosa?

Drosten: In una popolazione che non è ancora immune, come qui in Germania, la variante britannica troverà probabilmente successo, perché è più adatta a diffondersi, è più contagiosa. Le varianti sudafricana e brasiliana possono essere in grado di infettare persone che hanno già avuto la malattia, ma questo probabilmente non dà loro un vantaggio in una popolazione dove l’immunità non è ancora diffusa. Il che significa che il virus si distribuirà qua e là nel corso del prossimo anno, e sicuramente compariranno nuove varianti.

DER SPIEGEL: Cosa significa questo per i vaccini?

Drosten: Una delle mutazioni nelle varianti brasiliane e sudafricane ha già dimostrato una grave fuga immunitaria…

DER SPIEGEL: … che aiuta il virus a sfuggire alle nostre difese immunitarie. Questo significa che i vaccini saranno inefficaci?

Drosten: Gli anticorpi sono solo un componente della protezione immunitaria, un altro è l’immunità delle cellule T. Questo protegge molto di più contro una grave progressione della malattia. Se il virus muta, non ha alcun effetto sull’immunità delle cellule T. In quanto tale, non credo che dobbiamo temere che i nostri vaccini siano inefficaci.

DER SPIEGEL: Non contraddicendo le persone che dicono pubblicamente cose ridicole, lei tollera una situazione in cui la gente crede nei falsi profeti. È particolarmente problematico con i negazionisti, che sostengono che la mortalità non è molto più alta di quella dell’influenza.

Drosten: Lasciatemi essere estremamente chiaro su questo: Secondo quanto ho sentito, il tasso di mortalità per infezione in Germania – cioè la percentuale di infezioni da SARS-CoV-2 che causano la morte in Germania – è probabilmente superiore all’1,1 per cento. Questo è più di 10 volte superiore all’influenza. Ma so cosa intende, naturalmente. Anche se gli studi che non sono aggiornati, che non sono più accurati, non mi danno tanto fastidio. È solo una parte della scienza. Ciò che mi dà più fastidio sono le argomentazioni fatte senza prove, senza sostanza, con un ragionamento analogico ingiusto. Tutte quelle cose che sono essenzialmente simili a sopprimere le intuizioni scientifiche. Ne risulta un falso equilibrio, con la gente che ha l’impressione che tali argomenti siano anche scienza.

DER SPIEGEL: Anche i politici vengono risucchiati da tali affermazioni.

Drosten: Certo. Come fa un politico a sapere chi sono i veri esperti? Dall’autunno, quando alcuni di questi esperti hanno dato il via libera, ho avuto la sensazione che siamo stati soggetti a un falso equilibrio. Le mie valutazioni sono ora quasi sempre in contrasto con opinioni opposte che non sono radicate nei fatti. Ma semplicemente non ho il tempo di combattere su questo fronte. Ho già un lavoro a tempo pieno come leader di un’istituzione, dove sono responsabile della ricerca, della cura dei pazienti e della salute pubblica.

DER SPIEGEL: La battaglia per l’autorità interpretativa nella pandemia sta diventando più aggressiva?

Drosten: Ci sono certamente alcuni attacchi che in cima sono guidati dal testosterone. Bisogna semplicemente ignorarli.

DER SPIEGEL: Perché?

Drosten: Le persone che attaccano gli altri personalmente sono, a seconda del loro stile, come i conducenti che si siedono nella sicurezza della propria auto e urlano contro gli altri conducenti – cosa che non farebbero mai come pedoni sul marciapiede. O come una persona che di nascosto fa uscire l’aria dalla gomma della bicicletta di qualcuno. Ma io non voglio nessuna di queste due cose. Non posso essere così, non voglio comportarmi così.

DER SPIEGEL: Ultimamente la virologa Melanie Brinkmann è stata attaccata dal tabloid Bild perché è una sostenitrice della strategia Zero-COVID. Anche lei ha avuto un incontro con Bild. Che consiglio le darebbe?

Drosten: Di ritirarsi. È l’unica cosa che si può fare. Come scienziati, siamo indifesi, non possiamo semplicemente ignorare questi attacchi o tenergli testa.

DER SPIEGEL: Quando si guarda indietro a quest’anno di pandemia, quali errori ha commesso?

Drosten: Certamente, quando si tratta di comunicazione. Per esempio, cercando di difendermi su Twitter dagli attacchi. Non funziona mai. In generale, ho fatto l’errore di passare troppo tempo a leggere Twitter. Farlo ti fa impazzire. E poi, è stato ingenuo da parte mia annunciare in breve su Twitter i risultati del nostro studio sulla carica virale nei bambini. Molti l’hanno vista come una provocazione.

DER SPIEGEL: Come conseguenza dello studio, lei ha messo in guardia contro la riapertura di scuole e asili.

Drosten: Pensavo fosse un’informazione che tutti avevano bisogno di vedere: Raddoppiamo gli sforzi per poter pubblicare il prima possibile. All’epoca non mi era chiaro che potesse sembrare una provocazione – soprattutto nell’atmosfera calda dell’epoca.

DER SPIEGEL: La questione della chiusura delle scuole è stata oggetto di ore di dibattito martedì durante l’incontro tra la Merkel e i governatori dello Stato. Perché è stato così difficile per gli scienziati convincere la gente su questo tema?

Drosten: Ad essere onesti, anche senza il nostro studio sulle cariche virali nei bambini, non avrei considerato probabile che i bambini sarebbero stati risparmiati dalla SARS-CoV-2. Da un punto di vista puramente biologico, la mucosa non cambia molto durante la pubertà. Il che significa che i bambini possono anche essere infettati – ed essere contagiosi. Il fatto che siano sorti così tanti dubbi su questo fatto mi ha sempre confuso e mi confonde ancora.

DER SPIEGEL: La Germania è rimasta paralizzata e non è stata preparata con idee intelligenti per tenere aperte le scuole per tutto l’inverno?

Drosten: Pensavo, sì, la gente ne discuterà e poi troverà soluzioni pratiche – come, ad esempio, rimuovere i vetri delle finestre e sostituirli con un pezzo di cartone munito di ventilatore. Ma poi, l’infettività dei bambini è stata negata per così tanto tempo, e non è stato fatto nulla, non sono state prese decisioni per così tanti mesi durante l’estate. L’ho trovato molto, molto sorprendente.

DER SPIEGEL: Sono tutti gli errori che ha commesso l’anno scorso?

Drosten: (ride) Non credo di essermi sbagliato fondamentalmente nelle mie valutazioni scientifiche sulla pandemia.

DER SPIEGEL: La pandemia quando sarà finita?

Drosten: Credo che a un certo punto, nel bel mezzo dell’autunno, gli effetti delle vaccinazioni cominceranno a farsi sentire. A livello di popolazione, non solo nel senso che i gruppi a rischio sono protetti. In questo modo saranno molte meno le persone che si infetteranno. Ma perché ciò accada, non può accadere nulla di completamente imprevedibile.

(Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore