skip to Main Content

Cosa succede con la campagna di richiami del vaccino?

Vaccini

Mentre la maggior parte dei Paesi stanno ancora aumentando le loro campagne di vaccinazione, alcuni stanno già facendo piani per consegnare milioni di richiami di vaccino. L’approfondimento del Wall Street Journal 

Mentre la maggior parte dei paesi stanno ancora aumentando le loro campagne di vaccinazione, alcuni stanno già facendo piani per consegnare milioni di richiami di vaccino più in là nel corso dell’anno.

Le preoccupazioni che il Covid-19 possa trasformarsi in una minaccia stagionale stanno guidando i preparativi negli Stati Uniti, nell’Unione Europea e nel Regno Unito per un programma di richiamo del vaccino invernale. I piani sono precauzionali, secondo i funzionari della sanità pubblica, e non è ancora certo che saranno messi in funzione o su quale scala.

Gli esperti di malattie dicono che la necessità di un richiamo invernale dipenderà dal fatto che l’immunità indotta dal vaccino si affievolisca nel tempo e se l’attuale gamma di vaccini sia efficace contro le varianti del virus – scrive il WSJ.

Gli scienziati stanno ancora raccogliendo dati su entrambe le questioni, e le risposte che troveranno plasmeranno la progettazione di qualsiasi programma di richiamo, compreso chi dovrebbe riceverne uno e quale vaccino potrebbe ricevere.

Alcuni esperti di salute pubblica dicono che parlare di programmi di richiamo è prematuro, date le lacune nella nostra conoscenza del virus e dei vaccini che lo combattono, così come l’urgente bisogno di vaccini in paesi come l’India dove il virus si sta diffondendo rapidamente. “Abbiamo bisogno di dati” per determinare se e quando sono necessarie terze dosi, ha detto questo mese Marco Cavaleri, capo dell’Agenzia Europea dei Medicinali per le minacce alla salute biologica e la strategia dei vaccini.

Ma altri dicono che i governi hanno ragione a muoversi velocemente piuttosto che aspettare che queste domande siano risolte.

“Non ha senso pianificare se hai già avuto una recrudescenza”, ha detto David Salisbury, un ex direttore dei programmi di immunizzazione nel Regno Unito che ora è un associato in salute globale presso il think tank di affari internazionali Chatham House.

L’UE ha detto questo mese che ha firmato un contratto con Pfizer Inc. e BioNTech SE della Germania per altri 1,8 miliardi di dosi del loro vaccino Covid-19 per la consegna fino al 2023. La Commissione europea, il braccio esecutivo del blocco, ha detto che le dosi sono state destinate ai richiami e alle donazioni, o alla rivendita se non sono necessarie. La popolazione dell’UE è di quasi 450 milioni, il che significa che l’ordine da solo sarebbe sufficiente per dare a tutti nella Ue due dosi, oltre alle milioni di dosi già somministrate.

Il Regno Unito ha detto in aprile che ha ordinato 60 milioni di dosi in più del vaccino di Pfizer e BioNTech come parte dei suoi preparativi per un programma di richiamo in autunno e inverno. Il segretario alla salute Matt Hancock ha detto che i piani sono volti a garantire che gli anziani e i vulnerabili abbiano la massima protezione possibile contro la malattia verso i mesi più freddi, quando l’aumento della concentrazione interna dà al virus più possibilità di diffondersi. Gli scienziati nel Regno Unito mercoledì hanno iniziato il reclutamento per una sperimentazione clinica per indagare gli effetti di una terza dose di vaccino sulle risposte immunitarie dei volontari.

Negli Stati Uniti, David Kessler, responsabile scientifico del team di risposta Covid-19 della Casa Bianca, ha detto ai legislatori in aprile che i richiami potrebbero essere necessari entro un anno, e in tal caso saranno forniti gratuitamente, con gli anziani probabilmente in prima linea. Si prevede che gli Stati Uniti accumuleranno un’eccedenza di 300 milioni di dosi di cinque vaccini entro la fine del 2021, anche dopo aver assunto che tutti gli adulti e i bambini sopra i 5 anni siano vaccinati, secondo le proiezioni della società di dati sanitari e scientifici Airfinty Ltd.

Alcuni vaccini, come quelli dati nell’infanzia per morbillo, parotite e rosolia, offrono un’immunità a vita contro la malattia. Per altri, i richiami sono raccomandati a intervalli periodici o se il rischio di esposizione sale. I richiami per adulti per il tetano e la meningite sono una caratteristica comune dei programmi nazionali di immunizzazione.

L’influenza, al contrario, muta rapidamente, e le iniezioni sono fatte su misura ogni anno per proteggere le persone dai ceppi in circolazione.

Esattamente dove i vaccini sviluppati contro il Covid-19 si inseriscono in questo spettro non è ancora chiaro. Alcuni scienziati sono ottimisti sul fatto che i vaccini conferiranno un’immunità duratura, mentre altri non sono così sicuri. Un’altra questione è se i vaccini esistenti forniscono una protezione sufficiente contro le varianti che destano preoccupazione, come quelle identificate per la prima volta in Sud Africa e in India, e se resisteranno a qualsiasi nuova variante che potrebbe ancora emergere.

“Non abbiamo un quadro completo di quale sia il percorso verso la protezione”, ha detto Gigi Gronvall, un immunologo e professore associato alla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

A complicare entrambe le domande sono le diverse tecnologie utilizzate nell’arsenale mondiale di vaccini. I vaccini che usano un virus inattivato per stimolare il sistema immunitario potrebbero funzionare diversamente dai vaccini che usano l’RNA messaggero, una molecola che dirige le cellule a fare anticorpi contro il virus. Si sa poco sul rischio di effetti collaterali da dosi multiple.

I governi che considerano i programmi di richiamo devono anche affrontare ostacoli logistici, come ad esempio se vaccinare tutti o solo gli anziani e vulnerabili.

Paul Hunter, professore di medicina all’Università dell’East Anglia, ha detto che non sarebbe una sorpresa se l’immunità indotta dal vaccino diminuisse nel tempo, poiché un fenomeno simile è visto nell’infezione naturale con altri coronavirus.

Le prove per i vaccini Covid-19 finora sono limitate e inconcludenti: Pfizer e BioNTech hanno detto che il loro vaccino è circa il 91% efficace contro il Covid-19 sei mesi dopo una seconda dose, in calo rispetto al livello del 95% osservato negli studi clinici.

L’evidenza di un’immunità calante rafforzerebbe il caso di una terza dose per aumentare la protezione delle persone con l’avvicinarsi dell’inverno, ha detto il Prof. Hunter. I vaccini esistenti avrebbero ancora un ruolo da svolgere nei programmi di richiamo se rafforzano la protezione contro ceppi ampiamente circolanti come B.1.617, una variante rilevata per la prima volta in India, mentre i nuovi vaccini mirati più direttamente ad altre varianti si muovono attraverso studi clinici e controlli normativi, ha detto il Prof. Salisbury.

Moderna Inc., per esempio, sta sviluppando un vaccino sintonizzato per combattere la variante B.1.351 del Sudafrica. GlaxoSmithKline PLC sta lavorando con la tedesca CureVac NV su un vaccino in fase iniziale progettato per combattere più varianti, e con Sanofi SA su un candidato più avanzato che le aziende dicono potrebbe essere distribuito come un vaccino di richiamo, dopo che le prove hanno indicato una robusta risposta immunitaria nelle persone già esposte al virus.

Per alcuni scienziati, il caso per le nazioni occidentali che utilizzano più vaccini mentre la pandemia infuria altrove è debole. Peter English, un medico della sanità pubblica che ha lavorato come consulente nell’uso dei vaccini per controllare le malattie infettive, ha detto che è scettico sul fatto che l’immunità diminuirà significativamente presto in coloro che sono stati completamente vaccinati e le dosi di vaccini di prima generazione potrebbero essere utilizzate meglio.

“Se non abbiamo intenzione di usare una variante del vaccino, faremmo meglio a spedire il vaccino in India o da qualche parte dove ne hanno più bisogno di noi”, ha detto.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore