skip to Main Content

West Nile, cosa succede in Italia. Report Iss

West Nile Italia

Continua a crescere il numero di persone colpite dal virus West Nile in Italia, dove i casi si concentrano nelle regioni del Nord. Ecco i dati dell’ultimo bollettino dell’Istituto superiore di sanità

 

Prosegue l’aggiornamento dell’Istituto superiore di sanità (Iss) sull’andamento della diffusione del virus West Nile o febbre del Nilo che ha fatto registrare il primo caso umano della stagione, in Italia, a giugno in Veneto.

I DATI DEL BOLLETTINO

Continua a crescere il numero di persone colpite dal virus West Nile. Dall’inizio di giugno, riferisce l’Iss, sono stati segnalati in Italia 144 casi di infezione nell’uomo.

SINTOMI E DISTRIBUZIONE REGIONALE

Di questi, 87 si sono manifestati nella forma neuro-invasiva (22 Emilia-Romagna, 50 Veneto, 8 Piemonte, 5 Lombardia, 2 Friuli-Venezia Giulia), 23 casi sono stati identificati in donatori di sangue (3 Lombardia, 11 Veneto, 6 Emilia-Romagna, 3 Piemonte), 33 in casi di febbre (1 Piemonte, 3 Lombardia, 27 Veneto, 2 Emilia-Romagna) e 1 caso sintomatico (Veneto).

I decessi finora notificati sono stati 10: 6 in Veneto, 2 in Piemonte, 1 in Lombardia e 1 in Emilia-Romagna.

Fonte: Iss

IL VIRUS USUTU

Il virus Usutu, che ha una certa somiglianza con il West Nile, fino al precedente bollettino era stato rintracciato solo in pool di zanzare e uccelli, ma adesso sono stati segnalati i primi due casi asintomatici nell’uomo in Friuli-Venezia Giulia.

IL MONITORAGGIO DEGLI ANIMALI

La sorveglianza veterinaria attuata su cavalli, zanzare, uccelli stanziali e selvatici conferma, come nel precedente bollettino, la circolazione del virus in Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Lombardia e Sardegna.

Fonte: Iss
Fonte: Iss
Fonte: Iss
Fonte: Iss

LA TRASMISSIONE

È importante monitorare gli animali in quanto sono i serbatoi del virus, in particolare le zanzare, le cui punture sono il principale mezzo di trasmissione all’uomo. La febbre, infatti, non si passa tramite il contatto con le persone infette, ma può coinvolgere altri mammiferi, quali gli equini, ma anche cani, gatti e conigli.

COSA SUCCEDE SE SI CONTRAE IL VIRUS

In oltre l’80% dei casi, scrive Ansa, l’infezione è asintomatica. Nel restante 20% i sintomi sono quelli di una sindrome pseudo-influenzale e solo nello 0,1% dei casi l’infezione virale può provocare sintomi di meningite o meningo-encefalite.

COME VA IN EUROPA

Al 3 agosto, i dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) riferiscono che nei Paesi dell’Unione europea, oltre all’Italia, sono stati segnalati 23 casi umani in Grecia (la scorsa settimana erano 12), 2 in Romania e 1 in Slovacchia. Altri 23 casi sono stati notificati dalla Serbia.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore