Salute e ricerca

Come la Cina si prepara ad immunizzare il mondo. Report El Pais

di

vaccini cinesi vaccino Cina Sinovac Cina Vaccini

La Cina ha già immunizzato un milione di suoi cittadini e si prepara alla produzione di massa per vaccinare i diversi paesi del mondo. L’approfondimento di El Pais

El Pais riporta come Pechino, che ha già immunizzato un milione di suoi cittadini, si stia preparando alla “produzione di massa” per rifornire la sua popolazione e gran parte del mondo in via di sviluppo.

Ma Lijun, 29 anni, e gli altri macellai del mercato di Niu Jie, il quartiere musulmano di Pechino, sono stati avvertiti dai responsabili delle strutture. Dopo l’epidemia di covid nella capitale cinese a giugno, che ha portato ad un altro mercato, tutti i commercianti delle bancarelle hanno dovuto essere vaccinati. Essendo a contatto con i lavoratori del settore alimentare e delle consegne, sono stati considerati lavoratori in settori a rischio.

“Tutti i trader del mercato sono stati convocati. Ho ricevuto due iniezioni, gratuite. Non ho sentito alcun effetto collaterale. Dovevo tenere d’occhio la temperatura e far sapere se sentivo qualche disturbo. Mi hanno detto che se non mi sentivo bene, dovevo andare subito dal medico. Ma non mi è successo niente. Neanche i miei compagni hanno avuto la febbre, e nessuno di loro ha avuto problemi di salute. Nessun altro particolare sintomo”, dice questo macellaio hui (una minoranza cinese della religione musulmana). Non ha avuto alcun timore prima della vaccinazione, né gli è passato per la testa di rifiutare la vaccinazione.

Come la mamma, più di un milione di persone – lavoratori a rischio, studenti iscritti all’estero – hanno ricevuto alcuni dei vaccini sviluppati in Cina da quando tre di loro (due della Sinopharm e uno della Sinovac) hanno ricevuto l’autorizzazione all’uso d’emergenza la scorsa estate. Sebbene Pechino non abbia ancora reso noti i risultati della terza fase dei rispettivi test, sta accelerando la loro distribuzione e pianificando il rafforzamento delle forniture, sia all’interno della Cina che verso altri Paesi.

Il governo degli Emirati Arabi Uniti questa settimana ha dato un grande impulso a uno di questi vaccini, la formula Sinopharm in fase di test nel loro paese e altri nove, riferisce Angeles Espinosa. Ha detto che questo vaccino ha dimostrato nella terza fase, secondo i risultati provvisori, un’efficacia dell’86% su un campione di 30.000 volontari. Da parte sua, il Coronavac – il vaccino di Sinovac – ha raggiunto nella sua fase I e II di test che il 90% dei 700 volontari ha prodotto anticorpi dopo la somministrazione di due dosi, anche se a livelli inferiori rispetto ai pazienti covidi che sono riusciti a recuperare, secondo un rapporto pubblicato su The Lancet in ottobre.

I tre vaccini sperimentali, che vengono testati all’estero perché non ci sono più abbastanza casi in Cina, utilizzano il metodo tradizionale: l’inoculazione di tracce disattivate del virus in modo che il corpo umano riconosca la minaccia e impari a produrre anticorpi specifici contro di essa. Sia il Sinopharm che il Sinovac dicono di non aver rilevato alcun effetto collaterale significativo tra quelli vaccinati.

Sebbene l’effettiva percentuale di efficacia di una qualsiasi di queste tre formulazioni non sia nota, o se generino effetti collaterali, il governo cinese ha sufficiente fiducia in esse per accelerare la fase finale di sviluppo e distribuzione, e assicura che entro la fine dell’anno avrà a disposizione 600 milioni di unità; un miliardo l’anno prossimo.

All’interno del paese, diversi governi locali hanno già iniziato a ordinare i loro vaccini. Martedì scorso, la provincia del Sichuan, che ha individuato cinque infezioni locali nella sua città di Chengdu – con una popolazione di 16 milioni di abitanti – ha annunciato che nel corso di questo mese inoculerà due milioni di lavoratori in attività a rischio.

Ha anche aumentato le forniture al mondo esterno. A seguito dei danni all’immagine del Paese causati dalle carenze nella fornitura di attrezzature mediche ad altre nazioni nella prima ondata della pandemia, il presidente cinese Xi JInping ha promesso che i vaccini cinesi saranno “un bene pubblico globale”. L’Indonesia, che ha partecipato alla Fase III del Coronavac, ha appena ricevuto 1,2 milioni di dosi di concentrato per la produzione locale, e ne riceverà altri 1,8 milioni il mese prossimo, su un totale concordato di 50 milioni.

“Dobbiamo essere pronti per la produzione su larga scala”, ha esortato il vice primo ministro Sun Chunlan la scorsa settimana durante una visita agli impianti dei principali produttori. Sun, che ha supervisionato la maggior parte delle operazioni di controllo del virus dall’inizio della pandemia, ha annunciato piani per vaccinare i lavoratori nei settori a rischio questo mese, un gruppo che potrebbe essere di circa 18,5 milioni, secondo i dati del Centro cinese per il controllo delle malattie.

IMPLICAZIONI GEOPOLITICHE

Se la loro affidabilità è confermata, i vaccini cinesi hanno diversi vantaggi rispetto ai rivali occidentali che utilizzano molecole di RNA. Sono più facili da trasportare e conservare, richiedendo solo da 2 a 8 gradi Celsius, rispetto al freddo intenso necessario per i vaccini Pfizer o Modern. Sono anche notevolmente più economici: 200 yuan per dose, ovvero circa 25 euro.

Questi fattori li rendono particolarmente attraenti per i paesi in via di sviluppo. “La distribuzione dei vaccini seguirà la mappa delle disuguaglianze globali”, dice Jacob Mardell del centro di ricerca tedesco Merics. I paesi ricchi hanno accumulato scorte di vaccini occidentali, mentre “la capacità produttiva cinese e la probabile competitività a livello di costi dei vaccini fanno sì che la Cina sia sulla buona strada per rifornire i paesi dell’America Latina, dell’Africa e del Sud-Est asiatico”, afferma l’esperto.

“Questo aggiungerà carburante narrativo alle affermazioni di Pechino sulla cooperazione Sud-Sud e sulla leadership del ‘resto’ (del mondo). E si tende in genere a sottovalutare il fascino che questa storia esercita su quello che si chiamava ‘il terzo mondo’ nella competizione tra Stati Uniti e Unione Sovietica”, aggiunge.

La Cina ha già offerto un miliardo di dollari in prestiti all’America Latina e ai Caraibi per l’accesso ai vaccini. Il presidente cinese Xi Jinping ha assicurato che il Paese considererà i suoi vaccini un “bene pubblico globale” e li metterà a disposizione delle nazioni che ne faranno richiesta.

Anche se la strategia non è priva di potenziali problemi per la seconda potenza mondiale. “Se la Cina affronta con i suoi vaccini alcuni dei problemi che ha subito con i suoi DPI difettosi, potrebbe subire gravi danni alla sua reputazione”, scrive Mardell sul sito web di Merics. Oppure, aggiunge, “può essere esposto a una differenza di aspettative tra la sua retorica e ciò che può effettivamente realizzare”.

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

 

Articoli correlati