Sanità

Cina e vaccini anti Covid. L’analisi del Wall Street Journal

di

vaccino Cina Sinovac Cina Vaccini

Il vaccino cinese Sinovac è stato bloccato in Brasile. La mossa, per il Wall Street Journal, potrebbe alla fine rafforzare la fiducia nel farmaco

Uno dei principali candidati cinesi per il vaccino Covid-19 è stato bloccato in Brasile. Questo non deve essere necessariamente un segno che lo sviluppo sarà bloccato: potrebbe addirittura rafforzare la fiducia internazionale nell’industria medica cinese nel lungo termine – scrive il WSJ.

Non sappiamo con certezza perché l’autorità sanitaria pubblica brasiliana abbia sospeso le sperimentazioni del vaccino Sinovac, a parte il fatto di citare un “grave evento avverso” lunedì scorso. Tali circostanze sono comuni nello sviluppo di un vaccino in fase avanzata: Il vaccino di AstraZenaca ha subito un ritardo simile.

Paradossalmente, la sospensione potrebbe alla fine rafforzare la fiducia nel vaccino, dal momento che suggerisce che la sicurezza viene esaminata, almeno per gli studi clinici d’oltremare. La Cina è stata criticata da alcuni esperti sanitari occidentali per aver permesso l’uso domestico d’emergenza dei vaccini cinesi prima del completamento degli studi clinici. Migliorare la reputazione del Paese – e il record di esportazioni sanitarie – è importante, dato l’enorme ruolo che probabilmente svolgerà negli sforzi di vaccinazione globale.

Quest’anno, esempi  di prodotti cinesi di bassa qualità legati alla pandemia – mascherine, altri dispositivi di protezione e ventilatori – hanno fatto notizia nei paesi occidentali e hanno richiesto controlli doganali più severi da parte di Pechino. Nel bene e nel male, ciò ha rafforzato le preoccupazioni esistenti sulla qualità di alcuni prodotti cinesi sensibili alla salute.

Ma la realtà è che probabilmente saranno necessari molti tipi di vaccini. Centinaia di milioni di persone all’estero riceveranno probabilmente un vaccino cinese: qualsiasi scenario alternativo è preoccupante, dato che probabilmente ci vorrebbero anni in più per raggiungere la produzione e la distribuzione di massa.

Ci sono altre ragioni per sperare che la sospensione del Sinovac sia un breve falso allarme. Alcuni vaccini cinesi sembrano avere un netto vantaggio in termini di difficoltà logistiche per la consegna dei vaccini nelle parti più povere del mondo. Il vaccino Pfizer che ha conquistato i titoli dei giornali lunedì per la sua efficacia deve essere conservato a meno 70 gradi centigradi. Lo sfidante Moderna deve essere conservato a meno 20 gradi Celsius, un requisito più semplice, ma comunque al di sotto della temperatura di molti comuni congelatori.

La Sinovac dice che il suo vaccino – che è inattivo, il che significa che ha perso la capacità di produrre la malattia – è rimasto entro i livelli effettivi dopo mesi congelato tra meno 2 e meno 8 gradi Celsius, e anche settimane a temperature molto più elevate.

I ricercatori dietro il vaccino in fase di sviluppo da parte dell’Accademia delle Scienze Mediche Militari della Cina e di CanSino Biologics suggeriscono che il loro prodotto può anche essere conservato a basse temperature sotto zero, e può essere conservato a temperatura ambiente per almeno una settimana. In aree del mondo con limitate infrastrutture di laboratorio o di catena del freddo legate al cibo, questo sarà un enorme vantaggio.

Produrre vaccini di qualità per le parti più povere e difficili da raggiungere del mondo non cancellerà la diffidenza che si è accumulata tra la Cina e molti paesi negli ultimi anni. Ma potrebbe contribuire in qualche modo a rafforzare la sua reputazione commerciale, e fornire un esempio di cooperazione globale che non è solo utile, ma disperatamente necessaria.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati