skip to Main Content

Che cosa farà Pfizer con Arena

Pfizer

Pfizer acquista per 6,7 miliardi di dollari la biotech californiana Arena Pharmaceuticals. Fatti, previsioni e commenti

 

Il colosso statunitense Pfizer, dopo l’acquisto del mese scorso dell’azienda di immuno-oncologia Trillium Therapeutics per circa 2,22 miliardi di dollari che va a rafforzare il suo arsenale di terapie contro il cancro del sangue, ha raggiunto ieri un accordo per l’acquisizione della società biofarmaceutica californiana Arena Pharmaceuticals. Ecco i dettagli.

COSA FA ARENA PHARMACEUTICALS

Arena Pharmaceuticals è una società biofarmaceutica con sede a Park City, nello Utah. Si occupa di sviluppare farmaci per la gastroenterologia, la dermatologia e la cardiologia, nonché potenziali terapie innovative per il trattamento di diverse malattie immuno-infiammatorie.

L’ACQUISTO

Pfizer e Arena Pharmaceuticals hanno annunciato ieri di aver stipulato un accordo definitivo in base al quale Pfizer acquisirà Arena per 6,7 miliardi di dollari.

Secondo i termini dell’accordo, Pfizer pagherà 100 dollari ad azione, ovvero – scrive Radiocor – un premio del 100,2% rispetto alla chiusura di Arena di venerdì scorso.

La transazione sarà finanziata esclusivamente in contanti. I consigli di amministrazione di entrambe le società, fanno sapere le case farmaceutiche, hanno approvato all’unanimità la transazione.

GLI EFFETTI DELL’ACQUISTO

“Nel pre-mercato”, prosegue l’agenzia di stampa del gruppo Sole 24 Ore, “il titolo di Pfizer sale dell’1,2%, spinto soprattutto da uno studio israeliano che dimostra che la dose di richiamo del suo vaccino contro il coronavirus fornisce una forte protezione contro la variante Omicron. Il titolo di Arena Pharmaceuticals sale del 91,2% a 95,49 dollari dopo l’annuncio dell’accordo con Pfizer”.

LE PREVISIONI SU PFIZER

Secondo Teleborsa, “Pfizer è in una fase di rafforzamento con area di resistenza vista a 56,12 USD, mentre il supporto più immediato si intravede a 53,83. A livello operativo si prevede un proseguimento della seduta all’insegna del toro con resistenza vista a quota 58,41”.

COSA BOLLE IN PENTOLA CON PFIZER

Un portavoce di Pfizer, riportato da Italia Oggi, ha dichiarato che l’acquisizione di Arena andrà a integrare i lavori dell’azienda nel campo delle malattie infiammatorie e dell’immunologia.

Il portafoglio di Arena comprende, infatti, diversi candidati terapeutici in fase di sviluppo, tra cui etrasimod, attualmente in sviluppo per una serie di malattie immuno-infiammatorie nell’ambito della gastroenterologia della dermatologia.

I COMMENTI DEL MANAGEMENT

“Siamo lieti di annunciare la proposta di acquisizione di Arena da parte di Pfizer, riconoscendo la molecola S1P [etrasimod, ndr] potenzialmente migliore della categoria e il nostro contributo nell’affrontare i bisogni insoddisfatti nelle malattie infiammatorie immunomediate”, ha dichiarato Amit D. Munshi, presidente e amministratore delegato di Arena. “Le capacità di Pfizer accelereranno la nostra missione di fornire i nostri importanti farmaci ai pazienti. Crediamo che questa transazione rappresenti il miglior passo successivo sia per i pazienti che per gli azionisti”.

“Utilizzando le capacità di ricerca e sviluppo globale di Pfizer, prevediamo di accelerare lo sviluppo clinico di etrasimod per i pazienti con malattie immuno-infiammatorie”, ha affermato Mike Gladstone, Global President & General Manager di Pfizer Inflammation and Immunology.

LA DOTE DI ARENA

Uno dei più promettenti candidati terapeutici in fase di sviluppo di Arena, l’etrasimod, che viene testato in uno studio in fase avanzata nella colite ulcerosa, così come in uno studio in fase medio-tardiva nella malattia di Crohn, entrambe malattie infiammatorie intestinali che causano ulcere nel tratto digestivo.

La pipeline di Arena comprende poi anche due risorse cardiovascolari in fase di sviluppo, temanogrel e APD418. Temanogrel è attualmente in Fase 2 per il trattamento dell’ostruzione microvascolare e del fenomeno di Raynaud secondario alla sclerosi sistemica. APD418 è attualmente in Fase 2 per l’insufficienza cardiaca acuta.

LE PREVISIONI DI WELLS FARGO

Derek Archila, analista della multinazionale statunitense di servizi finanziari Wells Fargo, ha detto alla Cnbc che “si aspetta dati positivi dalla sperimentazione in fase avanzata basata sulla performance di etrasimod in uno studio precedente”. Ha stimato, inoltre, vendite di picco di 2,5 miliardi di dollari, supponendo che il trattamento sia approvato e sia trovato più efficace di Zeposia, attualmente approvato da Bristol Myers Squibb.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore