Sanità

Caos negli ospedali? Colpa del Cts. Parola di Bassetti

di

matteo bassetti

Che cosa ha detto Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, sull’assenza di criteri di ospedalizzazione e protocolli di trattamento anti Covid

“Visto che il Comitato tecnico scientifico ha di fatto accentrato a sé le regole rilevanti anti pandemia, mi aspettavo dal Cts criteri di ospedalizzazione e protocolli di trattamento. Non ci sono stati e ora c’è il caos nei pronti soccorso e negli ospedali, dove ogni medico decide in autonomia visto che non ci sono uniformi criteri di ospedalizzazione e protocolli di trattamento”.

E’ quello che ha detto oggi in tv a L’Aria che tira su La7 Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova.

Secondo l’infettivologo Matteo Bassetti, la situazione attuale dell’epidemia è da attribuire in buona parte al Comitato tecnico scientifico. “Ci hanno sempre detto che governa e comanda solo il CTS, per le quarantene, il doppio tampone e tante altre cose. E quando si accentrano così tanto le decisioni e i poteri è evidente che se le cose vanno bene ti prenderai tutti i meriti, se le cose vanno male qualcuno si deve prendere le sue responsabilità”.

ECCO CHE COSA HA SCRITTO BASSETTI SU FACEBOOK:

Oggi cito un mio articolo del 27 agosto 2020 su un giornale nazionale.

”Siamo perfettamente organizzati per trattare tutti i ricoverati al meglio. Occorre spiegare alla gente che il Covid è oggi una malattia più gestibile per la quale abbiamo imparato molto. Bisognerebbe sviluppare protocolli di trattamento domiciliare e stabilire i criteri unici su tutto il territorio nazionale per il ricovero in ospedale. La maggioranza dei casi dovrebbero essere gestiti al di fuori degli ospedali. Invito tutti a rispettare il sistema sanitario nei prossimi mesi. Se avete dei sintomi bisogna rimanere a casa e non andare in ospedale”.

Eravamo ad agosto.

Ho continuato a ripeterlo per tre mesi.

Mi hanno dato del negazionista per averlo sostenuto. Mi hanno insultato dicendo che bisognava terrorizzare la gente per fargli capire l’importanza della malattia.

Vi rendete conto?

Oggi quelle parole risuonano forte in chi non ha voluto e saputo ascoltarle.

Si è verificato esattamente quello che pensavo. La gente è terrorizzata e per la paura corre in ospedale, anche quando non ce ne sarebbe la necessità. Non ci sono protocolli per la gestione domiciliare (noi in Liguria li abbiamo sviluppati e sono a disposizione di chi li vorrà consultare).

Non ci sono criteri nazionali condivisi per chi ricoverare (quelli liguri sono disponibili).

Risultato? Gli ospedali e i pronto soccorso italiani sono allo stremo perché si mischiano i casi di chi ha veramente bisogno dell’Ospedale con quelli che potrebbero essere seguiti a casa.

Ci sono casi gravi e impegnativi, ma rispetto a marzo sono la minoranza.

Speriamo che qualcuno in Italia mi ascolti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati