Sanità

A che punto è negli Usa il vaccino di Moderna anti Covid?

di

vaccini sanofi anticorpi eli lilly

Il vaccino di Moderna non arriverà prima delle elezioni Presidenziali (si infrangono le speranze di Trump)

L’amministratore delegato di Moderna Therapeutics, una delle società che sta sviluppando un vaccino contro il coronavirus, ha inferto un colpo alle speranze di Donald Trump di avere la dose pronta prima delle elezioni presidenziali americane, dicendo che la sua società non richiederà l’autorizzazione almeno fino a fine novembre.

Stéphane Bancel ha detto al Financial Times  che Moderna non sarebbe pronta a chiedere l’autorizzazione per l’uso d’emergenza alla Food and Drug Administration  prima del 25 novembre.
Ha aggiunto che non si aspetta di avere la piena approvazione per la distribuzione del farmaco a tutte le fasce della popolazione fino alla prossima primavera, minando l’affermazione di Trump al dibattito presidenziale di martedì, secondo cui un vaccino sarebbe stato disponibile “molto prima”.

Parlando alla Conferenza sulla Farmaceutica e Biotecnologia degli Stati Uniti del FT, Bancel ha detto: “Il 25 novembre è il momento in cui avremo abbastanza dati di sicurezza da poter inserire in un file EUA [autorizzazione all’uso d’emergenza] che invieremo alla FDA – supponendo che i dati di sicurezza siano buoni, cioè che un vaccino sia considerato sicuro”.
La tempistica per l’autorizzazione di un vaccino contro il coronavirus è diventata una delle questioni più controverse nella politica statunitense, ed è stata oggetto di un acrimonioso scambio tra Trump e il suo rivale democratico Joe Biden durante il dibattito presidenziale di martedì sera.

Trump ha insistito sul fatto che un vaccino sarebbe stato disponibile prima di quanto previsto dai suoi stessi consulenti scientifici, e ha persino contraddetto direttamente Moncef Slaoui, il capo della sua task force per il vaccino della Casa Bianca, che ha detto di aspettarsi che un vaccino sia generalmente disponibile tra aprile e giugno del prossimo anno.
Trump ha detto martedì sera: “Ho parlato con le aziende e possiamo averlo molto prima. . . Ho parlato con Pfizer, ho parlato con tutte le persone con cui si deve parlare – Moderna, Johnson & Johnson, e altri. Possono andare molto più veloci di così”.

Ha aggiunto: “E’ una possibilità quella di avere la risposta prima del 1° novembre”.

Bancel ha detto che Moderna non sarà pronta a presentare una domanda per servire l’intera popolazione almeno fino a fine gennaio. Ha aggiunto che non sarebbe stato possibile per Moderna richiedere un’autorizzazione d’emergenza limitata prima del 1° novembre, a causa delle linee guida concordate con la FDA che richiedono che almeno la metà dei partecipanti alla sperimentazione sia stata sottoposta a due mesi di screening dopo l’iniezione finale.

Moderna ha iniettato il 15.000esimo partecipante alla sua prova di 30.000 persone venerdì scorso, ha detto, facendo del 25 novembre il primo giorno possibile per completare lo screening di due mesi. Queste linee guida significano che la speranza più realistica di Trump di un vaccino pre-elettorale verrà probabilmente dalla Pfizer, il cui amministratore delegato Albert Bourla ha detto che spera di avere “una risposta” sul vaccino della sua azienda entro la fine di ottobre.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati