Mondo

Vincerà (purtroppo) il gretismo? Il pensiero di Ocone

di

“Ocone’s corner”, la rubrica settimanale di Corrado Ocone, filosofo e saggista

Paolo Bonanni, ordinario di Igiene all’Università di Firenze e membro della Società italiana di Igiene, medicina preventiva e sanità pubblica, in un’intervista al Corriere della sera pubblicata ieri, sollecitato dalla giornalista Laura Cuppini, ha detto queste parole: “In questo momento noi siamo più avanti nella storia dell’epidemia, probabilmente altri Paesi arriveranno dopo. In ogni caso stanno beneficiando delle misure di contenimento che abbiamo messo in atto: se poi i provvedimenti risulteranno efficaci potranno anche adottarli più precocemente rispetto a quanto si è potuto fare qui. Siamo a tutti gli effetti una sorta di laboratorio per le altre nazioni”.

Ritorna quindi ancora una volta, in un contesto drammatico, che è quello segnato in questi giorni dal Coronavirus, l’idea o l’immagine dell’Italia come laboratorio per l’intera Europa. Sia che l’epidemia, sembra di capire, si fermi ai nostri confini, come ci auguriamo; sia che si trasformi in una vera e propria pandemia e gli altri Paesi si trovino ad affrontare presto gli stessi problemi, e con gli stessi numeri, nostri di oggi.

Nel primo caso saremo stati bravi, grazie al senso di responsabilità della comunità e delle istituzioni, a contenere la diffusione del virus; nel secondo saremo da modello agli altri per l’esperienza acquisita sul campo.

Sempre partendo da quest’ultimo assunto, cioè che l’epidemia si fermi e non diventi pandemia, si potrebbe dire, celiando un po’ ma esprimendo un concetto serio, che l’Italia potrebbe diventare suo malgrado anche un modello di altro tipo: potrebbe cioè dimostrare coi fatti, cioè con l’esperienza concreta, cosa diventerebbe il mondo se l’ideologia ambientalistico-catastrofista à la Greta (che è altra cosa dalla cura seria e responsabile dell’ambiente), così come l’altra non meno radicale della “decrescita felice”, realizzassero i loro obiettivi.

Sembra infatti che in questi giorni gli spostamenti aerei si siano ridotti del novanta per cento e, di conseguenza, è da presumere che questo sia accaduto anche per le emissioni nocive che i giganti del cielo lasciano nell’ambiente.

Se a ciò aggiungiamo la drastica diminuzione del traffico nelle nostre città, a cominciare da quella Milano che è stata sempre considerata a torto o a ragione la capitale dello smog, potremmo dire che l’obiettivo delle emissioni quasi zero sia stato raggiunto con una velocità che nemmeno le più rosee previsioni gretiane potevano immaginare.

Virus a parte, con quali conseguenze è dato vedere: la riduzione drastica, in nome dell’emergenza, per via legale o non poca importa, dei nostri spazi di libertà, è infatti sotto gli occhi di tutti. Così come forzata è l’adesione, a cui presto dovremo fare il callo, ad un modello di sviluppo a crescita zero: il nostro sistema produttivo e industriale è in ginocchio e la recessione è ormai un inevitabile dato di fatto. L’ambiente è salvo, noi vivremo più sobriamente, ma…. Giudicate voi se ne vale la pena. E soprattutto se è lecito affidarsi alle ideologie, soprattutto quelle “etiche” e “buoniste” che possono celarsi dietro apparentemente innocui lemmi come “sostenibilità” e “sobrietà”.

Le più pericolose, da che mondo è mondo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati