Mondo

Ecco tutte le ultime tensioni fra Usa e Iran su Iraq e Soleimani. Lo speciale di Start con commenti e analisi

di

Soleimani_ Iran

Gli approfondimenti di Start sul ruolo di Soleimani, sullo scontro tra Stati Uniti e Iran e sulla decisione del Parlamento irakeno. Fatti, commenti, analisi e approfondimenti. 

I militari americani devono essere cacciati dall’Iraq: è quanto ha chiesto domenica 5 gennaio il Parlamento iracheno al governo di Baghdad.

La prima risposta al blitz americano in cui venerdì notte è stato ucciso il generale Qassem Soleimani è di natura politica e arriva da Baghdad.

Intanto, Teheran ha annunciato un’ulteriore riduzione dei suoi obblighi relativi all’intesa nucleare del 2015, riservandosi di rendere operativo un numero illimitato di centrifughe per l’arricchimento dell’uranio.

La risposta dell’Iran all’uccisione di Soleimani “sarà sicuramente militare e contro siti militari”, ha affermato Hossein Dehghan, consigliere militare della Guida suprema iraniana Ali Khamenei. Ma Teheran soppesa ancora le prossime mosse, consapevole che un passo falso potrebbe avere conseguenze catastrofiche. E intanto valuta la possibilità di seguire le vie diplomatiche. Il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif ha avuto un colloquio telefonico con Josep Borrell.

Il responsabile della politica estera della Ue ha invitato a Bruxelles il ministro iraniano, chiedendo a Teheran di cooperare alla riduzione delle tensioni. Ma intanto Gran Bretagna e Francia esprimono solidarietà a Trump.

In Iraq, intanto, la Coalizione anti-Isis a guida americana – di cui fa parte anche l’Italia – ha sospeso l’attività in coincidenza con la mozione del Parlamento perché il governo revochi la richiesta di aiuto fatta dall’esecutivo nel 2014 alla forza internazionale di fronte all’avanzata delle milizie del Califfato.

Per il momento non si parla ancora di ritiro, in attesa della decisione del governo. “Sara’ la Coalizione, con tutti i suoi componenti – ha sottolineato il ministro della Difesa Lorenzo Guerini – a determinarne gli sviluppi, nel quadro dei contatti sempre frequenti fra gli Stati Maggiori della Difesa dei Paesi Membri”.

Anche la Nato aveva sospeso sabato le attività addestrative e il segretario generale Jens Stoltenberg ha convocato per lunedì una riunione degli ambasciatori dei 29 paesi membri per un esame della situazione.

++++

GLI APPROFONDIMENTI DI START MAGAZINE:

CHI ERA DAVVERO SOLEIMANI, IL GENERALE IRANIANO UCCISO DAGLI USA

ECCO IL DRONE CON CUI GLI USA HANNO AMMAZZATO SOLEIMANI. L’ARTICOLO DI COLOMBO

PERCHE’ TRUMP HA FATTO UCCIDERE SOLEIMANI. IL COMMENTO DI MAGRASSI

ECCO COME GLI USA HANNO AMMAZZATO SOLEIMANI. L’ANALISI DI BATACCHI

CHI APPOGGIA, CHI SBUFFA E CHI PROTESTA CON GLI USA PER IL CASO SOLEIMANI. IL PUNTO DI ORIOLES

POMPEO SCUDISCIA GLI EUROPEI E DIMENTICA L’ITALIA

CHE COSA CAMBIA CON LA MORTE DI SOLEIMANI. DIBATTITO TRA ANALISTI

REAZIONI E COMMENTI A LONDRA SU SOLEIMANI E USA. IL PUNTO DI MELONI

CHE COSA DICE IL GOVERNO TEDESCO DELL’UCCISIONE DI SOLEIMANI. L’ARTICOLO DI MENNITTI

ECCO I 5 EFFETTI DELLO STRIKE USA CONTRO SOLEIMANI. GLI SCENARI DI GAGLIANO

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati