Mondo

Tutte le bizzarre convergenze sul programma del governo M5s-Pd

di

Fatti, commenti e approfondimenti sulle tesi programmatiche del nascente governo Conte 2

 

Sintonia inedita sul programma M5s-Pd: i consensi vanno dal Foglio fondato da Giuliano Ferrara a Leu, ossia la sinistra alla sinistra del Pd.

Tutto bene, dunque, per il Conte 2. Non soltanto Movimento 5 Stelle e il Partito democratico sosterranno il governo giallo-rosso. Ci sarà anche la formazione di Pietro Grasso.

“Per noi è un buon inizio, un buon programma per un governo che sulle questioni qualificanti dell’ambiente, sociali e del lavoro, possa davvero cambiare”, ha detto oggi il capogruppo del Misto al Senato e senatrice di Leu Loredana De Petris, uscendo stamattina da Palazzo Chigi dopo l’incontro con il premier incaricato Giuseppe Conte e le delegazioni M5S-Pd.

Evidentemente ai progressisti di Leu il programma giallo-rosso va bene anche se sono state sbianchettate (dal Pd?) le proposte che era contenute nei punti che i Pentastellati avevano consegnato al premier incaricato Giuseppe Conte.

Come sottolineato ieri da Start, dall’ultima bozza programmatica pubblicata in occasione del voto sulla piattaforma Rousseau erano evaporati i no alle trivelle, i passaggi critici sulle armi e sul gioco d’azzardo, oltre che la separazione tra banche di investimenti e banche commerciali (vasto programma, si direbbe).

Nel programma finale sono rispuntati gli accenni al gioco d’azzardo e il no alle trivelle, comunque (qui il programma definitivo).

Così come la dirompente “revoca delle concessioni autostradali” (da un anno e passa invocata ed evocata da tutti i Pentastellati) si è tramutata in una “revisione”, peraltro già avviata dall’Autorità di regolazione dei trasporti.

D’altronde negli ultimi mesi, dal programma elettorale dei 5 Stelle sono via via state rottamate e modificate alcune delle proposte che caratterizzavano storicamente i grillini: dal taglio degli F-35 (presente nel programma votato dalla base ma evaporato in quello presentato alle elezioni), alla critica delle sanzioni contro la Russia, passando per tesi hard su regole e trattati europei. Mentre il programma definitivo del programma Conte 2 si sottolinea che l’integrazione europea è un “pilastro”.

Anche per questo oggi Il Foglio diretto da Claudio Cerasa plaude e titola: “Il nuovo governo nasce con un contratto mica male”. Toni quasi più filo-governativi di quelli del Fatto Quotidiano di Marco Travaglio.

E’ la politica – anzi Conte – bellezza!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati