Mondo

Le cose turche di Erdogan sul canale di Istanbul

di

Ue Turchia

La Turchia ha approvato i piani di sviluppo per un enorme canale ai margini di Istanbul, la cui costruzione potrebbe mettere in pericolo la Convenzione di Montreux del 1936, che regola il passaggio nello Stretto, e provocare una disputa tra Turchia e Russia.

 

Il 27 marzo la Turchia ha approvato i piani di sviluppo per un enorme canale ai margini di Istanbul, ha detto sabato il ministro dell’Ambiente Murat Kurum, portando avanti un progetto che ha suscitato critiche su costo e impatto ambientale. 

Il passo è avvenuto un anno dopo che la Turchia ha indetto la sua prima gara d’appalto per la ricostruzione di due ponti storici nella sua città più grande, dove si prevede di scavare il Kanal Istanbul di 45 km sostenuto dal presidente Tayyip Erdogan.

Il canale collegherà il Mar Nero a nord di Istanbul al Mar di Marmara a sud e si stima che costerà 75 miliardi di lire (9,2 miliardi di dollari).

Il governo afferma che faciliterà il traffico marittimo sullo stretto del Bosforo, uno dei passaggi marittimi più trafficati del mondo, e preverrà incidenti simili a quello sul Canale di Suez.

Storicamente, la questione del passaggio attraverso lo Stretto è sempre stata un argomento di contesa internazionale. La costruzione del canale potrebbe mettere in pericolo la Convenzione di Montreux del 1936, che regola il passaggio nello Stretto, e provocare una disputa tra Turchia e Russia.

Inoltre, la costruzione potrebbe aumentare la tensione già esistente della Turchia con la Grecia e Cipro – paesi che negli ultimi anni hanno registrato una crescente vicinanza a Israele – e quindi influenzare anche gli interessi di Israele nel Mediterraneo orientale.

Dal 2011, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha promosso lo scavo di un canale tra il Mar Nero e il Mar di Marmara, come via d’acqua parallela allo stretto del Bosforo. L’anno scorso, la sua determinazione a realizzare il progetto si è intensificata, nonostante le crescenti critiche al piano. L’idea di scavare un canale del genere non è nuova; infatti questa idea è sorta a partire dal XVI secolo, ed è stato menzionata più di recente all’inizio degli anni ’90.

Il percorso relativamente rettilineo del canale artificiale, rispetto alle curve strette del Bosforo, dovrebbe prevenire incidenti e danni alla città e all’ambiente. Un’ulteriore rotta tra i due mari dovrebbe anche aiutare a ridurre il traffico sul Bosforo, che viene utilizzato da oltre 40.000 navi ogni anno (più del Canale di Suez e del Canale di Panama messi insieme), un numero che il governo turco prevede di aumentare nel prossimi decenni. Inoltre, il governo turco afferma che avrà il diritto di riscuotere un pedaggio di transito dalle navi che attraversano il canale – una tassa che non è possibile nel Bosforo a causa della Convenzione di Montreux (1936). Il ministro dei Trasporti turco stima i ricavi di un tale pedaggio nella prima fase a circa un miliardo di dollari all’anno, aggiungendo che questo importo potrebbe crescere fino a cinque miliardi di dollari. Infine, il progetto del Canale di Istanbul prevede anche la costruzione di una nuova città lungo le sue rive, con alloggi per un milione di residenti e varie infrastrutture che saranno collegate al nuovo aeroporto di Istanbul.

L’intenzione di realizzare il progetto del Canale di Istanbul è l’ultima espressione dei processi di sviluppo accelerati in corso in Turchia. Dal primo mandato di Erdogan come Primo Ministro nel 2003, nuove infrastrutture sono sorte in tutto il paese e in particolare a Istanbul.
Grazie al Canale di Istanbul, il presidente turco rivendica il suo posto tra gli eroi nazionali e ciò rafforzerà il suo consenso politico interno .Se il canale diventerà una realtà, Erdogan potrà affermare di essere riuscito in ciò che molti sultani e primi ministri precedenti potevano solo sognare. L’oggetto del pedaggio di transito sarà un modo per mostrare al popolo che Erdogan ha ancora più successo del fondatore della repubblica turca, Mustafa Kemal Ataturk, che ha restituito il Bosforo alla sovranità turca attraverso la Convenzione di Montreux, ma a condizione che le navi potessero attraversare senza pagare un pedaggio di transito. Al contrario, se il Canale di Istanbul verrà costruito, sarà sotto la sovranità turca e genererà entrate per la Turchia.

Accanto alle critiche, provenienti anche dal suo stesso partito, relative ai costi del canale vi sono poi quelle relative agli effetti ambientali del canale. 

Gli studi indicano vari rischi che potrebbero derivare dal collegamento del Mar Nero al Mar di Marmara, in particolare per quest’ultimo. Inoltre, i lavori di scavo comporteranno l’abbattimento di centinaia di migliaia di alberi, il che aggraverà il problema dell’inquinamento atmosferico a Istanbul. Ci sono anche preoccupazioni per quanto riguarda la fornitura di acqua potabile. Circa il 40 per cento dell’acqua potabile di Istanbul proviene dalla Tracia, la parte europea della Turchia, e l’approvvigionamento sarà sconvolto dal progetto e dalle sue conseguenze. Il popolo della Tracia potrebbe essere influenzato negativamente dal canale, che avrà un impatto considerevole sull’agricoltura e sull’industria della pesca. Inoltre, la creazione di una nuova barriera per il corso d’acqua tra Istanbul e la Tracia complicherà sia il movimento delle forze di sicurezza che sono necessarie per difendere il confine europeo della Turchia, sia le attività di soccorso nel caso più probabile di un disastro naturale a Istanbul.

Infine, c’è una profonda preoccupazione per la corruzione che circonda il progetto. L’opposizione considera i piani di costruzione del governo come un modo per trasferire denaro dal bilancio statale ai sostenitori di Erdogan attraverso società private che sono coinvolte nel progetto con noti stretti legami con il governo. Inoltre, è stato rivelato che parte del terreno per il percorso pianificato del canale è stato acquistato da elementi vicini a Erdogan e all’AKP. 

Per quanto concerne i problemi relativi al diritto marittimo internazionale, la Convenzione di Montreux, che regola il traffico attraverso lo Stretto in tempo di pace e di guerra, è fondamentale per i paesi lungo la costa del Mar Nero, e in primis per la Russia, per la quale il Bosforo è la porta del Mediterraneo. Finché la Turchia è attenta a rispettare lo spirito della Convenzione rispetto al Canale di Istanbul, in particolare per quanto riguarda le restrizioni al passaggio delle navi da guerra dei paesi che non hanno una costa del Mar Nero, ciò non dovrebbe creare problemi per la Russia. Tuttavia, il pedaggio per l’utilizzo del nuovo canale renderà presumibilmente meno economico il trasporto di merci, con conseguenze negative per l’economia russa. Pertanto, “incoraggiare” le navi a utilizzare il canale per riscuotere il pedaggio potrebbe renderlo motivo di contesa tra Turchia e Russia.

Articoli correlati