skip to Main Content

Turismo vaccinale negli Stati Uniti, ecco perché

Stati Uniti Ripresa Economica

Il complesso sistema di vaccinazione negli Stati Uniti ha dato origine ad una forma di turismo vaccinale da dentro e fuori il paese. L’approfondimento del Guardian

Con più di 50 piani di vaccinazione unici in tutti gli Stati Uniti, l’accesso al vaccino Covid-19 dipende in gran parte da dove si vive. In Wisconsin, gli allevatori di visoni sono considerati per la prossima fase di priorità del vaccino. Nel New Jersey, i fumatori possono avere accesso prioritario al vaccino. In Colorado, i giornalisti rientrano nella categoria dei lavoratori in prima linea. Questo complesso sistema ha dato origine a un nuovo tipo di viaggio pandemico – soprannominato “turismo del vaccino” – in cui le persone attraversano i confini dello stato o addirittura del paese per ottenere un accesso anticipato. Senza un protocollo standardizzato, e a causa della frattura del sistema sanitario americano, decine, se non centinaia, di migliaia di persone hanno ottenuto i vaccini fuori dai loro stati di origine – scrive The Guardian.

“Vengono dal Canada, dal Brasile, da New York, dalla Georgia, gente di Minneapolis è venuta qui. Alcuni miei amici a San Petersburg [Florida] mi hanno detto che erano in fila per la vaccinazione con gente del Venezuela”, ha detto il dottor Jay Wolfson, professore di salute pubblica alla University of South Florida.

Egli accredita le pubblicità delle agenzie di viaggio internazionali per una parte dell’afflusso turistico del vaccino. “Ricevo continuamente chiamate da persone che dicono, ‘Jay, puoi farmi entrare da qualche parte?’ – e non posso. E non lo farò”.

La Florida è stata una delle destinazioni di turismo vaccinale più popolari per i viaggiatori nazionali e internazionali, a causa della politica iniziale dello stato di vaccinare chiunque abbia più di 65 anni. Lo stato ha recentemente implementato nuove regole di identificazione nel tentativo di indirizzare più vaccini ai residenti della Florida, ma non prima che circa 50.000 destinatari fuori dallo stato abbiano ricevuto una dose. Anche se alcuni di questi destinatari del vaccino sono residenti stagionali dello stato, i cosiddetti snowbirds, la cui decisione di passare l’inverno in Florida non era legata alle loro prospettive di vaccinazione, molte migliaia sono venuti nello stato solo per un’iniezione.

Le 50.000 dosi rappresentano solo circa il 3,4% del totale delle vaccinazioni somministrate in Florida, ma anche una piccola percentuale che va a destinatari fuori dallo stato in qualsiasi stato può influenzare l’intera infrastruttura di vaccinazione del paese.

Le città e gli stati generalmente ricevono lotti di vaccino dal governo federale in base alla popolazione adulta della zona e pianificano la loro strategia di distribuzione di conseguenza.

“I turisti del vaccino stanno usando il loro potere per creare un’opportunità ingiusta per loro stessi. Ci sono difetti di progettazione che le persone stanno sfruttando, approfittando di alcuni punti deboli in questi sistemi”, ha detto Ferguson. “Niente di tutto questo dovrebbe riguardare la dignità o il merito, ma quando qualcuno viaggia per il vaccino, sta usando risorse, sia le dosi che tutti i meccanismi di consegna, che sono stati assegnati a una comunità diversa”.

Il turismo del vaccino può anche essere rischioso per i pazienti e gli operatori sanitari. “Se si dà una dose di vaccino a qualcuno che potrebbe non essere in grado di tornare e ottenere la seconda dose o se c’è un evento avverso, chi è responsabile? Si chiede Wolfson.

Tuttavia, molti sono disposti a correre il rischio, soprattutto se sono particolarmente suscettibili alle complicazioni di salute del virus o se non devono viaggiare molto per farsi vaccinare oltre confine.

Un abitante di New York ha visto diversi suoi amici e familiari pianificare di attraversare i confini dello stato per i vaccini. “La mamma di una mia amica, residente a New York, che attualmente risiede Florida, sta andando in New Jersey per un vaccino a febbraio”, ha detto. “Ha la pressione alta e ha fatto ricerche in diversi stati dove potrebbe essere idonea per il vaccino e il New Jersey risponde alla necessità”.

Suo fratello, un insegnante che spera di rientrare in sicurezza in classe, aveva da allora abbandonato i piani di viaggiare da New York al New Jersey per farsi vaccinare secondo la politica di vaccinazione prioritaria dello stato per gli insegnanti con condizioni preesistenti. “Non c’è un onere della prova nel New Jersey per dimostrare che sei un ex fumatore, quindi è una facile scappatoia da sfruttare”, ha detto. Un’altra amica di famiglia che ha più di 65 anni ed è immunodepressa, che vive nel New Jersey, ha firmato per ottenere il vaccino a New York a causa della mancanza di appuntamenti disponibili nel suo stato di origine.

Wolfson ha detto che questo tipo di decisioni sono comprensibili, anche se non necessariamente lodevoli, specialmente data la diffusa cattiva gestione governativa della pandemia e l’istinto umano di autoconservazione.

“Quando abbiamo scorte limitate di un prodotto altamente richiesto e salvavita e la gente non sa nemmeno come ottenerlo o le linee telefoniche sono affollate e le iscrizioni via computer non funzionano e si siedono online alle 3 del mattino a 85 anni aspettando che esca la prima dose, questo riduce solo la quantità di fiducia che la gente ha in questo sistema”, ha detto.

Ma i turisti del vaccino che sono in grado di attraversare le linee di stato per farsi vaccinare sono in gran parte quelli con i mezzi e la capacità di viaggiare a distanza – due volte – per il vaccino e la conoscenza tecnologica o le connessioni per richiedere un appuntamento. Questo ha contribuito alle disparità razziali e socioeconomiche nella distribuzione del vaccino finora: da New York al New Jersey a Chicago, i destinatari del vaccino sono stati prevalentemente bianchi, residenti in codici postali più ricchi.

“La cosa più importante è: non sprecare i vaccini. Preferisco di gran lunga che finisca nel braccio di qualcuno piuttosto che in un bidone della spazzatura”, ha detto Caplan della realtà che alcune dosi di vaccino stanno andando non reclamate nei siti di distribuzione in tutto il paese. “Ma non abbiamo completato la vaccinazione degli operatori sanitari e degli anziani. Quindi tagliare la fila davanti a persone che hanno un rischio maggiore di morire davvero, spesso da persone che sono più giovani, possono stare a casa, in quarantena, indossare maschere e proteggersi, questo è da condannare”.

Al di là di queste decisioni individuali, tuttavia, è un problema sistemico, ha detto Caplan. “Che cosa è successo alla fornitura di vaccini? Come mai non sappiamo quanto ne abbiamo? C’è stato un enorme fallimento della leadership”.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore