skip to Main Content

Biden Trump

Trump è in vantaggio su Biden. Report Economist

Che cosa si dice negli Stati Uniti su Trump e Biden. L'approfondimento del settimanale The Economist

L’indice di gradimento di Joe Biden è del 39%, il che lo pone al primo posto nella classifica dei sondaggi americani per il più basso dei presidenti a questo punto del mandato. In tutti e sei gli Stati che potrebbero risultare decisivi è in svantaggio tra uno e sei punti percentuali. Nei due Stati in cui è più vicino, Wisconsin e Michigan, i margini dei candidati democratici hanno sottoperformato i sondaggi finali di una media di sei punti nelle ultime due elezioni. Anche se li vincesse entrambi, Biden avrebbe bisogno di un altro Stato in bilico per assicurarsi i 270 voti elettorali necessari per la rielezione.
Questi numeri suggeriscono che la corsa non è affatto un “ballottaggio”. È vero che i cinque mesi che mancano al voto danno a Biden il tempo di recuperare terreno e i sondaggi potrebbero sottostimare il suo reale sostegno. Ma è anche possibile che il suo deficit aumenti e che il candidato a beneficiare di eventuali errori nei sondaggi sia Donald Trump – scrive The Economist.

[…]

Eppure i sondaggi suggeriscono che sia più probabile che non. Il modello statistico dell’Economist sulle elezioni – che si basa esclusivamente sui sondaggi, sui risultati passati e sui dati economici, e non conosce le dichiarazioni o i precedenti di Trump in ufficio o nei tribunali – dà a Biden il 34% di possibilità di evitare un secondo mandato di Trump. Ciò significa che una vittoria di Biden sarebbe solo una lieve sorpresa, un po’ più probabile della percentuale del 30% di giorni in cui piove a Londra. Quattro anni fa, questa settimana, questo modello dava a Biden l’83% di possibilità.

[…]

Come sa chiunque abbia seguito la politica americana nel 2000 o nel 2016, vincere il voto popolare non garantisce di prevalere nel collegio elettorale Stato per Stato. Il nostro modello include anche una previsione di fondo per ogni Stato, basata in gran parte su quanto i suoi risultati passati siano stati più democratici o repubblicani rispetto all’America nel suo complesso. Ad esempio, nel 2020 Trump ha vinto in Florida di 3,3 punti percentuali, mentre a livello nazionale ha perso di 4,5, collocando la Florida 7,8 punti a destra del Paese.

Il nostro modello va quindi alla ricerca delle vere intenzioni di voto in ogni Stato, in ogni giorno, tenendo conto dei sondaggi d’opinione pubblicati finora. Il modello tiene conto dell’impatto sui risultati dei sondaggi dei metodi, delle dimensioni del campione, delle distorsioni dei sondaggisti e dell’uso di schermi per i probabili elettori. Ogni giorno, il modello genera 10.001 diversi scenari possibili per le elezioni. I più comuni si avvicinano ai risultati dei sondaggi e alle sue previsioni fondamentali. Ma include anche un buon numero di grandi sorprese, per tenere conto del rischio di errori significativi nei sondaggi.

[…]

PERCHÉ LA SITUAZIONE È NEGATIVA PER BIDEN

Partendo dai fondamentali nazionali, il nostro modello prevede che Biden (prima di vedere un singolo sondaggio sulla corsa) dovrebbe ottenere il 50,5% dei voti bipartitici, un po’ al di sopra del suo attuale 49,4% nei sondaggi nazionali, anche se al di sotto del 52,3% che ha ottenuto nel 2020. Il modello ritiene che sia leggermente più probabile che guadagni terreno su Trump nei prossimi cinque mesi piuttosto che perderlo: in media, prevede che Biden guadagni mezzo punto percentuale, ottenendo un pareggio nel voto popolare nazionale.

Sfortunatamente per il presidente, i sondaggi a livello statale non suggeriscono che il vantaggio elettorale di cui Trump ha goduto nel 2016 e nel 2020 si sia materialmente eroso. Biden è in svantaggio di circa cinque punti nei campi di battaglia della Sun Belt (Arizona, Georgia e Nevada), che quattro anni fa avevano votato per lui. Il nostro modello gli dà solo il 24% di possibilità di mantenere la Georgia, dove la perdita di popolarità tra gli elettori di colore è più dannosa, e il 31% e il 36% di possibilità in Arizona e Nevada, dove le perdite tra i latinos lo danneggiano.

I sondaggi di Biden hanno dato risultati migliori negli Stati relativamente bianchi della Rust Belt, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin, il che è coerente con i sondaggi a livello nazionale che mostrano che la sua posizione tra gli elettori bianchi è cambiata a malapena dal 2020. Trump è in vantaggio di poco in tutti e tre gli Stati. Il nostro modello li considera tutti e tre prossimi al lancio di una moneta (vedi grafico). Le quote di voto a livello statale nella regione dei Grandi Laghi tendono a fluttuare di pari passo da un’elezione all’altra. Sarebbe sufficiente un piccolo miglioramento dei numeri di Biden o un errore nei sondaggi a suo favore per consegnargli il trio e un secondo mandato.

Tuttavia, ci sono due ragioni per cui la reale possibilità di Biden di vincere il collegio elettorale è inferiore alla probabilità media di vittoria che il modello gli attribuisce in questi tre Stati. In primo luogo, il suo slittamento in altre regioni rende meno probabile che possa compensare una sconfitta nel Midwest con vittorie nel Sud o nell’Ovest. Se perde l’Arizona, la Georgia e il Nevada, ha bisogno di tutti e tre i campi di battaglia della Rust Belt (più un voto del collegio elettorale di Omaha, Nebraska) per raggiungere esattamente il magico numero di 270. Il nostro modello dà a Trump il 43% di possibilità di vincerli tutti e a Biden il 31%, lasciando il 27% per una decisione divisa che probabilmente riporterebbe Trump alla Casa Bianca.

In secondo luogo, sia nel 2016 che nel 2020 Trump è andato molto meglio nel Midwest rispetto a quanto previsto dai sondaggi. Il nostro modello presuppone che entrambi i candidati abbiano la stessa probabilità di beneficiare degli errori dei sondaggi. Ma se si confrontano i sondaggi attuali con le medie dei sondaggi a livello statale della fine del 2020, piuttosto che con i risultati effettivi delle elezioni, la Rust Belt non sembra più un’anomalia favorevole a Biden. Al contrario, è coerente con una tendenza nazionale, in cui Trump sembra aver guadagnato da tre a cinque punti di quota di voti.

[…]

La situazione di Biden è tutt’altro che disperata. Una buona notizia per lui o una cattiva notizia per Trump – come la recente condanna dell’ex presidente a New York, che finora si è riflessa solo in una manciata di sondaggi a livello statale – potrebbero spostare le loro possibilità. Così come i dibattiti presidenziali. Inoltre, la nuova base di elettori bianchi laureati del Partito Democratico ha molte più probabilità di presentarsi alle urne rispetto alla coalizione meno istruita di Trump, una disparità che i sondaggi sulle probabilità di voto potrebbero non riflettere appieno.

 

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top