skip to Main Content

La Russia sta perdendo terreno nel Caucaso

Russia

Il rinnovato conflitto tra Armenia e Azerbaigian mostra l’indebolimento dell’influenza della Russia. L’approfondimento del New York Times

La Russia ha contribuito a porre fine alla guerra del 2020 e le sue truppe hanno garantito il cessate il fuoco. Ma con una nuova crisi nel Caucaso, Mosca, distratta e indebolita dall’Ucraina, non è intervenuta.

Alla fine del 2020, quando il presidente russo Vladimir Putin ha mediato la fine di una guerra nel Caucaso tra Azerbaigian e Armenia e ha collocato 2.000 truppe di pace russe tra le due parti, è sembrato un colpo da maestro strategico.

L’accordo ha dato alla Russia una presenza militare in un Paese post-sovietico, l’Azerbaigian, mentre ha rafforzato la fiducia di un altro Paese, l’Armenia, nella Russia come garante della sua sicurezza. Putin si posizionò come pacificatore e sembrò affermare la sua rivendicazione della giusta influenza della Russia, come unica potenza in grado di mantenere la stabilità in tutta l’ex sfera sovietica.

IL NUOVO CONFLITTO NEL NAGORNO-KARABAKH

A distanza di appena due anni, il conflitto per la regione del Nagorno-Karabakh in Azerbaigian si sta nuovamente scaldando e la Russia, distratta e indebolita dalla guerra in Ucraina, non è intervenuta. Sfidando la presenza russa, gli azeri stanno testando se Mosca è ancora in grado e determinata a imporre la sua volontà su altri vicini più piccoli, nonostante le sue lotte in Ucraina.

Dal 12 dicembre, la strada di montagna che collega il Nagorno-Karabakh all’Armenia è bloccata dalle proteste degli attivisti azeri che sostengono di opporsi alle operazioni minerarie illegali nella zona. Il governo azero ha appoggiato le proteste; gli armeni sostengono che l’Azerbaigian le abbia architettate e criticano le forze di pace russe per non aver tenuto aperta la strada.

“È evidente che le risorse della Russia nella regione stanno diventando limitate”, ha dichiarato Farhad Mammadov, analista filogovernativo a Baku, la capitale dell’Azerbaigian. “La Russia sta diventando più debole”.

I blocchi stradali sono una nuova escalation nella sanguinosa disputa pluridecennale su un’enclave che ospita decine di migliaia di persone di etnia armena all’interno dei confini internazionalmente riconosciuti dell’Azerbaigian.

Secondo Tatev Azizyan, un giornalista locale, nel Nagorno-Karabakh i supermercati non hanno altro che alcolici e caramelle, e le scorte di pannolini e medicine di base sono così scarse che i residenti postano su Facebook per cercarle. A partire da venerdì, i cittadini dovranno presentare le tessere annonarie per acquistare riso, pasta, grano saraceno o zucchero.

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha ridisegnato le relazioni in tutto il mondo, forse in modo più evidente che al confine tra Europa e Asia, rafforzando le mani della Turchia e dell’Iran, ora importanti fonti di commercio e di armi per Mosca, e minando l’influenza russa nel Caucaso.

L’Armenia fa parte dell’alleanza militare a guida russa di sei Paesi post-sovietici, l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, e ospita una base militare russa. Finora, però, il Cremlino, impegnato in Ucraina, non ha intrapreso azioni per aiutare il suo alleato.

Dopo che le truppe di pace russe sono state filmate di recente mentre distribuivano aiuti umanitari fuori da una clinica materna locale, i residenti si sono divisi in due schieramenti sui social media: alcuni hanno ringraziato i russi, mentre altri hanno chiesto perché non facessero di più.

LE DIFFICOLTÀ DELLA RUSSIA

“Nessuno capisce perché la Russia non sia in grado di riaprire la strada”, ha detto Azizyan. “La gente ha iniziato ad arrabbiarsi e ad esprimere la propria indignazione nei confronti delle forze di pace”.

Pur avendo vinto la guerra del 2020, l’Azerbaigian non ha ancora raggiunto tutti i suoi obiettivi, tra cui un corridoio di trasporto verso l’exclave azera di Nakhchivan, una fetta separata di territorio azero al confine sud-occidentale dell’Armenia, che darebbe al Paese un collegamento diretto con la Turchia. La Russia sta anche cercando di esercitare un maggiore controllo sulla strada ora bloccata, nota come Corridoio di Lachin, sostenendo che l’Armenia la utilizza per trasportare illegalmente mine terrestri nel suo territorio.

La Russia ha cercato di seguire una via di mezzo in questa escalation. Mentre l’Armenia è un alleato militare, Aliyev ha sviluppato una stretta relazione con Putin ed entrambi i Paesi sono importanti partner economici per la Russia, nonostante le sanzioni occidentali.

“Chiediamo alle parti azera e armena di dimostrare buona volontà e di cercare insieme dei compromessi”, ha dichiarato la scorsa settimana Maria V. Zakharova, portavoce del Ministero degli Esteri russo.

L’INFLUENZA RUSSA SULL’ARMENIA È A RISCHIO?

Il Cremlino continua a mantenere un ruolo nei negoziati tra Azerbaigian e Armenia e Putin ha parlato con Aliyev e con il Primo Ministro armeno Nikol Pashinyan a dicembre a San Pietroburgo. Nei commenti televisivi al suo incontro con Putin, Pashinyan ha osservato con apparente frustrazione che “risulta che il corridoio di Lachin non è sotto il controllo delle forze di pace russe”.

La scorsa settimana, Pashinyan si è spinto ancora più in là nel contrastare Mosca, annullando le esercitazioni militari previste quest’anno in Armenia dall’alleanza guidata dalla Russia.

“La presenza militare della Russia in Armenia non solo non garantisce la sua sicurezza, ma aumenta le minacce alla sicurezza dell’Armenia”, ha dichiarato Pashinyan, secondo quanto riportato dall’Associated Press.

Secondo gli analisti, però, ci sono poche possibilità che l’Armenia riesca a svincolarsi dalla sua dipendenza dalla Russia in tempi brevi – l’ultima di una serie di lezioni per i Paesi post-sovietici sulla difficoltà di uscire dall’ombra di Mosca in materia di sicurezza, soprattutto quando l’instabilità è minacciata. In Bielorussia nel 2020 e in Kazakistan l’anno scorso, i leader dei Paesi ex sovietici si sono rivolti a Putin per chiedere aiuto di fronte alle rivolte popolari, rafforzando il suo potere su entrambe le nazioni.

“L’Armenia ha un enorme problema strategico”, ha dichiarato Thomas de Waal, senior fellow di Carnegie Europe che ha studiato il conflitto per decenni. Pashinyan “vorrebbe una politica estera molto più equilibrata, eppure è bloccato dalla Russia come principale alleato politico-militare”.

Tuttavia, con Mosca distratta, l’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno intensificato i propri sforzi per mediare una pace duratura e costruire la propria influenza nel Caucaso. Pashinyan e Aliyev si sono incontrati lo scorso agosto e ottobre in riunioni organizzate dall’Unione Europea, mentre i ministri degli Esteri dei due Paesi si sono incontrati a Washington a novembre.

Gli analisti hanno definito insolita la doppia pista negoziale, una guidata dalla Russia e l’altra dall’Unione Europea, in un momento in cui Mosca e l’Occidente sono impegnati nel conflitto più intenso degli ultimi decenni. Ma il rappresentante speciale dell’UE per il Caucaso meridionale, Toivo Klaar, ha dichiarato in un’intervista di essere stato in contatto con la sua controparte russa, il diplomatico Igor Khovayev, e di aver avuto due incontri di persona con lui lo scorso autunno.

“Nelle circostanze attuali c’è potenzialmente più spazio per l’Armenia e l’Azerbaigian per superare il conflitto”, ha detto Klaar. “La questione è se saranno in grado di cogliere questa opportunità”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore