Mondo

Perché il riequilibrio commerciale tra Usa e Cina può mettere a rischio l’Ue

di

L’analisi di Carlo Pelanda, analista e docente di geopolitica e geoeconomia

È solo una sensazione, ma già merita scenario: se l’accordo sinoamericano andasse in porto nel formato (ora in bozza) di maggiore apertura del mercato cinese all’export statunitense, l’America potrebbe ridurre forse di circa 50-70 miliardi di dollari il deficit commerciale bilaterale con la Cina che è attorno ai 350 miliardi di dollari anno, ma difficilmente di più. Il punto: l’America non ha un sistema industriale calibrato sull’export, molte sue produzioni sono adattate solo al mercato domestico, e la Cina sta raggiungendo una qualità industriale competitiva in parecchi settori, per esempio l’auto, che ridurrebbe l’import anche se tolte barriere tariffarie e non.

Non si può escludere che, una volta formalizzato il libero scambio, poi l’enorme capacità industriale americana inventi nell’arco di qualche anno nuovi prodotti a standard globale e ipercompetitivi grazie al nuovo incentivo ad esportare. Ma la domanda nel mercato interno cinese potrà crescere a sufficienza per reggere alti volumi di offerta interna ed esterna? Difficile perché la Cina sta mostrando, come successo al Giappone alla fine degli anni 80, l’esaurimento di un’ipercrescita levereggiata e la transizione verso un’economia stagnante con la priorità del riequilibrio finanziario.

Inoltre, i beni tech americani più sexy hanno un profilo di superiorità militare e difficilmente avrebbero il permesso di esportazione in Cina. Ciò implica che il riequilibrio commerciale spinto dall’amministrazione Trump sarà un flop? C’è un’opzione, ma questa è un rischio per l’Ue e altri. Per esportare di più in Cina, l’America potrebbe facilitare l’insediamento di aziende straniere che usino il libero scambio bilaterale per avere un accesso privilegiato al mercato cinese e concedere ad aziende cinesi bandiera fiscale statunitense per entrare in altri mercati, ma il vantaggio sarebbe tutto per l’America stessa.

Tale ipotesi potrebbe riverberare sulle relazioni commerciali Stati Uniti-Ue, modificando la strategia dei primi dal riequilibrio commerciale al dominio: forzare/facilitare l’americanizzazione di aziende europee, ma comprimendo l’export diretto dall’Ue per lo scopo di rendere l’America hub principale del mercato globale e «succhiare» la capacità industriale europea. Se così, la strategia più razionale contro tale rischio sarebbe accelerare un accordo bilaterale euroamericano che integri profondamente i due mercati, soprattutto quello finanziario, modificando la posizione corrente franco-tedesca di una sovranità europea post-atlantica che, per vista corta e introversione, è suicida.

 

Articolo pubblicato su MF/Milano Finanza

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati