skip to Main Content

Rich list Uk del Sunday Times, chi entra e chi esce. Tutti i nomi

Camera Dei Comuni

Lord Blavatnik (Dazn) capeggia la rich list Uk del Sunday Times. Tutti i dettagli nell’articolo di Daniele Meloni

Imprenditori dell’high tech, oligarchi russi, storiche famiglie dell’aristocrazia britannica: la “rich list” dei Sunday Times ha messo in fila gli uomini e le donne più ricche del Regno Unito. Una classifica – dal numero uno al numero 171 – che si è rinnovata anche in quest’anno di pandemia con diverse sorprese. La prima è che nel 2021 molte più persone sono diventate miliardarie rispetto agli anni precedenti: 24 in più rispetto al 2020. L’ammontare complessivo dei magnifici 171 è di 597 mila 269 miliardi di sterline. La pandemia ha creato nuove opportunità per i fashion retailers, i tycoon dei videogiochi e altri imprenditori nell’ambito delle tecnologie che hanno approfittato del lockdown – e dei bisogni a esso connessi – per incrementare il loro patrimonio. Allo stesso modo, la lista contiene diversi “unicorni”: start-up dei pagamenti online, quelle degli incontri virtuali e dei servizi telematici.

La pandemia ha spazzato via i retailers di high-street –basti pensare a Debenhams, che chiuderà i battenti dopo oltre 100 anni – e li ha rimpiazzati con i miliardari delle vendite online. Il pessimo anno di River Island ha causato una perdita consistente del patrimonio di Bernard Lewis, mentre la catena di negozi Peacocks è entrata in amministrazione controllata e il suo proprietario, Philip Day, è stato costretto a cedere il suo impero degli abiti Edinburgh Woollen Mill, uscendo per la prima volta da anni dalla lista. Stessa fine per Arcadia di Sir Philip Green.

A guadagnarci sono state gli online retailers come Asos e Boohoo della famiglia Kamani, che ha incrementato il suo patrimonio di 1 milione di sterline al giorno dall’inizio della pandemia. Così come non è andata male nemmeno a Farfetch la boutique online dell’anglo-portoghese Jose Neves, entrato per la prima volta nella rich list. Nel mondo delle proprietà immobiliari e delle tenute, si è segnalata la perdita di patrimonio delle famiglie tradizionali dell’aristocrazia britannica, le cui properties rimontano addietro nei secoli. Le grandi dinastie che hanno posseduto parti di Londra e della campagna UK come i Cadogan, i De Waldens e i Grosvenor hanno visto il valore dei loro possedimenti calare bruscamente. Il 30enne Duca di Westminster ha perso oltre 240 milioni di sterline in valore degli immobili di famiglia. Peggio è andata agli imprenditori dell’entertainment: il Really Useful Group di Andrew Lloyd Webber ha pagato il lockdown del West End, impattando anche sulle finanze dell’impresario del Fantasma dell’Opera, che ha dovuto ricontrattare i mutui della sua proprietà nell’Hampshire da quando la pandemia è iniziata.

Già. Ma chi c’è in testa alla lista dei ricconi? Per la seconda volta – dopo quella del 2015 – ecco Sir Leonard Blavatnik, il magnate di origini ucraine proprietario di media di fondi di investimento. In Italia è conosciuto come il patron di Dazn, ribattezzata la “Netflix dello sport”, ma è grazie ai suoi 23 miliardi di sterline – 7,2 in più rispetto al 2020 – che Blavatnik è il Paperone d’Inghilterra. La sua dimora londinese è a Kensington Palace Gardens e vale 200 milioni. Anche per un altro oligarca celebre in UK, Roman Abramovich, le cose non sono andate male: 12 miliardi di sterline di patrimonio, più 1,9 rispetto all’anno precedente. E le donne? La prima in classifica, all’ottavo posto, è Charlene de Carvalho-Heineken, proprietaria dell’impero del beverage che produce l’omonima birra e di Double Dutch Drinks, un’azienda olandese con sede a Londra, che produce tonici e mixer per i cocktail. Tra i neo-ricchi si segnala come new entry un altro russo, Denis Sverdlov, la cui Arrival – società che produce bus elettrici e van – vale 1,2 miliardi di sterline e ha portato il proprietario in lista al 26esimo posto con 6,1 miliardi di sterline.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore