skip to Main Content

Lo Stato lima i privati nelle ferrovie inglesi. Report Le Monde

Ferrovie

“Il più grande cambiamento ferroviario in 25 anni”: nel Regno Unito, lo Stato riprende il controllo dei treni. L’approfondimento del quotidiano francese Le Monde

Una società pubblica supervisionerà ora il funzionamento della rete. Anche se non si tratta di una nazionalizzazione completa, scrive Le Monde, l’influenza del settore privato verrà ridotta.

Gradualmente, senza dirlo apertamente, Boris Johnson sta smontando la rivoluzione thatcheriana, punto dopo punto. Dopo aver aumentato bruscamente la spesa statale sulla scia della pandemia di Covid-19, il primo ministro britannico sta attuando una grande riorganizzazione del sistema ferroviario, minando in gran parte la privatizzazione lanciata nel 1994. Giovedì 20 maggio, il governo britannico ha annunciato la creazione di una società pubblica che supervisionerà la gestione dei treni del Regno Unito. “Questo è il più grande cambiamento nelle ferrovie da venticinque anni“, hanno annunciato Grant Shapps, il ministro dei trasporti, e Keith Williams, l’autore del libro bianco che presenta la riforma.

I due uomini sono molto attenti a non menzionare la nazionalizzazione. Great British Railways, la nuova compagnia, non gestirà direttamente i treni, ma firmerà dei subappalti con compagnie private che forniranno il servizio. Il cambiamento è però fondamentale: “Le compagnie private non correranno più rischi sulle loro entrate“, nota Michael Holden, un consulente ferroviario indipendente ed ex presidente di una compagnia ferroviaria privata. Il loro lavoro sarà quello di assicurare la puntualità dei treni, non di riempirli. Great British Railways determinerà gli orari, i prezzi e i percorsi da operare.

Da quando è stata introdotta, la privatizzazione del sistema ferroviario ha già subito una forte riduzione. Nel 2002, le ferrovie sono state restituite al controllo statale. Due gravi incidenti causati dalla mancanza di manutenzione avevano convinto il governo che era necessario smettere di sperimentare in questo settore. Per gestire i treni, le compagnie private erano state fino ad ora in competizione per le “concessioni“, cioè monopoli regionali che davano loro poteri abbastanza ampi su orari e prezzi (anche se questi ultimi rimanevano regolamentati).

PROBLEMI TROPPO EVIDENTI

Per gli utenti, questo non dà un’impressione di concorrenza: con poche eccezioni, la maggior parte delle destinazioni sono servite da una sola compagnia. In compenso, la situazione è complicata. A seconda del percorso, devi usare diverse compagnie per comprare i biglietti del treno. I prezzi sono particolarmente oscuri e fluttuanti, con sconti spesso incomprensibili. “L’attuale sistema ferroviario è un labirinto di accordi tra centinaia di partner, firmato e supervisionato da battaglioni di avvocati e consulenti“, si legge nel Libro Bianco.

La dimostrazione più sorprendente riguarda la battaglia che si scatena quando si verificano ritardi, un terzo dei treni è arrivato in ritardo nel 2019, prima della pandemia. Ben 400 dipendenti della Network Rail, la società che attualmente gestisce i binari, sono incaricati di attribuire le responsabilità e quindi di decidere chi dovrà risarcire. “Circa il 40% dei ritardi vengono contestati“, continua il Libro Bianco. Per fare un esempio incredibile, una volta è sorta la questione se un fagiano, che aveva causato un ritardo, fosse un “piccolo uccello”, e in tal caso la responsabilità sarebbe andata all’operatore ferroviario, o un “grande uccello“, e in tal caso sarebbe andata a Network Rail.

Il Libro Bianco stima che la revisione del sistema farà risparmiare 1,5 miliardi di sterline (1,7 miliardi di euro) all’anno, o il 15% delle entrate da biglietteria. “La privatizzazione dei treni non è mai stata accettata dall’opinione pubblica, i suoi problemi sono troppo evidenti“, precisa il Libro Bianco. Tuttavia, non è stato un fallimento completo. Prima della pandemia di Covid-19, il numero di passeggeri dei treni era raddoppiato in un quarto di secolo.

Le ferrovie sono molto redditizie: ogni chilometro di binario viene percorso il doppio che in Francia. D’altra parte, anche il prezzo dei biglietti, in termini reali, era aumentato del 50%. Ma il modello vacilla da tempo. Nell’ultimo decennio, diversi franchising sono falliti e hanno dovuto essere nazionalizzati, più o meno temporaneamente. La pandemia ha accelerato il collasso del sistema. Lo Stato ha iniettato 12 miliardi di sterline per salvare i treni. La riforma annunciata ne trae le logiche conclusioni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore