Mondo

Rcep, chi c’è e chi manca nell’accordo commerciale più grande al mondo

di

accordo commerciale

Il Rcep è l’accordo commerciale più grande al mondo e riunisce quindici Paesi d’Asia. Il grande assente è l’India. L’approfondimento di Le Monde

 

Il più grande accordo di libero scambio al mondo è stato firmato domenica 15 novembre tra 15 Stati con divergenze strategiche a volte forti. L’India, che recentemente si è avvicinata agli Stati Uniti, ne è la grande assente.

Quindici Paesi dell’Asia e del Pacifico, scrive Le Monde, hanno firmato ufficialmente il Partenariato economico globale regionale (RCEP) domenica 15 novembre. È l’accordo commerciale più grande del mondo fino ad oggi. Questi 15 Stati sono la Cina, il Giappone, la Corea del Sud, l’Australia, la Nuova Zelanda e i dieci Paesi membri dell’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico (ASEAN): Vietnam, Malesia, Singapore, Brunei, Indonesia, Filippine, Thailandia, Laos, Myanmar e Cambogia. Essi rappresentano circa il 30% della popolazione mondiale e il 30% del PIL mondiale.

Questa intesa, nonostante l’assenza dell’India a causa della mancanza di entusiasmo degli Stati Uniti per i grandi negoziati multilaterali, rafforza il ruolo centrale della Cina nella regione, nonostante le forti differenze strategiche tra Pechino, in particolare, da un lato, e Tokyo e Canberra, dall’altro.

Il RCEP, che dimostra che l’Asia si sta già proiettando in un mondo “post-covid”, comprende 20 capitoli tra commercio (fisico ed elettronico), investimenti, proprietà intellettuale. Si tratta del primo accordo commerciale concluso tra le tre principali economie della regione, Cina, Giappone e Corea del Sud. I negoziati, iniziati nel 2013, hanno subito un’accelerazione a partire dal 2017, in quanto l’Asia vuole preservare la sua crescita a fronte del protezionismo dell’amministrazione Trump.

BASE DI REGOLE SEMPLIFICATE

Firmato praticamente domenica sotto la presidenza del Vietnam, che attualmente detiene la presidenza dell’Asean, entrerà in vigore una volta ratificato da almeno sei paesi dell’Asean e altri tre paesi. «È una vittoria del multilateralismo e del libero scambio», ha dichiarato il primo ministro cinese, Li Keqiang. Il RCEP «rafforzerà ulteriormente la ripresa economica dopo la pandemia», ha sottolineato il primo ministro vietnamita, Nguyen Xuan Phuc.

Se il partenariato riguarda una zona molto importante, le sue disposizioni sono limitate a una riduzione dei dazi doganali al netto dei prodotti sensibili (l’agricoltura, in particolare, è praticamente esclusa) e a misure regolamentari generalmente poco vincolanti, la più importante è la definizione di norme di origine comuni.

«Commercialmente, questo accordo dovrebbe facilitare molto il funzionamento delle catene di valore nella zona: è una base di regole semplificate e di fiscalità alleggerita per lo stabilimento-Asia», nota Sébastien Jean, direttore del Centro di studi prospettici e di informazioni internazionali (Cepii).

A suo parere, il RCEP, che costituisce un successo per la Cina, pone una vera sfida strategica agli Stati Uniti, le cui ultime due amministrazioni hanno cercato di riaffermare il ruolo centrale nella zona del Pacifico. Il RCEP minaccia di indebolire significativamente le loro posizioni commerciali nella regione. Mentre l’amministrazione Obama aveva lanciato il Partenariato transpacifico allo scopo di arginare la potenza della Cina nella regione, gli Stati Uniti si ritrovano oggi di fronte a un’iniziativa che ne è l’esatta antitesi, anche se è nettamente meno ambiziosa, mentre essi stessi si sono ritirati dal Partenariato che avevano lanciato.

FRONTE INDO-PACIFICO

Per il sito d’informazione giapponese Nikkei Asia, «l’Asia sembra prendere l’iniziativa formando la nuova architettura del commercio mondiale».

L’India è la grande assente dal partenariato. Il 4 novembre 2019, il primo ministro, Narendra Modi, aveva deciso brutalmente di lasciare i negoziati e di rimanere al di fuori del RCEP, con il pretesto della sua volontà di proteggere le sue industrie e i suoi agricoltori dai prodotti a basso costo fabbricati in Cina e dalle derrate agricole australiane e neozelandesi, la bilancia commerciale dell’India con la Cina propende largamente a favore di Pechino.

La decisione del capo del governo indiano è stata anche guidata da considerazioni geopolitiche. L’India si è avvicinata agli Stati Uniti per proteggersi dall’onnipotenza della Cina e costruire un fronte indopacifico. Dal suo ritiro dai negoziati, i rapporti con Pechino si sono notevolmente deteriorati a causa del conflitto tra i due Paesi dell’Himalaya oltre il confine, e il sentimento anti-cinese si è esacerbato nel subcontinente. I 15 firmatari di RCEP hanno però lasciato la porta spalancata all’ India. Le trattative possono riprendere “in qualsiasi momento” se Nuova Delhi ne fa richiesta scritta. Anche prima dell’adesione, l’India avrà lo status di osservatore.

L’India dovrà forse uscire dal suo isolamento: l’epidemia di Covid-19 e il rigorosissimo confino deciso da Narendra Modi il 25 marzo hanno rovinato l’economia. Per la prima volta il secondo paese più popoloso del mondo, secondo le stime della Banca Centrale, è entrato in recessione, mentre altre economie asiatiche, in particolare Cina e Giappone, stanno tornando a crescere.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati