Mondo

Quanto liberalismo c’è nel governo M5S-Lega? Ecco il mio pensiero

di

“Ocone’s corner”, la rubrica settimanale di Corrado Ocone, filosofo e autore del recente saggio “La cultura liberale – Breviario per il nuovo secolo”

 

Recentemente mi è stato chiesto un contributo per un volume collettaneo sui primi mesi del governo gialloverde. Il tema a me assegnato concerne il liberalismo: quanto ne ha questo esecutivo? Poco, molto, così così? E perché è così? Ed è un bene o un male?

Ovviamente, la prima risposta che mi è venuta suonava facile facile: il tasso di liberalismo presente nelle vene di questo governo si approssima allo zero. Ho poi aggiunto, avendo una mentalità che riconduce tutto sempre alla storia: “Come sempre”. C’è mai stato un governo che in Italia si sia distinto per i suoi tratti liberali? E anche quelli che, quando il termine era à la page (oggi francamente non più), si definivano tali, o addirittura propugnavano una “rivoluzione liberale”, nei fatti lo erano veramente?

Bene, avrei potuto finire qui, ovviamente argomentando e controargomentando le mie sensate tesi. Che però mi lasciavano un che di insoddisfatto, soprattutto perché io non sono pregiudizievolmente contrario, come il novanta per cento e più dei commentatori, a questo governo, che invece gode ancora di ampio consenso elettorale.

Ho fatto allora autoriflessione: ho pensato cioè me stesso nel mentre pensavo le belle e sensate cose suddette. Cosa avevo fatto io? Quale metodo di comprensione, o metro di giudizio, avevo usato? Non ho avuto dubbi: avevo preso un modello, più o meno astratto e più o meno condiviso, di liberalismo e l’avevo applicato alla realtà in atto per rispondere al quesito propostomi.

Operazione legittima, forse, in certi contesti, ma che sicuramente andava a cozzare con quel che io ho sempre pensato e scritto che fosse il liberalismo, ricollegandomi ovviamente a una lunga tradizione di pensiero e cultura liberale. Avevo usato cioè un metodo deduttivo, ero cioè partito dall’alto, cioè dalla pura e aerea logica, ed ero quindi sceso in basso, misurandomi cioè solo in seconda istanza con quella “feccia di Romolo” che per molti aspetti è e continua a essere, almeno in parte (e forse per fortuna), la realtà.

Non avevo invece io sempre scritto nei miei libri che il liberalismo, che non è ma si fa, non è un’ideologia come le altre, e proprio per questo non è destinata a tramontare, proprio perché parte dalla realtà e non giunge ad essa dalla fine logica di ragionieri, matematici e teorici del diritto e delle scienze sociali? Il liberale, per come lo vedo io, è colui che la realtà cerca in prima istanza di capirla con curiosità e partecipazione umana, senza troppo coprirsi gli occhi con pregiudizi e tesi precostituite. Preso atto di essa, egli prova, a partire dalle condizioni date, a individuare le soluzioni o gli sbocchi di libertà che permette o promette di poter far perseguire a chi è dotato di buona volontà. Soluzioni e sbocchi sempre variabili e non predeterminabili a priori, casomai in “ricette” liberali valide sempre e comunque (tipo il Mercato, la Tolleranza, i Diritti Umani, e chi più ne ha più ne metta).

Un liberalismo metodologico molto intriso di realismo politico e senso storico, il mio. Fedele alla tradizione italiana del pensiero, quella dei Niccolò Machiavelli e Giambattista Vico per intendersi (che pure certo liberali non erano). L’unico liberalismo credo adatto a capire il mondo, ad esempio quello nuovo, politico e non, che abbiamo sotto gli occhi e che è in rapida evoluzione. E a cercare, appunto, di incanalarne in un senso di libertà i possibili o prevedibili esiti.

Purtroppo, quella a cui oggi assistiamo nel milieu culturale e giornalistico, coperta dalla retorica della “competenza”, è per la più una profonda mancanza di curiosità: è come se questa conditio sine qua non del lavoro intellettuale fosse venuta meno e gli intellettuali volessero solo trovare conferma nel reale alle proprie tesi rassicuranti e politicamente orientate. La realtà, poiché questa conferma non può darla, viene perciò sconfessata e emendata, e affrontata con le strategie retoriche, anche esse molto in voga, dell’indignazione e del moralismo a buon mercato.

Il lavoro del liberale è però, a mio avviso, più umile e più affascinante insieme. Non è quello di porsi di fronte al mondo come un ariete, pieni delle proprie certezze, ma di scendere e vivere in esso affermando la libertà nel concreto delle situazioni e non nella vuota astrattezza teologale dei dogmi. Esiste infatti anche una teologia o una dogmatica sedicente liberale. Essa va scansata non per opportunismo o pragmatismo, ma semplicemente perché, a ben vedere, liberale proprio non è.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati