Mondo

Ecco come Pompeo ha bombardato l’Ue parlando al German Marshall Fund

di

Che cosa ha detto il Segretario di Stato americano Mike Pompeo intervenuto al German Marshall Fund su Unione europea e organizzazioni internazionali

Intervento letteralmente esplosivo di Mike Pompeo.

Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo al German Marshall Fund – consesso assai rappresentativo e non scelto a caso – ha annunciato che dal prossimo anno Washington sarà capofila di un fronte liberista alternativo di fatto al globalismo.

Ossia di un movimento che metta in prima fila gli interessi dei singoli paesi in subordine alle organizzazioni sovranazionali. E tutto questo fregandosene bellamente delle recenti prese di posizione tedesche e francesi su armate europee a difesa dell’Ue anche dagli Usa di Trump.

“L’Ue sta assicurando che gli interessi dei paesi e dei loro cittadini siano posti prima di quelli dei burocrati qui a Bruxelles?”, ha chiesto e si è chiesto il Segretario di Stato americano.

La ratio indicata da Pompeo è tanto semplice quanto efficace: il livello di benessere raggiunto con la Pax Americana post vittoria nella Seconda guerra mondiale e durante la Guerra fredda è stato impareggiabile per i Paesi alleati.

Interessante notare come Pompeo abbia indicato precisamente l’Ue come uno “strumento sorpassato”, assieme a Onu, Fmi e World Bank. In pratica è stata paventata l’esportazione del concetto dell’America First nel mondo, con supporto Usa. E dunque con tutte le sue “strutture operative” a supporto.

Ora Berlino deve scegliere: continuare per la strada vecchia ossia in collaborazione – sebbene chiaramente subordinata – agli Usa o aprire una nuova via di emancipazione europea dai poteri anglosassoni?

Alla fine il dramma tedesco con il Brexit non fu di tipo economico ma squisitamente geostrategico: assieme a Londra a tempo debito sarebbe stato possibile uscire dal giogo Usa; senza Londra a fianco dell’Ue tedesca la faccenda è tremendamente più complessa.

Uscita Londra ecco che l’asse franco-tedesco ha preso il sopravvento, in realtà era ed è il piano B.

Il discorso di Pompeo torna anche nei dettagli diciamo tecnici: il 3.1.2019 il nuovo Senato Usa prenderà potere con una maggioranza di 54 a 46 per i democratici (considerando anche il voto del Vice Presidente in caso di pareggio). Ossia Trump avrà finalmente il controllo di politica estera e Fed, a tutto tondo, senza discussioni.

Parimenti tra il 21.12.2018 e il 1.1.2019 di fatto si attiveranno ordini esecutivi presidenziali formati tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 in ambito di sicurezza nazionale, che potrebbero portare anche a tribunali militari interni in caso di alto tradimento.

La palla ora è nel campo di Berlino. Proprio come l’Italia, che però non ci pensa nemmeno a lasciare il dominus Usa, anzi ne ospita oggi la stragrande maggioranza delle sue armi strategiche nel Continente Europeo.

In soldoni, il messaggio di Pompeo è stato cristallino, del tipo: a noi non interessa nulla se Berlino vuole emanciparsi, il punto è che se le sue velleità di togliersi dal subordine Usa non verranno corrette radicalmente, gli Usa interverranno. Ed in ogni caso Washington diventerà capofila di un movimento sovranazionali per dare benessere e pace ai popoli di ogni Stato, saltando le istituzioni ad esempio comunitarie.

Discorso esplosivo. Infatti il silenzio è assordante.

Per leggere l’articolo completo clicca qui

+++

QUI IL VIDEO DELL’INTERVENTO DI POMPEO

ECCO IL TESTO COMPLETO DELL’INTERVENTO AL GERMAN MARSHALL FUND

SECRETARY POMPEO: Thank you, Ian, for the kind introduction. Good morning to all of you; thank you for joining me here today. It’s wonderful to be in this beautiful place, to get a chance to make a set of remarks about the very work that you do, the issues that confront the Marshall Fund and confront our region as well.
Before I start today with my formal remarks, it would be – I would be enormously remiss if I did not pay a well-deserved tribute to America’s 41st president, George Herbert Walker Bush. He was a – many of you know him. He was an unyielding champion of freedom around the world — first as a fighter pilot in World War II, later as a congressman. He was the ambassador to the United Nations, and then an envoy to China. He then had the same job I had as the director of the CIA – I did it longer than he did. He was then the vice president under Ronald Reagan.

I got to know him some myself. He was a wonderful brother, a father, a grandfather, and a proud American. Indeed, America is the only country he loved more than Texas. (Laughter.)

I actually think that he would be delighted for me to be here today at an institution named after a fellow lover of freedom, George Marshall. And he would have been thrilled to see all of you here, such a large crowd gathered who are dedicated to transatlantic bonds, so many decades after they were first forged.

The men who rebuilt Western civilization after World War II, like my predecessor Secretary Marshall, knew that only strong U.S. leadership, in concert with our friends and allies, could unite the sovereign nations all around the globe.

So we underwrote new institutions to rebuild Europe and Japan, to stabilize currencies, and to facilitate trade. We all co-founded NATO to guarantee security for ourselves and our allies. We entered into treaties to codify Western values of freedom and human rights.

Collectively, we convened multilateral organizations to promote peace and cooperation among states. And we worked hard – indeed, tirelessly – to preserve Western ideals because, as President Trump made clear in his Warsaw address, each of those are worth preserving.

This American leadership allowed us to enjoy the greatest human flourishing in modern history. We won the Cold War. We won the peace. With no small measure of George H. W. Bush’s effort, we reunited Germany. This is the type of leadership that President Trump is boldly reasserting.

After the Cold War ended, we allowed this liberal order to begin to corrode. It failed us in some places, and sometimes it failed you and the rest of the world. Multilateralism has too often become viewed as an end unto itself. The more treaties we sign, the safer we supposedly are. The more bureaucrats we have, the better the job gets done.

Was that ever really true? The central question that we face is that – is the question of whether the system as currently configured, as it exists today, and as the world exists today – does it work? Does it work for all the people of the world?

Today at the United Nations, peacekeeping missions drag on for decades, no closer to peace. The UN’s climate-related treaties are viewed by some nations as simply a vehicle to redistribute wealth. Anti-Israel bias has been institutionalized. Regional powers collude to vote the likes of Cuba and Venezuela onto the Human Rights Council. The UN was founded as an organization that welcomed peace-loving nations. I ask: Today, does it continue to serve its mission faithfully?

In the Western Hemisphere, has enough been done with the Organization of American States to promote its four pillars of democracy, human rights, security, and economic development in a region that includes the likes of Cuba, Venezuela, and Nicaragua?

In Africa, does the African Union advance the mutual interest of its nation-state members?

For the business community, from which I came, consider this: The World Bank and the International Monetary Fund were chartered to help rebuild war-torn territories and promote private investment and growth. Today, these institutions often counsel countries who have mismanaged their economic affairs to impose austerity measures that inhibit growth and crowd out private sector actors.

Here in Brussels, the European Union and its predecessors have delivered a great deal of prosperity to the entire continent. Europe is America’s single largest trading partner, and we benefit enormously from your success. But Brexit – if nothing else – was a political wake-up call. Is the EU ensuring that the interests of countries and their citizens are placed before those of bureaucrats here in Brussels?

These are valid questions. This leads to my next point: Bad actors have exploited our lack of leadership for their own gain. This is the poisoned fruit of American retreat. President Trump is determined to reverse that.

China’s economic development did not lead to an embrace of democracy and regional stability; it led to more political repression and regional provocations. We welcomed China into the liberal order, but never policed its behavior.

China has routinely exploited loopholes in the World Trade Organization rules, imposed market restrictions, forced technology transfers, and stolen intellectual property. And it knows that world opinion is powerless to stop its Orwellian human rights violations.

Iran didn’t join the community of nations after the nuclear deal was inked; it spread its newfound riches to terrorists and to dictators.

Tehran holds multiple American hostages, and Bob Levinson has been missing there for 11 years. Iran has blatantly disregarded UN Security Council resolutions, lied to the International Atomic Energy Agency inspectors about its nuclear program, and evaded UN sanctions. Just this past week, Iran test fired a ballistic missile, in violation of UN Security Council Resolution 2231.

Earlier this year, Tehran used the U.S.-Iran Treaty of Amity to bring baseless claims against the United States before the International Court of Justice – most all of this malign activity during the JCPOA.

Russia. Russia hasn’t embraced Western values of freedom and international cooperation. Rather, it has suppressed opposition voices and invaded the sovereign nations of Georgia and of Ukraine.

Moscow has also deployed a military-grade nerve agent on foreign soil, right here in Europe, in violation of the Chemical Weapons Convention to which it is a party. And as I’ll detail later today, Russia has violated the Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty for many years.

The list goes on. We have to account for the world order of today in order to chart the way forward. It is what America’s National Security Strategy deemed “principled realism.” I like to think of it as “common sense.”

Every nation – every nation – must honestly acknowledge its responsibilities to its citizens and ask if the current international order serves the good of its people as well as it could. And if not, we must ask how we can right it.

This is what President Trump is doing. He is returning the United States to its traditional, central leadership role in the world. He sees the world as it is, not as we wish it to be. He knows that nothing can replace the nation-state as the guarantor of democratic freedoms and national interests. He knows, as George H.W. Bush knew, that a safer world has consistently demanded American courage on the world stage. And when we – and when we all of us ignore our responsibilities to the institutions we’ve formed, others will abuse them.

Critics in places like Iran and China – who really are undermining the international order – are saying the Trump administration is the reason this system is breaking down. They claim America is acting unilaterally instead of multilaterally, as if every kind of multilateral action is by definition desirable. Even our European friends sometimes say we’re not acting in the world’s interest. This is just plain wrong.

Our mission is to reassert our sovereignty, reform the liberal international order, and we want our friends to help us and to exert their sovereignty as well. We aspire to make the international order serve our citizens – not to control them. America intends to lead – now and always.

Under President Trump, we are not abandoning international leadership or our friends in the international system. Indeed, quite the contrary. Just look, as one example, at the historic number of countries which have gotten on board our pressure campaign against North Korea. No other nation in the world could have rallied dozens of nations, from every corner of the world, to impose sanctions on the regime in Pyongyang.

International bodies must help facilitate cooperation that bolsters the security and values of the free world, or they must be reformed or eliminated.

When treaties are broken, the violators must be confronted, and the treaties must be fixed or discarded. Words should mean something.

Our administration is thus lawfully exiting or renegotiating outdated or harmful treaties, trade agreements, and other international arrangements that do not serve our sovereign interests, or the interests of our allies.

We announced our intent to withdraw from the Paris Agreement on climate change, absent better terms for the United States. The current pact would’ve siphoned money from American paychecks and enriched polluters like China.

In America, we’ve found a better solution – we think a better solution for the world. We’ve unleashed our energy companies to innovate and compete, and our carbon emissions have declined dramatically.

We changed course from the Iran deal, because of, among other things, Tehran’s violent and destabilizing activities, which undermined the spirit of the deal and put the safety of American people and our allies at risk. In its place, we are leading our allies to constrain Iran’s revolutionary ambitions and end Iran’s campaigns of global terrorism. And we needn’t a new bureaucracy to do it. We need to continue to develop a coalition which will achieve that outcome which will keep people in the Middle East, in Europe, and the entire world safe from the threat from Iran.

America renegotiated our treaty, NAFTA, to advance the interests of the American worker. President Trump proudly signed the U.S.-Mexico-Canada Agreement at the G20 this past weekend in Buenos Aires, and on Friday will submit it to the Congress, a body accountable to the American people.

The new agreement also includes renegotiation provisions, because no trade agreement is permanently suited to all times.

We have encouraged our G20 partners to reform the WTO, and they took a good first step in Buenos Aires this last week.

I spoke earlier about the World Bank and the IMF. The Trump Administration is working to refocus these institutions on policies that promote economic prosperity, pushing to halt lending to nations that can already access global capital markets – countries like China – and pressing to reduce taxpayer handouts to development banks that are perfectly capable of raising private capital on their own.

We’re also taking leadership, real action to stop rogue international courts, like the International Criminal Court, from trampling on our sovereignty – your sovereignty – and all of our freedoms. The ICC’s Office of the Prosecutor is trying to open an investigation into U.S. personnel in connection with the war in Afghanistan. We will take all necessary steps to protect our people, those of our NATO allies who fight alongside of us inside of Afghanistan from unjust prosecution. Because we know that if it can happen to our people, it can happen to yours too. It is a worthy question: Does the court continue to serve its original intended purpose?

The first two years of the Trump administration demonstrate that President Trump is not undermining these institutions, nor is he abandoning American leadership. Quite the opposite. In the finest traditions of our great democracy, we are rallying the noble nations of the world to build a new liberal order that prevents war and achieves greater prosperity for all.

We’re supporting institutions that we believe can be improved; institutions that work in American interests – and yours – in service of our shared values.

For example, here in Belgium in 1973, banks from 15 countries formed SWIFT to develop common standards for cross-border payments, and it’s now an integral part of our global financial infrastructure.

SWIFT recently disconnected sanctioned Iranian banks from its platform because of the unacceptable risk they pose to a system – to the system as a whole. This is an excellent example of American leadership working alongside an international institution to act responsibly.

Another example: the Proliferation Security Initiative, formed by 11 nations under the Bush administration to stop trafficking in weapons of mass destruction. It has since grown organically to 105 countries and has undoubtedly made the world safer.

And I can’t forget, standing here, one of the most important international institutions of them all – which will continue to thrive with American leadership. My very first trip, within hours of having been sworn in as a secretary of state, I traveled here to visit with our NATO allies. I’ll repeat this morning what I said then – this is an indispensable institution. President Trump wants everyone to pay their fair share so we can deter our enemies and defend people – the people of our countries.

To that end, all NATO allies should work to strengthen what is already the greatest military alliance in all of history.

Never – never – has an alliance ever been so powerful or so peaceful, and our historic ties must continue.

To that end, I’m pleased to announce that I will host my foreign minister colleagues for a meeting in Washington next April, where we will mark NATO’s 70th anniversary.

As my remarks come to a close, I want to repeat what George Marshall told the UN General Assembly back near the time of its formation in 1948. He said, quote, “International organizations cannot take the place of national and personal effort or of local and individual imagination; international action cannot replace self-help.” End of quote.

Sometimes it’s not popular to buck the status quo, to call out that which we all see but sometimes refuse to speak about. But frankly, too much is at stake for all of us in this room today not to do so. This is the reality that President Trump so viscerally understands.

Just as George Marshall’s generation gave life to a new vision for a safe and free world, so we call on you to have the same kind of boldness. Our call is especially urgent – especially urgent in light of the threats we face from powerful countries and actors whose ambition is to reshape the international order in its own illiberal image.

Let’s work together. Let’s work together to preserve the free world so that it continues to serve the interests of the people to whom we each are accountable.

Let’s do so in a way that creates international organizations that are agile, that respect national sovereignty, that deliver on their stated missions, and that create value for the liberal order and for the world.

President Trump understands deeply that when America leads, peace and prosperity almost certainly follow.

He knows that if America and our allies here in Europe don’t lead, others will choose to do so.

America will, as it has always done, continue to work with our allies around the world towards the peaceful, liberal order each citizen of the world deserves.

Thank you for joining me here today. May the Good Lord bless each and every one of you. Thank you. (Applause.)

IL TESTO DELL’INTERVENTO TRADOTTO IN ITALIANO

SEGRETARIO POMPEO: Grazie, Ian, per la gentile introduzione. Buongiorno a tutti voi; grazie per esservi uniti a me qui oggi. È meraviglioso essere in questo bellissimo posto, avere l’opportunità di fare una serie di osservazioni sul lavoro che svolgi, sui problemi che affrontano il Fondo Marshall e la nostra regione.
Prima di iniziare oggi con le mie osservazioni formali, sarebbe – Sarei enormemente negligente se non rendessi un ben meritato tributo al quarantunesimo presidente americano, George Herbert Walker Bush. Era un … molti di voi lo conoscono. È stato un sostenitore inarrestabile della libertà in tutto il mondo – prima come pilota di caccia nella seconda guerra mondiale, poi come membro del Congresso. È stato ambasciatore delle Nazioni Unite e quindi un inviato in Cina. Ha poi avuto lo stesso lavoro che ho avuto io come direttore della CIA – l’ho fatto più a lungo di lui. È stato poi vice presidente sotto Ronald Reagan.

Ho avuto modo di conoscerlo. Era un fratello meraviglioso, un padre, un nonno e un americano orgoglioso. In effetti, l’America è l’unico paese che amava più del Texas. (Risata.)

In realtà penso che sarebbe felice per me per trovarmi oggi in un’istituzione intitolata ad un compagno di libertà, George Marshall. E sarebbe stato entusiasta di vedere tutti voi qui, una folla così numerosa riunita che si è dedicata ai legami transatlantici, così tanti decenni dopo essere stati forgiati per la prima volta.

Gli uomini che ricostruirono la civiltà occidentale dopo la seconda guerra mondiale, come il mio predecessore, il segretario Marshall, sapevano che solo una forte leadership americana, in concerto con i nostri amici e alleati, poteva unire le nazioni sovrane in tutto il mondo.

Quindi abbiamo sottoscritto nuove istituzioni per ricostruire l’Europa e il Giappone, stabilizzare le valute e facilitare il commercio. Tutti noi abbiamo co-fondato la NATO per garantire la sicurezza per noi stessi e per i nostri alleati. Abbiamo stipulato trattati per codificare i valori occidentali di libertà e diritti umani.

Collettivamente, abbiamo convocato organizzazioni multilaterali per promuovere la pace e la cooperazione tra gli stati. E abbiamo lavorato sodo – anzi, instancabilmente – per preservare gli ideali occidentali perché, come il Presidente Trump ha chiarito nel suo discorso a Varsavia, ognuno di questi merita di essere preservato.

Questa leadership americana ci ha permesso di godere del più grande sviluppo umano nella storia moderna. Abbiamo vinto la guerra fredda. Abbiamo ottenuto la pace. Con non poca misura degli sforzi di George H. W. Bush, abbiamo riunito la Germania. Questo è il tipo di leadership che il presidente Trump sta audacemente riaffermando.

Dopo la fine della Guerra Fredda, abbiamo permesso a questo ordine liberale di cominciare a corrodersi. Ci ha deluso in alcuni punti e a volte ha deluso te e il resto del mondo. Il multilateralismo è stato visto troppo spesso come fine a se stesso. Più firmiamo i trattati, più pensiamo di essere al sicuro. Più burocrati abbiamo, migliore sarà il lavoro.

È stato mai veramente così? La questione centrale che dobbiamo affrontare è che – è la domanda se il sistema come attualmente configurato, come esiste oggi, e come il mondo gira oggi – funziona? Funziona per tutte le persone del mondo?

Oggi alle Nazioni Unite, le missioni di mantenimento della pace si trascinano da decenni, non più vicino alla pace. I trattati ONU sul clima sono considerati da alcune nazioni semplicemente come un veicolo per redistribuire la ricchezza. I pregiudizi anti-israeliani sono stati istituzionalizzati. Le potenze regionali entrano in collusione per votare come Cuba e il Venezuela sul Consiglio dei diritti umani. L’ONU è stata fondata come organizzazione che ha accolto le nazioni amanti della pace. Chiedo: oggi continua a servire fedelmente la sua missione?

Nell’emisfero occidentale, è stato fatto abbastanza con l’Organizzazione degli Stati americani per promuovere i suoi quattro pilastri della democrazia, dei diritti umani, della sicurezza e dello sviluppo economico in una regione che comprende persone come Cuba, Venezuela e Nicaragua?

In Africa, l’Unione Africana promuove l’interesse reciproco dei suoi membri dello stato-nazione?

Per la comunità imprenditoriale, da cui provengo, considera questo: La Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale sono stati istituiti per aiutare a ricostruire territori devastati dalla guerra e promuovere investimenti e crescita privati. Oggi queste istituzioni consigliano spesso ai paesi che hanno gestito male i loro affari economici di imporre misure di austerità che inibiscono la crescita e spiazzano gli attori del settore privato.

Qui a Bruxelles, l’Unione europea e i suoi predecessori hanno portato una grande prosperità in tutto il continente. L’Europa è il principale partner commerciale dell’America e traiamo enormi benefici dal vostro successo. Ma Brexit – se non altro – è stato un campanello d’allarme politico. L’UE sta assicurando che gli interessi dei paesi e dei loro cittadini siano posti prima di quelli dei burocrati qui a Bruxelles?

Queste sono domande valide. Questo porta al mio prossimo punto: i cattivi attori hanno sfruttato la nostra mancanza di leadership per il loro stesso guadagno. Questo è il frutto avvelenato del ritiro americano. Il presidente Trump è determinato a capovolgerlo.

Lo sviluppo economico della Cina non ha portato ad abbracciare la democrazia e la stabilità regionale; ha provocato più repressione politica e provocazioni regionali. Accogliamo la Cina nell’ordine liberale, ma non controlliamo mai il suo comportamento.

La Cina ha sfruttato abitualmente le scappatoie delle regole dell’Organizzazione mondiale del commercio, ha imposto restrizioni di mercato, trasferimenti di tecnologia forzata e proprietà intellettuale rubate. E sa che l’opinione pubblica mondiale è impotente nel fermare le sue violazioni orwelliane sui diritti umani.

L’Iran non si unì alla comunità delle nazioni dopo che l’accordo nucleare fu firmato; ha diffuso le sue nuove ricchezze ai terroristi e ai dittatori.

Teheran detiene diversi ostaggi americani e Bob Levinson è scomparso da 11 anni. L’Iran ha apertamente disatteso le risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU, mentito agli ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica riguardo al suo programma nucleare ed eluso le sanzioni ONU. Proprio la scorsa settimana, l’Iran ha testato un missile balistico, in violazione della risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

All’inizio di quest’anno, Teheran ha utilizzato il Trattato di Amity degli Stati Uniti-Iran per presentare rivendicazioni infondate contro gli Stati Uniti di fronte alla Corte internazionale di giustizia – la maggior parte di queste attività maligne durante il JCPOA.

Russia. La Russia non ha abbracciato i valori occidentali di libertà e cooperazione internazionale. Piuttosto, ha soppresso le voci dell’opposizione e ha invaso le nazioni sovrane della Georgia e dell’Ucraina.

Mosca ha anche schierato un agente chimico di grado militare in terra straniera, proprio qui in Europa, in violazione della Convenzione sulle armi chimiche di cui è membro. E come descriverò più tardi oggi, la Russia ha violato il Trattato Intermediate-Range Nuclear Forces per molti anni.

La lista continua. Dobbiamo rendere conto dell’ordine mondiale di oggi per tracciare la strada da seguire. È quello che la strategia di sicurezza nazionale dell’America ha definito “realismo di principio”. Mi piace considerarlo un “senso comune”.

Ogni nazione – ogni nazione – deve riconoscere onestamente le proprie responsabilità ai propri cittadini e chiedere se l’attuale ordine internazionale serve al meglio il bene della sua gente. E se no, dobbiamo chiederci come possiamo farlo.

Questo è ciò che il presidente Trump sta facendo. Sta restituendo agli Stati Uniti il suo ruolo di leadership tradizionale e centrale nel mondo. Vede il mondo così com’è, non come vorremmo che fosse. Sa che nulla può sostituire lo stato-nazione come garante delle libertà democratiche e degli interessi nazionali. Lui sa, come George H.W. Bush sapeva, che un mondo più sicuro ha costantemente richiesto il coraggio americano sulla scena mondiale. E quando noi – e quando tutti noi ignoriamo le nostre responsabilità verso le istituzioni che abbiamo formato, altri ne approfitteranno.

I critici in Iran e in Cina – paesi che stanno davvero minando l’ordine internazionale – stanno dicendo che l’amministrazione Trump è la ragione per cui questo sistema sta crollando. Esigono che l’America agisca unilateralmente anziché multilateralmente, come se ogni tipo di azione multilaterale fosse per definizione vantaggiosa. Persino i nostri amici europei a volte dicono che non stiamo agendo nell’interesse del mondo. Questo è semplicemente sbagliato.

La nostra missione è di riaffermare la nostra sovranità, riformare l’ordine internazionale liberale e vogliamo che i nostri amici ci aiutino e che esercitino anche la loro sovranità. Aspiriamo a rendere l’ordine internazionale al servizio dei nostri cittadini, non a controllarli. L’America intende condurre – ora e sempre.

Sotto il presidente Trump, non stiamo abbandonando la leadership internazionale o i nostri amici nel sistema internazionale. Anzi, al contrario. Basti guardare, ad esempio, al numero storico di paesi coinvolti nella nostra campagna di pressione contro la Corea del Nord. Nessun’altra nazione al mondo avrebbe potuto radunare dozzine di nazioni, da ogni angolo del mondo, per imporre sanzioni al regime di Pyongyang.

Gli organismi internazionali devono contribuire a facilitare la cooperazione che rafforza la sicurezza e i valori del mondo libero, oppure devono essere riformati o eliminati.

Quando i trattati vengono infranti, i trasgressori devono essere affrontati e i trattati devono essere riparati o scartati. Le parole dovrebbero significare qualcosa.

La nostra amministrazione sta quindi uscendo o rinegoziando legalmente trattati obsoleti o dannosi, accordi commerciali e altri accordi internazionali che non servono i nostri interessi sovrani o gli interessi dei nostri alleati.

Abbiamo annunciato la nostra intenzione di recedere dall’accordo di Parigi sul cambiamento climatico, in assenza di termini migliori per gli Stati Uniti. L’attuale patto avrebbe sottratto denaro dagli stipendi americani e arricchito gli inquinatori come la Cina.

In America, abbiamo trovato una soluzione migliore: pensiamo a una soluzione migliore per il mondo. Abbiamo scatenato le nostre società energetiche per innovare e competere e le nostre emissioni di carbonio sono diminuite drasticamente.

Abbiamo cambiato rotta sull’accordo con l’Iran, a causa, tra le altre cose, delle attività violente e destabilizzanti di Teheran, che hanno minato lo spirito dell’accordo e messo a rischio la sicurezza degli americani e dei nostri alleati. Al suo posto, stiamo guidando i nostri alleati per limitare le ambizioni rivoluzionarie dell’Iran e porre fine alle campagne di terrorismo globale dell’Iran. E non abbiamo bisogno di una nuova burocrazia per farlo. Dobbiamo continuare a sviluppare una coalizione che realizzerà quel risultato che manterrà le persone in Medio Oriente, in Europa e nel mondo intero al riparo dalla minaccia iraniana.

L’America ha rinegoziato il nostro trattato, il NAFTA, per promuovere gli interessi del lavoratore americano. Lo scorso fine settimana il presidente Trump ha firmato con orgoglio l’accordo USA-Messico-Canada al G20 a Buenos Aires, e venerdì lo sottoporrà al Congresso, un organismo responsabile nei confronti del popolo americano.

Il nuovo accordo include anche disposizioni sulla rinegoziazione, poiché nessun accordo commerciale è sempre adatto a tutti i tempi.

Abbiamo incoraggiato i nostri partner del G20 a riformare l’OMC, e hanno fatto un buon primo passo a Buenos Aires questa settimana scorsa.

Ho parlato prima della Banca mondiale e del Fondo monetario internazionale. L’amministrazione Trump sta lavorando per riorientare queste istituzioni su politiche che promuovono la prosperità economica, spingendo a fermare i prestiti alle nazioni che possono già accedere ai mercati dei capitali globali – paesi come la Cina – e premendo per ridurre le dispense dei contribuenti alle banche di sviluppo che sono perfettamente in grado di sollevare privati capitale per conto proprio.

Stiamo anche assumendo la guida, una vera azione per fermare i tribunali internazionali canaglia, come la Corte penale internazionale, dal calpestare la nostra sovranità – la vostra sovranità – e tutte le nostre libertà. L’ufficio del procuratore dell’ICC sta cercando di aprire un’indagine sul personale degli Stati Uniti in connessione con la guerra in Afghanistan. Adotteremo tutte le misure necessarie per proteggere il nostro popolo, quelli dei nostri alleati della NATO che combattono a fianco di noi all’interno dell’Afghanistan da un procedimento giudiziario ingiusto. Perché sappiamo che se può succedere al nostro popolo, può succedere anche al tuo. È una domanda degna: la corte continua a servire al suo scopo originale?

I primi due anni dell’amministrazione Trump dimostrano che il presidente Trump non sta minando queste istituzioni, né sta abbandonando la leadership americana. Piuttosto il contrario. Nelle migliori tradizioni della nostra grande democrazia, stiamo radunando le nazioni nobili del mondo per costruire un nuovo ordine liberale che prevenga la guerra e raggiunga una maggiore prosperità per tutti.

Sosteniamo le istituzioni che riteniamo possano essere migliorate; istituzioni che lavorano negli interessi americani – e nei tuoi – al servizio dei nostri valori condivisi.

Ad esempio, qui in Belgio nel 1973, le banche di 15 paesi hanno costituito SWIFT per sviluppare standard comuni per i pagamenti transfrontalieri ed è ora parte integrante della nostra infrastruttura finanziaria globale.

SWIFT ha recentemente disconnesso le banche iraniane sanzionate dalla sua piattaforma a causa del rischio inaccettabile che rappresentano per un sistema – per il sistema nel suo insieme. Questo è un eccellente esempio di leadership americana che lavora al fianco di un’istituzione internazionale per agire responsabilmente.

Un altro esempio: la Proliferation Security Initiative, formata da 11 nazioni sotto l’amministrazione Bush per fermare il traffico di armi di distruzione di massa. Da allora è cresciuto in modo organico in 105 paesi e ha indubbiamente reso il mondo più sicuro.

E non posso dimenticare, stando qui, una delle più importanti istituzioni internazionali  – che continuerà a prosperare con la leadership americana. Il mio primo viaggio, poche ore dopo aver prestato giuramento come segretario di stato, è stato qui per visitare i nostri alleati della NATO. Ripeterò quello che dissi allora, questa è un’istituzione indispensabile. Il presidente Trump vuole che tutti paghino la loro giusta quota per poter scoraggiare i nostri nemici e difendere la gente, la gente dei nostri paesi.

A tal fine, tutti gli alleati della NATO dovrebbero lavorare per rafforzare quella che è già la più grande alleanza militare di tutta la storia.

Mai – mai – un’alleanza è mai stata così potente o così pacifica e i nostri legami storici devono continuare.

A tal fine, sono lieto di annunciare che ospiterò i miei colleghi dei ministri degli esteri per un incontro a Washington il prossimo aprile, in cui celebreremo il 70 ° anniversario della NATO.

Mentre le mie osservazioni giungono al termine, voglio ripetere ciò che George Marshall ha detto all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di nuovo vicino al momento della sua formazione nel 1948. Ha detto, cito, “Le organizzazioni internazionali non possono prendere il posto di sforzi nazionali e personali o di iniziative locali e immaginazione individuale; l’azione internazionale non può sostituire l’auto-aiuto”. Fine della citazione.

A volte non è popolare rifiutare lo status quo, chiamare col proprio nome ciò che tutti noi vediamo ma rifiutando di parlarne. Ma francamente, per tutti noi in questa stanza oggi la posta in gioco è troppo alta per non farlo. Questa è la realtà che il presidente Trump ha capito visceralmente.

Proprio come la generazione di George Marshall ha dato vita a una nuova visione per un mondo sicuro e libero, vi invitiamo ad avere lo stesso tipo di audacia. La nostra chiamata è particolarmente urgente – particolarmente urgente alla luce delle minacce che dobbiamo affrontare da paesi e attori potenti la cui ambizione è di rimodellare l’ordine internazionale nella propria immagine illiberale.

Lavoriamo insieme. Lavoriamo insieme per preservare il mondo libero in modo che continui a servire gli interessi delle persone a cui ognuno di noi è responsabile.

Facciamolo in un modo che crei organizzazioni internazionali che siano agili, rispettino la sovranità nazionale, che mantengano le loro missioni dichiarate e che creino valore per l’ordine liberale e per il mondo.

Il presidente Trump comprende profondamente che quando l’America guida, seguono la pace e la prosperità quasi certamente.

Sa che se l’America e i nostri alleati qui in Europa non assumano la guida, altri decideranno di farlo.

L’America, come ha sempre fatto, continuerà a lavorare con i nostri alleati in tutto il mondo verso l’ordine pacifico e liberale che ogni cittadino del mondo merita.

Grazie per esserti unito a me qui oggi. Possa il Buon Dio benedire ognuno di voi. Grazie.

APP Intesa Sanpaolo Mobile SNAM

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati