Mondo

Petrolio, tutti gli ultimi schizzi di guerra tra Noc e Haftar in Libia

di

libia

Tutte le novità in Libia commentate da Giuseppe Gagliano

Quanto intrinsecamente instabile sia la situazione in Libia lo dimostra il fatto che le comunità locali della Libia orientale hanno preso possesso il 17 gennaio degli snodi portuali destinati all’esportazione di petrolio annunciando nel contempo la chiusura dei terminali di Zueitina, collocati nell’Est del Paese, chiusura alla quale dovrebbe seguire il blocco delle esportazioni a partire dal 18 gennaio.

Una tale azione, compiuta verosimilmente a scopo intimidatorio nei confronti delle eventuali decisioni che potrebbero venire prese a Berlino, è stata accolta favorevolmente dal portavoce ufficiale dell’Lna, Ahmed al-Mismari.

Al contrario la NOC non poteva che condannare quest’operazione sottolineando le possibili implicazioni negative che potrebbero derivarne dal momento che il settore petrolifero e del gas costituisce il sistema arterioso dell’economia libica.

Entrando nel dettaglio il blocco previsto si posiziona sul piano geografico lungo la costa nord orientale della Libia che come noto è sotto il controllo militare di Haftar. Ancora più significativo è il fatto che le tribù abbiano chiesto la chiusura degli oleodotti di Mellitah, Brega e Misurata.

Alla luce di questa novità – che non deve essere letta come un mero fatto di cronaca – due osservazioni sorgono spontanee: da un lato il fatto che si siano sottovalutate il ruolo essenziale sul piano storico delle tribù libiche e dall’altro lato il fatto che appare francamente inverosimile che la conferenza di Berlino possa effettivamente risolvere una situazione così magmatica e contraddittoria visto che numerosi sono i player che si battono su questa scacchiera e troppi sono gli interessi contrastanti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati